Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Mercoledì 20 marzo 2019 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 19/03/2019
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

20/3/19, ore 16:09

Temperatura: 14.3°C
Umidità relativa: 38%
Pressione: 1028.49mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

20/03/19, ore 16.09

Temperatura: 14.3°C
Umidità relativa: 34%
Pressione: 1028.4mB
Il Commento meteo-climatico al mese di GENNAIO 2008 (parte 1ª)   Inserito il› 06/03/2008 13.21.27
Gennaio 2008 è stato caratterizzato quasi ovunque da temperature superiori alla media stagionale.   Condizioni sempre miti ma pressoché normali sono state appannaggio solo delle vallate alpine (vedi fig.1).   Se analizziamo l’intera serie storica delle località lombarde a nostra disposizione, possiamo classificare climaticamente il mese di Gennaio ad Olmo al Brembo (55°perc.) come nella norma.   La pianura occidentale con Spessa (83°perc.) e Milano (88°perc.) ha registrato condizioni più calde rispetto alla norma.   La pianura Orientale e la fascia pedemontana hanno, infine, registrato con Varese (93°perc.) e Ghedi (96°perc.) un Gennaio molto caldo punto di vista termico.  

Gennaio è solitamente caratterizzato da numerose giornate di gelo e da temperatura massime raramente superiori a 10°C.   Una parziale carenza delle prime ed un’abbondanza delle seconde sono state lo specchio del flusso mite che ha interessato la regione Padano-alpina per quasi tutto il mese.    Infatti, abbiamo registrato poche giornate di GELO, cioè con temperatura minima uguale o inferiore a 0°C (vedi Milano 10gg contro 19gg della media 1984-2008).   Al contrario i giorni con temperatura massima superiore a 10°C sono stati nettamente superiori alla norma (vedi Milano 10gg contro 4gg della media 1984-2008) e superati solo dall’eccezione annata 2007 (ben 14gg).


Curiosità da segnalare:

Alla terza decade, eccezionalmente mite, appartiene l’episodio di föhn del 27/28 Gennaio, durante il quale si sono stabiliti diversi nuovi record di temperatura decadali.

 
Fig.1 anomalia della temperatura a livello del suolo per il mese di GENNAIO
rispetto alla media climatica 1971-2000 - elaborazione Meteo CH

Il mese di Gennaio, come evidenziato dall’anomalia di GPT a 500hPa (vedi Fig.2), è stato caratterizzato da condizioni di NAO positiva con il flusso perturbato, che inizialmente è riuscito ad aprirsi la strada verso il Mediterraneo.   Esso ha generato una lunga fase perturbata sull’Italia.  

In seguito l’anticiclone sub-tropicale è tornato a gonfiarsi sull’Europa Occidentale, estendendo la sua influenza a quasi tutto il continente, come evidenziato dall’anomalia di GPT.   Il VP polare ha, così, ripreso ad approfondirsi, presentando un lobo canadese molto attivo e pilotando aria mite atlantica  verso l’Europa.   Da qui l’anomalia termica positiva che ha interessato il Vecchio Continente.


Il constante flusso umido atlantico, facente perno sul profondo minimo tra l’Islanda e le Isole Britanniche ha così apportato abbondantissime piogge dal Regno Unito alla Scandinavia e dall’Olanda fino alla Bielorussia.   Ancora una volta su queste zone sono mancate condizioni di gelo pungente.


 
Fig.2 anomalia del GPT a 500hPa per il mese di GENNAIO
rispetto alla media climatica 1971-2000 - elaborazione Meteo CH

Dal punto di vista pluviometrico ricordiamo che Gennaio risulta essere uno dei mesi più secchi dell’anno sull’area lombarda con valori medi che localmente scendono sotto i 50mm.   Tutta la Lombardia ha registrato accumuli di pioggia decisamente abbondanti, in molti casi pari al doppio o se non al triplo del accumulo medio mensile.

La climatologia consegna alla storia un Gennaio con precipitazioni pressoché normali sull’area alpina e prealpina della Lombardia Centro-Est (Olmo al Brembo - 71°perc.), piovoso sulla pianura Orientale (Ghedi - 82°perc.), molto piovoso sulla Lombardia Occidentale (valori compresi tra Varese - 93°perc. e Milano - 96°perc.).


Curiosità da segnalare:

1) La seconda decade del mese è risultata su gran parte della regione la più piovosa degli ultimi 30 anni con precipitazioni che spesso hanno assunto caratteristiche quasi autunnali.
2) La neve ha fatto un’unica comparsa in pianura tra il 2-4 Gennaio, mentre in seguito episodi nevosi sono scesi fino alla quota di 200-400m solo nell’Alto Varesotto e nel Canton Ticino.   A livello regionale discreti accumuli si sono avuti solo alle medie quote, cioè attorno a 1500m.

 
 
Fig.3 Accumulo totale delle precipitazioni di GENNAIO e loro ammontare (in percentuale)
rispetto alla media pluriennale (1968-1997) - elaborazione CPC-NOAA


***GENNAIO 2008 : Evoluzione meteorologica e cifre***

** 1ª Decade**

Decade con valori termici pienamente normali
--> media temperature minime:    +1,0°C dalla norma (nella norma)
--> media temperature massime:  -1,0°C dalla norma (nella norma)
  • Dal giorno 1 al 2: Formazione di una potente cellula di alta pressione tra la Finlandia e la Bielorussia (1060hPa) con afflusso di aria artico-marittima in direzione della pianura padana.   Contemporaneo sviluppo di una saccatura sul Mediterraneo Ovest ed avanzata di un sistema perturbato verso l'Italia.   Progressivo peggioramento con primi episodi di neve su Lombardia Ovest.   Esordio d'anno con temperature minime rigide.  
        Le temperature minime più significative (giorno 1):
        *Saone (TN) -9.5°C
        *Ganna (VA) -9.1°C
        *Oga (SO) -8.7°C
        *Aprica (SO) -7.9°C
        *Piani di Bobbio (LC) -7.7°C
        *Ponte di Legno (BS) -7.6°C
        *Sabbio Chiese (BS) e Lanzada (SO) -7.4°C
        *Carimate (CO) e Piateda (SO) -7.2°C  
  • Dal giorno 3 al 4: Fase di maltempo con transito di una prima perturbazione che porta neve fino al piano specie su Pavese, Lodigiano e Milanese.   Sull'Est della regione richiamo sciroccale: In pianura e sui colli rapida trasformazione delle precipitazioni in pioggia.   Nel corso del g.4 arrivo di una seconda perturbazione con piogge diffuse ed  innalzamento del limite neve attorno a 800-1000m.
  • Approfondimento: La nevicata irregolare del 3-4 Gennaio 2008 
        Gli accumuli nevosi più significativi in cm (giorno 3/4):
        *Brallo di Pregola (PV) 40
        *Dorno (PV) 30
        *Pontecurone (AL) 29
        *Voghera (PV) 28.5
        *S.Alessio con Vialone (PV) 27
        *Oga (SO) 26
        *S.Giovanni Bianco (BG) e Castelnuovo Scrivia (AL) 25
        *Pieve del Cairo (AL) 24.5  
  • Dal giorno 5 al 6: La fase perturbata prosegue con il cut-off della saccatura mediterranea e l'arrivo di un terzo impulso perturbato oceanico.   Esso è alimentato da aria meno fredda di origine polare marittima.   Ne consegue pioggia al piano ed abbondanti nevicate oltre 700-1000m.  
        La distribuzione media delle precipitazioni provincia per provincia:
        *Bergamo, Como, Lecco e Sondrio 25-40mm
        *Brescia, Pavia e Ticino 20-35mm
        *Cremona, Milano e Monza & B.za 15-25mm
        *Lodi e Varese 10-20mm
        *Mantova 5-15mm  

        
Gli accumuli più significativi in mm (giorno 5):
        *Bellano (LC) 35
        *Niviano (PC) 32
        *Tremezzo (CO) 27
        *Garlasco (PV) 26
        *Buccinasco (MI), Ponte Giurino, S.Pellegrino T.me (BG) e
Brescia-Leonessa 22     
  • Dal giorno 7 al 10: Graduale rialzo della pressione sul Mediterraneo e sulla regione alpina.   Il flusso perturbato oceanico tende a scorrere dalle Isole Britanniche verso la Germania e la Russia.   Ne consegue una fase con variabilità atmosferica, ma senza precipitazioni.   Nebbie estese su media e bassa Padana.   Al di sopra delle nebbia temperature massime miti per il periodo.  
        Le temperature massime più significative (giorno 7):
        *Colombare di Sirmione (BS) 10.7°C
        *Piancogno (BS) 9.7°C
        *Tremosine (BS) 9.4°C
        *Varese CGP e Garda (VR) 9.3°C
        *Ponte Giurino (BG) 9.1°C
        *Luino (VA) 9.0°C
        *Manerba del Garda (BS) 8.9°C
        *Dervio (LC), Dongo (CO) e Castro (BG) 8.6°C  

        Le
temperature massime più significative (giorno 10):
        *Cunardo (VA) 10.9°C
        *Colombare di Sirmione (BS) 10.1°C
        *Cremona 10.0°C
        *Dongo (CO) 9.8°C
        *Borgomanero (NO) 9.5°C
        *Leno (BS) e S.Giorgio di Mantova (MN) 9.1°C
        *Manerba del Garda (BS) 9.0°C
        *Crema(CR) 8.9°C

** 2ª Decade**

Decade con valori termici al di sopra della media specie nei minimi

--> media temperature minime:    +3,5°C dalla norma (mite)
--> media temperature massime:  +1,7°C dalla norma (mite)
  • Dal giorno 11 al 13: L'anticiclone europeo si ritira sui Balcani ed un'intensa perturbazione, alimentata da aria polare marittima, investe il N-Italia ed apporta estese precipitazioni.   Neve fino a 200-400m su Varesotto e Ticino, oltre 1000-1200m sul resto della regione.  
        La distribuzione media delle precipitazioni provincia per provincia:
        *Como e Varese 60-100mm
        *Milano, Monza & B.za e Ticino 40-75mm
        *Bergamo, Brescia, Lecco, Pavia e Sondrio 30-60mm
        *Cremona, Lodi e Mantova 20-40mm  

       
Gli accumuli più significativi in mm (giorno 12):
5        *Torno (CO) e Varese-Avigno 83
        *Maccagno (VA) 81
        *Casciago (VA) 79
        *Meride (TI) e Cuveglio (VA) 76
        *Moltrasio (CO) 75
        *Como-Breccia 72
        *Alzate Brianza (CO) 68
        *Monteggio (TI) 67  

        Clima relativamente mite con temperature minime comprese tra 0/5°C e temperature massime tra 7/12°C.  

       
Le temperature massime più significative (giorno 12):
        *S.Possidonio (MO) 15.4°C
        *Sermide (MN) 13.8°C
        *Villafranca (VR) 13.2°C
        *S.Benedetto Po (MN) e Garda (VR) 12.9°C
        *S.Giorgio di Mantova (MN) e Pescantina (VR) 12.4°C
        *Castel d'Azzano (VR) 12.3°C
        *Borgo di Terzo (BG) 11.9°C
        *Brescia-Castello e Sirmione (BS) 11.8°C  
  • Dal giorno 14 al 15: L'anticiclone sui Balcani continua la sua azione di blocco, mentre un altro sistema nuvoloso meno attivo raggiunge la regione Padano-alpina.   Prosegue la fase di variabilità perturbata con precipitazioni intermittenti.   Qualche debole nevicata su Alpi e Prealpi oltre 1000-1200m.  
        La distribuzione media delle precipitazioni provincia per provincia:
        *Varese 10-25mm
        *Como, Milano, Monza & B.za, Pavia e Ticino 7-15mm
        *Bergamo, Cremona, Lecco e Lodi 5-10mm
        *Brescia, Mantova e Sondrio 0-5mm  

        Valori termici mediamente compresi tra 3/10°C.
       
        
Le temperature massime più significative (giorno 14):
        *
S.Giorgio di Mantova (MN) 12.7°C
        *Sermide (MN) 11.9°C
        *Villafranca (VR) 11.2°C
        *Isola della Scala, Castel d'Azzano (VR) e Poviglio (RE) 10.8°C
        *Pescantina (VR) 10.6°C
        *S.Possidonio (MO) 10.5°C
        *Colombare (BS), Cremona e Parma Est 10.4°C  
  • Dal giorno 16 al 17: Un terzo sistema nuvoloso, alimentato da un vortice tra le Isole Britanniche ed il Mare del Nord, interessa il N-Italia ed apporta precipitazioni nevose fino a 200-400m su Varesotto, Ticino e Valtellina, altrove oltre 800-1000m.   Si registra la 2ª decade di Gennaio più piovosa in Lombardia degli ultimi 30 anni.   
        La distribuzione media delle precipitazioni provincia per provincia: 
        *
Como, Milano, Monza & B.za, Sondrio, Ticino e Varesotto 20-45mm
        *Bergamo, Brescia, Lecco e Pavia 15-30mm
        *Cremona, Lodi e Mantova 5-20mm  

        
Gli accumuli più significativi in mm (giorno 16):
        *Vergiate (VA) 55
        *Ganna (VA)
53
        *Varese-CGP, Brinzio (VA) e Como-M.te Olimpino 51
        *Valmorea, Caslino Erba (CO), Luvinate e Besnate (VA) 50
        *Ossona (MI) 48 

        Clima sempre mite con temperature massime in rialzo
       
Le temperature massime più significative (giorno 14):
        *
Marcallo con Casone (MI) 13.1°C
        *Casalpusterlengo (LO) 13.0°C
        *Codogno (LO) e Monza 12.9°C
        *Ponte Giurino (BG) e Milano-Bicocca 12.6°C
        *Gallarate (VA) e Crema (CR) 12.5°C
        *Vimodrone (MI) 12.4°C
        *Borgomanero (NO) e Molteno (LC) 12.3°C  
  • Dal giorno 18 al 20: L'anticiclone delle Azzorre avanza verso l'Europa, portando i suoi massimi tra la Spagna e la Francia.   Ne consegue la risalita del flusso perturbato verso latitudini più settentrionali ed un progressivo miglioramento delle condizioni atmosferiche.  Graduale intensificazione ed estensione della nebbia in pianura.
        Le temperature massime più significative (giorno 18/19):
        *Drezzo (CO) 13.8°C
        *Borgomanero (NO) 13.6°C
        *Cunardo (VA) e Molteno (LC) 13.4°C
        *Erba (CO) 13.3°C
        *Olgiate Comasco (CO) 13.2°C
        *Vergiate (VA) 13.1°C
        *Arosio (CO) 13.0°C 


       
Le temperature minime più significative (giorno 20):
        *Ganna (VA) -4.3°C
        *Cunardo (VA) -3.6°C
        *Besnate (VA) -3.0°C
        *Vergiate (VA) -2.9°C
        *Saone (TN) -2.8°C
        *Sabbio Chiese (BS) -2.6°C
        *Monteggio (TI) -2.4°C

** 3ª Decade**

Decade con valori termici molto al di sopra della media specie nei valori massimi

--> media temperature minime:    +2,2°C dalla norma (miti)
--> media temperature massime:  +5,0°C dalla norma (estremamente miti)
  • Dal giorno 21 al 23: L'alta pressione delle Azzorre si allunga con un cuneo fino alla Norvegia, favorendo la discesa di un fronte freddo verso le Alpi Orientali ed i Balcani.   Ne consegue la dissoluzione della nebbia presente in pianura e l'instaurarsi di condizioni favoniche con temperature massime decisamente miti
        Le temperature massime più significative (giorno 22):
        *Monza 16.8°C
        *Paladina (BG) 16.5°C
        *Caslino d'Erba (CO) 16.4°C
        *Vimodrone (MI) 16.3°C
        *Cassano d'Adda (MI) 16.2°C
        *Erba (CO), Bernareggio (MB) e Molteno (LC) 16.1°C
        *Missaglia (LC) 16.0°C  

        Qualche gelata consistente post-favonica
   
        
Le temperature minime più significative (giorno 23):
        *Sabbio Chiese (BS) -5.0°C
        *Piani di Bobbio (LC) -4.8°C
        *Ponte di Legno (BS) -4.2°C
        *Aprica (SO) -4.1°C
        *Ponte Giurino (BG) -3.6°C
        *Cunardo (VA) -3.5°C
        *Poschiavo (GR) e Lanzada (SO) -3.4°C
        *Oga (SO) -3.2°C  
  • Dal giorno 24 al 26: Potente dominio anticiclonico dall'Iberia fino alla regione Balcanico-danubiana con forte brina all'alba. 
        Le temperature minime più significative (giorno 24):
        *Poschiavo (GR) -5.8°C
        *Saone (TN) -5.4°C
        *Ganna (VA) -5.1°C
        *Cunardo (VA) -4.8°C
        *Sabbio Chiese (BS) -4.7°C
        *Ponte di Legno (BS) -4.4°C
        *Lanzada e Aprica (SO) -4.3°C
        *Carimate (CO) -3.9°C  

        Il centro anticiclonico a fine periodo si posiziona sulla Francia, mentre i sistemi perturbati oceanici interessano solo il N-Europa.  
        Temperature diurne miti a livello regionale

       
Le temperature massime più significative (giorno 25/26):
        *Chiavenna (SO) 17.9°C
        *Minusio e Biasca (TI) 16.5°C
        *Drezzo (CO) 16.3°C
        *Como-Breccia e Colombare di Sirmione (BS) 15.8°C
        *Massagno e Breganzona (TI) 15.7°C
        *Molteno(LC) 15.6°C
        *Olgiate Comasco (CO) 15.5°C
        *Cremia (CO) 15.4°C
        *Garda (VR) 15.3°C  
        Le temperature massime più significative (giorno 27/28):
        *Borgomanero (NO) 23.4°C
        *Caslino d'Erba (CO) 23.0°C
        *Erba (CO) 22.8°C
        *Massagno (TI) e Piacenza 22.6°C
        *Maccagno (VA), Dervio e Molteno (LC) 22.2°C
        *Andalo Valtellino (SO), Valmadrera (LC), Monteggio(TI) e Varese-CGP 22.1°C
        *Drezzo (CO) e Besnate (VA) 21.9°C
        *Lecco e Rogeno (LC) 21.8°C
        *Olgiate Comasco (CO) e Vergiate (VA) 21.6°C  
  • Dal giorno 29 al 31: L'anticiclone si indebolisce e consente il transito di una debole onda ciclonica, alimentata da aria polare marittima.   Accumuli modesti ed inferiori a 5mm a livello regionale  Clima sempre mite, ma con temperature massime decisamente più fresche rispetto ai giorni precedenti
        Le temperature massime più significative (giorno 29):
        *Montagna in Valtellina (SO) 14.1°C
        *Colombare di Sirmione (BS) 13.9°C
        *Salice Terme (PV) 13.7°C
        *Desenzano (BS) 13.6°C
        *Massagno (TI), Drezzo (CO) e Pescantina (VR) 13.5°C
        *Gallarate (VA) 13.2°C
        *Saone (TN) 13.1°C
        *Castano Primo (MI), Borgomanero (NO) e Como-Lago 12.8°C
        *Codogno(LO) 12.7°C
        *Vestone (BS) e Villafranca(VR) 12.6°C







Succ.
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2019 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI