Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Giovedì 21 febbraio 2019 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 20/02/2019
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

21/2/19, ore 12:29

Temperatura: 12.6°C
Umidità relativa: 68%
Pressione: 1027.85mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

21/02/19, ore 12.30

Temperatura: 8.9°C
Umidità relativa: 76%
Pressione: 1028.0mB
Regione divisa a metà   Inserito il› 21/06/2009 10.36.59
Inizio Giugno 2009: mentre la parte centro-settentrionale della regione è interessata finalmente da temporali sparsi, anche forti e con accumuli rilevanti sulle Alpi e nell'angolo nord-occidentale, la bassa pianura (come spesso capita in queste situazioni) rimane a secco e viene "spazzata" da intensi venti meridionali. Editoriale del 6/6 a cura di Matteo Dei Cas.
 
 
Sabato 6 Giugno 2009 - ore 23:00   * EDIZIONE STRAORDINARIA *
 
 

AUTORI: Davide Sironi ed Andrea Colombo

Buona serata a tutti dallo staff CML e ben ritrovati per un'edizione straordinaria dell'editoriale di "Prima Pagina".
 
La giornata odierna sarà ricordata a lungo in metà della Lombardia.
Infatti, a partire da questa mattina, un vento tempestoso da SudOvest ha letteralmente spazzato i settori meridionali della nostra Regione e parte del Piemonte, con raffiche che hanno superato i 100 km/h (record di 119 km/h a Casasco, provincia di Alessandria). Numerose le segnalazioni dei danni a coltivazioni e fabbricati, dovute al forte vento nella fascia compresa tra l'Astigiano ed il Pavese.

La corrente sudoccidentale, richiamata da un profondo minimo orografico sul Basso Piemonte, è stata caratterizzata da un importante effetto favonico per caduta dall'Appennino, proprio come normalmente accade nella Regione Alpina.
Sui settori a Nord del Po si è presentato uno scenario radicalmente diverso: dalla tarda mattinata di oggi ha preso il sopravvento un'attività convettiva rigenerante con fenomeni localmente di forte inensità. Come accade talvolta nelle situazioni caratterizzate da un flusso perturbato da SudOvest, la crescita temporalesca è stata quasi ovunque inibita sui settori a Sud del Po, essendo questi "disturbati" dall'afflusso di aria più secca trasportata dal Favonio Appenninico.
 
I temporali si sono innescati sull'Alta Pianura Piemontese per spostarsi velocemente, nel letto delle intense correnti portanti, lungo il canale del Verbano e del Sopraceneri, fino a raggiungere l'Alto Lario e la Valtellina. Una distribuzione caratteristica, questa, di una sinottica sudoccidentale con "minimo alto". Infatti un centro di bassa pressione - in questo caso abbastanza profondo - si è spostato rapidamente seguendo una traiettoria a Nord delle Alpi, in seno ad una saccatura in quota che non è riuscita ad affondare in modo incisivo nelle acque del Mediterraneo.
 
Il sopraggiungere della corrente a getto ha ulteriormente intensificato la convezione, risucchiando aria dall'alto; inoltre l'intenso Shear della direzione del vento nei bassi strati ha in diversi casi impresso un moto rotatorio ai sistemi temporaleschi. Questo pomeriggio sono state segnalate diverse "trombe d'aria" sulla Pianura Padana. Il caso raffigurato nell'immagine sovrastante si riferisce alla supercella che è stata avvistata nelle campagne di Vercelli: si noti il cono sinuoso del tornado che ha raggiunto fortunatamente un terreno disabitato! Numerosi  ingenti danni si sono invece abbattuti questo pomeriggio nel Triveneto: una tromba d'aria ha scoperchiato alcune case in provincia di Pordenone, mentre un'altrettanto intensa supercella si è abbattuta nel Trevigiano, provocando purtroppo anche il ferimento grave di alcune persone. Le forti raffiche di vento hanno raggiunto il Capoluogo Lombardo con pericolose punte di oltre i 70 km/h e qualche danno anche in città: un valore notevole ed insolito nella Media Pianura per un vento  proveniente dai quadranti meridionali!
 
Soltanto metà della Lombardia si è ritrovata oggi in balia dei temporali: gran parte della Pianura è stata infatti letteralmente "saltata" dalle precipitazioni, che si sono concentrate sulle zone montuose e sull'Ovest. La grandine, fitta e di medie dimensioni, ha accompaganto quel continuo susseguirsi di temporali che è risalito dall'Alto Piemonte lungo il canale del Verbano fino al Sopraceneri. Il primato della piovosità è spettato quest'oggi alle vallate a Nord di Bellinzona: pensate oltre 200 mm di pioggia a Biasca, e comunque accumuli ben superiori ai 100 mm lungo la Val Leventina!
 
I notevoli accumuli di pioggia - caduti nell'arco di poche ore - si sono concentrati nel Sopraceneri, grazie alla convezione forzata di aria umida ed instabile che si è incanalata lungo il bacino del Lago Maggiore. Una dinamica simile ha interessato questo pomeriggio anche l'Alto Lario fino alla Valchiavenna con un accumulo di 160 mm a Campodolcino; anche l'Alta Valtellina si è trovata da questa mattina sotto un'intensa pioggia battente, come accade piuttosto spesso nelle situazioni da SudOvest. Gli accumuli odierni superiori ai 50 mm nel Bormiese sono comunque relativamente elevati nell'ambito del microclima locale,  quasi a volere testimoniare l'azione di sbarramento ad un flusso di correnti particolarmente intenso!
Ovviamente la piovosità è stata apprezzabile anche nelle Orobie, sebbene con valori decisamente inferiori: solo 30 mm alla testata delle Valli Bergamasche.
 
Nel tardo pomeriggio l'intensità del vento  si è attenuata, mentre al calare della sera si è spenta anche l'attività convettiva, non essendo ormai più sostenuta dal soleggiamento. Mentre vi sto scrivendo il Radar si è ormai spento quasi completamente, per cui posso affermare che gli accumuli odierni sopra mezionati sono ormai definitivi. E' altrettanto interessante osservare sulla cartina realtime i valori delle temperature: in questo momento in molte zone di pianura la colonnina di mercurio non raggiunge i 15°C, in prospettiva di una nottata estiva davvero fresca!
 
Il flusso in quota sudoccidentale sembrerebbe volere persitere anche nei prossimi giorni, che saranno caratterizzati da un tempo piuttosto instabile. Nuovi rovesci e temporali interesseranno probabilmente la fascia Alpina e Prealpina, sconfinando sull'Alta Pianura. Con questo non vogliamo certamente dire che i fenomeni si ripresenteranno nelle stesse zone e con la stessa intensità di oggi, ma vogliamo invece delineare una tendenza improntata ad un inizio di estate relativamente fresca e perturbata. Non è prevista infatti - almeno fino alla metà della prossima settimana - la rimonta di una figura barica garante di tempo stabile e caldo, quanto invece una spiccata dinamicità. Data la difficoltà nell'inquadrare la fenomenologia anche nel breve termine, si consiglia di seguire gli interventi degli esperti sul nostro Forum e di consultare quotidianamente il nostro bollettino di previsione.
 
Nonostante questo inizio di estate meteorologica fresca ed instabile, vi auguriamo di trascorrere una buona Domenica ed un buon inizio di settimana.
 
 
Matteo Dei Cas - Staff CML
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2019 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI