Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Mercoledì 22 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 21/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

22/11/17, ore 21:32

Temperatura: 9.8°C
Umidità relativa: 82%
Pressione: 1020.5mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

22/11/17, ore 23.10

Temperatura: 10.1°C
Umidità relativa: 81%
Pressione: 1020.9mB
La neve del 5-7 febbraio 2015 - 4a parte   Inserito il› 23/06/2016 17.54.38
 

Analisi della nevicata del 5-7 febbraio 2015 a Schigno di Casteldelci (RN)
a cura di Alessandro Bonvegna
 
L’episodio nevoso del 4-5-6 febbraio 2015 si è rivelato particolarmente singolare anche a Schigno, frazione di Casteldelci a 690 metri di quota s.l.m. in alto Montefeltro (Appennino Tosco-Romagnolo, estremo interno riminese), in cui mi trovavo.
La zona, per la propria particolare posizione orografica, è storicamente stata spesso interessata da nevicate di un certo rilievo, essendo direttamente esposta alle correnti fredde nord-orientali e ricevendo l’influenza delle depressioni invernali posizionate sul centro Italia. L’aspetto di interesse nell’episodio in questione non risiede tanto nell’accumulo totale della nevicata (circa 45 cm), quanto nelle modalità e nelle cause in cui lo stesso è avvenuto.

Possiamo dividere il peggioramento nevoso in due fasi, entrambe perlopiù concentrate in orario serale e notturno. La prima ha visto la caduta di 10 cm di neve piuttosto umida nella notte tra il 4 e il 5 febbraio, con temperatura compresa tra 0 e 1 grado centigrado: in questa fase il vento si è presentato debole o assente, rendendo notevole la somiglianza con nevicate “omotermiche” da cuscinetto freddo, tipiche della pianura padana centro-occidentale. Si arrivava, infatti, dalla buona irruzione fredda a tutte le quote di fine gennaio, e di certo, grazie anche al mancato intervento di venti di libeccio che solitamente sferzano la zona, parte di tale aria fredda è rimasta “intrappolata” nella vallata appenninica. L’omotermia si evince dal fatto che alla quota degli 850hpa (circa 1400/1500 metri), nella mia zona erano presenti isoterme comprese tra 0 e -1 gradi, che nella maggior parte dei casi portano precipitazioni piovose alla mia quota.
Va anche detto che in tal caso la quota degli 850hpa era leggermente più “bassa”, dato il profondo minimo di pressione formatosi tra alto adriatico e mar ligure, ma si parla al massimo di un paio di centinaia di metri in meno e da solo questo aspetto non sarebbe bastato per la neve a Schigno, così come a quote fino a 500 metri s.l.m.

Durante la giornata del 5 febbraio vi è un’avvezione più mite tra la mia quota e gli 850hpa, evidenziata anche da dense nubi basse che si formano tra la mia quota e i rilievi più alti: piove fino a sera, sempre con assenza di vento. Dalle 21 in poi inizia la seconda fase, quella più “spettacolare”: malgrado le termiche siano viste sempre risicate attorno allo 0°C a 850hpa nella mia zona, si osserva un improvviso rinforzo della ventilazione dai quadranti nord-orientali e rapidamente comincia un’intensa nevicata con raffiche di vento, che durerà fino al mattino seguente fino a quote di 300 metri s.l.m. Curiosità: in questo frangente nevicherà dall’alto Piemonte alla bassa Romagna, fatto abbastanza inusuale, ma causato dalla notevole ampiezza del minimo di pressione attorno ai bacini del Mediterraneo centro-settentrionale. Ulteriore curiosità: nelle stesse ore, dal basso urbinate verso sud, non vi sarà tale avvezione fredda tra le quote di pianura e i 925hpa, con la neve che cadrà solo oltre i 1100/1200 metri! Ho creato una rielaborazione dei venti qui sotto nelle mie zone:



Come già detto, il totale delle due fasi nevose a Schigno sarà di circa 45 cm: ecco alcune foto scattate durante e dopo l’evento:









Prec.
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI