Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Venerdì 6 dicembre 2019 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 05/12/2019
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

6/12/19, ore 5:14

Temperatura: 3.8°C
Umidità relativa: 81%
Pressione: 1025.85mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

06/12/19, ore 5.16

Temperatura: 1.7°C
Umidità relativa: 91%
Pressione: 1026.9mB
Le galaverne di inizio Gennaio 2009   Inserito il› 06/02/2009 7.39.24
Aggiornato il› 06/02/2009 19.30.58
 
La galaverna è un fenomeno davvero affascinante ed altrettanto raro, dovuto alla deposizione delle goccioline della nebbia che stratificano su oggetti e superficie tanto fredde da permetterne il congelamento. In presenza di una leggera brezza e di una persitenza della nebbia le scaglie di ghiaccio si depositano sulla vegetazione, sulle strade e nei campi accumulando un manto bianco che può raggiungere uno spessore dell'ordine di diversi millimetri.
 
La galaverna si presenta in condizioni di tempo stabile, quando il raffreddamento da irraggiamento notturno è tale da creare un'inversione termica al suolo con temperature negative che si protraggono per molte ore ed in alcuni casi per qualche giorno. Le giornate di "ghiaccio" sono in questi casi accompagante da nebbia che difficilmente si solleva dal suolo e che raramente si dissolve nelle ore centrali della giornata. Questa condizone si presentava sulla Pianura Padana con maggiore frequenza negli anni passati, rappresentando le potenzialità climatiche continentali della nostra Regione, dove in inverno il freddo sembrava "autoprodursi" con il trascorrere dei giorni.
 
Tra Capodanno e l'Epifania del 2009 la Pianura Padana è stata raggiunta da un blando afflusso di aria fredda proveniente dai Balcani, calato in  un regime anticiclonico. La stabilità dell'aria ha permesso il consolidarsi di uno strato d'aria fredda, schiacciata al suolo da un'inversione termica. Grazie alla nebbia piuttosto estesa e persistente, le temperature si sono mantenute in molti casi negative anche nelle ore diurne. In questo modo la deposizione di ghiaccio ha potuto conservarsi ed accrescersi gradualmente anche nei giorni successivi, fin tanto che un flusso di aria mite ed umida ha iniziato a scorrere sopra il "cuscino freddo" dando luogo all'abbondante nevicata del 6-7 Gennaio.
 
 
 



Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2019 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI