Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Domenica 18 agosto 2019 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 17/08/2019
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

18/8/19, ore 23:19

Temperatura: 26.4°C
Umidità relativa: 59%
Pressione: 1014.81mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

18/08/19, ore 23.18

Temperatura: 24.3°C
Umidità relativa: 70%
Pressione: 1014.8mB
16 Marzo 2008 - La Supercella "fuori da ogni logica"   Inserito il› 17/03/2008 15.00.07

1a Parte (pagina corrente): Analisi sinottica dell'evento

 >> 2a parte: Analisi al radar della Supercella

 >> 3a parte: Analisi al Satellite del temporale, più alcune fotografie

>> 4a parte: Un'ulteriore ipotesi sulla genesi della Supercella - a cura di Davide Sironi


Premessa
: attraverso un'analisi a POSTERIORI dell'evento in questione, utilizzando le mappe che abbiamo a disposizione, sono riuscito a capire le varie concause che hanno portato alla genesi del temporale in questione. Tuttavia, è doveroso precisare che si è trattato di un evento totalmente eccezionale e imprevedibile; a priori, quindi, nessuno poteva attendersi un evento del genere nonostante la discreta mole di strumenti previsionali cui possiamo attingere.

La sinottica del 16 Marzo vede l'approssimarsi di una debole saccatura dalla Francia; nel suo movimento verso Est ad essa è associato un nocciolo di aria fredda in quota che, seguendo la stessa traiettoria, si appresta ad interessare il Nord-Italia:


Fonte: www.meteoliguria.it


Sempre alla quota di 500hPa si registra un discreto aumento di vorticità a livello generale che tende a predisporre l'atmosfera allo sviluppo di moti convettivi.


Fonte: www.meteoliguria.it


Osservando più attentamente la mappa precedente salta all'occhio, però, un fattore a piccola scala che si rivelerà poi fondamentale nello sviluppo del temporale in questione. Tra Piemonte e Lombardia, infatti, i vettori del vento subiscono un brusco cambiamento di direzione passando da un W/NW ad un S/W. Cosa significa tutto ciò? Lo vedremo più avanti.

Considerando sempre il setup alle alte quote, si può notare come alla saccatura fosse associata anche una buona jet-stream in quota (300hPa), quasi sempre indispensabile per la genesi di Supercelle. Ma anche in questa mappa si nota il particolare accennato poco fa, ossia un cambiamento netto della traiettoria delle correnti:


Fonte: www.meteoliguria.it


Il tutto è apprezzabile più facilmente osservando una mappa in scala (osservate la direzione della "striscia" color verde).


Fonte: www.meteoliguria.it


Può un fattore così a piccola scala essere determinante per la formazione di un temporale? Ebbene si. Quel cambiamento di traiettoria ha generato una cospicua divergenza in quota, la quale ha fatto da trigger per la Supercella che si è andata a generare proprio in corrispondenza di essa ed alla quale è rimasta "aggrappata" per tutto il suo periodo di vita fino alla sua dissoluzione. Il tutto lo vedremo sempre meglio più avanti...

Alle quote medio basse la situazione è caratterizzata dalla presenza di aria decisamente umida, fattore essenziale per delle buone chances temporalesche. L'umidità si mantiene su valori nell'ordine del 75% durante le ore pomeridiane, il tutto con circa 17°C di temperatura e con il Sole ben presente (anch'esso fattore molto importante e da tenere presente). Le mappe dell'energia disponibile, infatti, sono chiare e mostrano un ottimo serbatorio energetico proprio tra Piemonte  e Lombardia, con valori di CAPE prossimi ai 600/700 j/kg e di Lifted Index intorno a -4.





A questo andava a sommarsi un'altra particolarità che ha incentivato notevolmente il wind-shear verticale che poi ha permesso l'espolosione della Supercella qualche ora più tardi; dalla mappa seguente infatti si nota la presenza di un minimo di pressione a ridosso dei rilievi piemontesi:



Fonte: www.meteoliguria.it


Esso va ad instaurare una ventilazione prevalentemente orientale su gran parte della Lombardia occidentale e del Piemonte orientale:



Nel frattempo l'avanzare della saccatura verso Est determina l'attivazione di venti più secchi di caduta dalle valli alpine della Valle d'Aosta che vanno a contribuire alla genesi di una linea di convergenza grossomodo ad Ovest del fiume Ticino. Il gioco è fatto, la miccia viene accesa da questi molteplici fattori:

- convergenza nei bassi strati tra aria più umida e aria più secca in discesa dalle valli Alpine con sviluppo di un serbatoio energetico importante a livello locale.
- ingresso di aria più fredda in quota che incrementa il gradiente termico verticale.
- nocciolo di divergenza alle alte quote che fa da "risucchio" per l'aria sottostante.

Anche altri parametri relativi alla convettività erano favorevoli proprio per la zona dove si è generata la Supercella. Ecco due mappe che mostrano i valori più alti proprio sull'Alto Ticino:




Succ.
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2019 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI