Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Sabato 26 novembre 2022 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 25/11/2022
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

--/--/--, ore --:--

Temperatura: --.-°C
Umidità relativa: --%
Pressione: ----.-mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

26/11/22, ore 20:45

Temperatura: 6.9°C
Umidità relativa: 71%
Pressione: 1029.4mB
23 dicembre - Torna l'autunno: mite e pioggia sulla settimana pre-natalizia   Inserito il› 22/12/2019 17.54.27
Aggiornato il› 22/12/2019 18.59.44
Lunedì 23 dicembre 2019 - 00:00
 

Legnone innevato in seguito all'abbassamento della quota neve durante il peggioramento di sabato notte. Foto di Samuele Corongiu. 


Dopo la parentesi invernale di settimana scorsa, la settimana appena conclusasi ci ha riportato indietro di circa un mese.
Sulla nostra regione il tempo è stato condizionato dalle correnti atlantiche. Nella prima parte della settimana una saccatura in affondo sulla Penisola Iberica sino al Marocco ha instaurato sul Mediterraneo Occidentale un flusso d’aria molto mite ed umida che sulla Lombardia ha assunto una debole curvatura ciclonica. Di conseguenza sino a giovedì il tempo è stato caratterizzato da cieli coperti, piogge in particolare sui settori occidentali e montuosi, ma soprattutto temperature molto miti per il periodo, su valori tipici di novembre. 
La situazione è ulteriormente peggiorata a ridosso del fine settimana. Venerdì un nuovo affondo perturbato, questa volta più occidentale, ha provocato un ulteriore rinforzo del flusso mite ed umido meridionale. Le precipitazioni si sono intensificate ed estese anche sui settori orientali, in particolare i rilievi e le temperature sono ulteriormente aumentate. Tra sabato e domenica, complice una brusca accelerazione del flusso zonale, il flusso atlantico fa il suo ingresso nel Mediterraneo. L’interazione tra l’arco alpino e la forte corrente a getto del fronte polare, provoca la formazione in successione di due minimi di bassa pressione piuttosto profondi ed intensi che a distanza di ventiquattrore regalano due fasi di maltempo alla nostra regione con piogge intense ed estese e vento forte.

Lunedì 16 dicembre 2019. Giornata caratterizzata da cieli coperti e precipitazioni sui settori occidentali con accumuli più abbondanti sui rilievi con punte di 10-15mm su Zona Laghi, Canton Ticino e settore Orobico, sui 5-10mm sulle zone pedemontane. Accumuli più esegui sulle pianure sui 2-5mm, più abbondanti su Lomellina ed Alessandrino. Nubi sui restanti settori ma senza precipitazioni, qualche schiarita sui settori orientali a confine col Veneto. Temperature molto miti con le minime sui 5/6°C, le massime sui 6/8°C con punte di 10/11°C sui settori a confine col Veneto dove le schiarite sono state più estese e durature. Neve solo oltre i 1500-1600 metri

Martedì 17 dicembre 2019. Giornata praticamente identica alla precedente solo con piogge più intense: 20-30mm diffusi sulla Zona Laghi, Oltrepò Pavese e settore Orobico, con punte anche di 50-60mm sui crinali e sul Canton Ticino; 10-20mm sul Milanese sui 5-10mm sulle restanti zone della pianura Occidentale. Nubi sui restanti settori ma senza precipitazioni, qualche schiarita sui settori orientali a confine col Veneto. Temperature molto miti stabili sui 5/7°C, con punte di 12/13°C sui settori a confine col Veneto dove le schiarite sono state più estese e durature. Neve solo oltre i 1600-1700 metri.

Mercoledì 18 dicembre 2019. Si intensifica il flusso meridionale con le precipitazioni quindi che tendono a confinarsi ai rilievi con accumuli variabili sui 5mm della pedemontana bergamasca ai 20-30mm delle province occidentali, ma con punte superiori ai 40mm sui crinali. Deboli piogge anche sulle pianure specie quelle occidentali ma con accumuli generalmente inferiori ai 5mm. Qualche schiarita pomeridiana spinge le massime su tutto il suolo lombardo oltre i 9/10°C; minime stabili sui 5/7°C. La quota neve si assesta oltre i 1700-1800 metri

Giovedì 19 dicembre 2019. Altra giornata autunnale in regione con piogge e rovesci particolarmente insistenti ed intensi sulle province nord-occidentali dove gli accumuli entro fine giornata si portano sui 20-40mm. Piogge anche sulle pianure occidentali e centrali con accumuli decrescenti andando verso sud: dai 10mm delle Brianza ai 2-3mm del Basso Pavese e Cremonese. L’intensificazione del flusso meridionali porta ad un ulteriore incremento termico con valori minime sui 8/10°C e massime variabili dai 10/11°C delle province occidentali ai 12/13°C delle province orientali.

Venerdì 20 dicembre 2019. Giornata di forte maltempo sui settori montuosi con cumulate giornaliere che si assestano diffusamente sui 50-60mm, ma con punte fino a 80-100mm sui crinali e sul Novarese. Accumuli decrescenti spostandosi verso la Pianura: 30-40mm delle Pedemontane, 20-30mm sul Milanese ed alte pianure, sui 5-15mm delle medie pianure e sui 2-5mm della Bassa. Quota neve in ulteriore rialzo fino a 1800-1900metri.

Sabato 21 dicembre 2019. Termina la lunga fase pre-frontale e cambia la distribuzione delle precipitazioni. La formazione di un’intensa bassa pressione in movimento dal Ligure all’Adriatico provoca nella notte una fase di maltempo esteso e piuttosto intensa (considerando il periodo e la fenomenologia manifestatasi). Piogge abbondanti su buona parte della regione, con accumuli abbastanza omogenei tra zone montuose e pianure sui 20-30mm, eccetto i settori confinali con il Piemonte dove gli accumuli si sono assestati sui 5-15mm. Qualche punta sui 30-35mm sul Cremonese e di 40-50mm sui crinali Orobici esposti. Il passaggio è stata accompagnata anche da venti moderati/sostenuti sulle Pianure con raffiche fino 20-35km/h. Le schiarite pomeridiane e l’aria mite presente portano le temperature massime su valori quasi primaverili diffusamente sui 11/14°C, minime (in serata) sui 5/6°C (8/9°C nei centri urbani). La quota neve cala, complice l’ingresso di aria più fredda, portandosi fino a 1200-1300 metri, ma fioccate si segnalano anche più in basso nelle vallate più soggette all’afflusso freddo da nord e nelle zone con precipitazioni più intense.

Domenica 22 dicembre 2019. Dopo il temporaneo miglioramento, nella notte peggiora. La formazione di una nuova e più intensa depressione tra Emilia-Romagna ed Alto Adriatico, porta precipitazioni diffuse ed intense (più del previsto) su tutti i settori di pianura con cumulate fino a 20-30mm. Meno coinvolte le aree montuose con accumuli variabili dai 15mm delle aree pedemontane, ai 2-5mm del comparto montano. Anche in questa occasione le precipitazioni sono state accompagnate da ventilazione sostenuta con raffiche anche moderate/fresche con punte di 40-50km/h sui settori orientali della regione e sui 20-40km/h altrove. La bassa pressione ha richiamato aria fredda dal Nord delle Alpi. La quota neve quindi è scesa portandosi fino a 800-1000mt e le temperature, almeno sul comparto montuoso, sono calate sui 2-3°C. Giornata ancora molto mite invece in pianura con minime sui 6/7°C e massime sui 11/12°C, complici anche le ampie schiarite che hanno caratterizzato il pomeriggio.


Per sapere come proseguirà il tempo la prossima settimana, viconsiglia di seguire quotidianamente i vari aggiornamenti ed in particolare il nostro Bollettino di Previsioneoltre che la nostra pagina ufficiale Facebook .


Ascanio L. Scambiati - CML

Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2022 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI