Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Martedì 16 ottobre 2018 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 15/10/2018
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

16/10/18, ore 7:24

Temperatura: 15.8°C
Umidità relativa: 81%
Pressione: 1020.0mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

16/10/18, ore 7.27

Temperatura: 15.3°C
Umidità relativa: 83%
Pressione: 1020.4mB
Un nuovo metodo per la previsione delle ondate di calore sull'Italia: Correlazione....   Inserito il› 09/10/2007 19.21.17
Che cos'è l'ITCZ?

L'ITCZ (InterTropical Convergence Zone) è la fascia perturbata equatoriale compresa tra 5° di latitudine nord e sud a cavallo dell'equatore, responsabile dei forti temporali accompagnati anche da piogge alluvionali negli stati che vanno dalla Nigeria (ad ovest) fino all'Etiopia (a est). In genere i temporali si sviluppano nelle ore pomeridiane e si dissolvono nelle ore serali. I cumulonembi che si sviluppano durante questi temporali possono anche oltrepassare i limiti della troposfera e raggiungere il limite inferiore della stratosfera.
La posizione di questa zona influisce sulla NAO (North Atlantic Oscillation) che influenza la latitudine del flusso atlantico ed il livello di intensità dell'anticiclone africano (l'anticiclone che per gran parte dell'anno staziona sul nord Africa e parte del Sahara determinando la tipica siccità e le alte temperature di queste zone).
Un valore negativo dell'ITCZ, cioè una posizione (attuale) della fascia di convergenza intertropicale al di sotto della posizione media, preclude un abbassamento di latitudine del flusso zonale, oltre ad un abbassamento ed ad un indebolimento dell'anticiclone africano che diminuisce l'apporto di aria molto calda verso le coste nord africane ed in caso di una sua espansione verso il Mediterraneo.
Un valore positivo dell'ITCZ, invece, preclude un innalzamento della NAO con un maggiore apporto di caldo verso le coste africane e nel caso di espansione in ultima analisi verso il Mediterraneo e l'Italia.
Si può dire che la posizione dell'ITCZ è strettamente collegata alla potenza, alla durata e alla quantità di aria caldo-umida durante le rimonte anticicloniche di origine africana che possono interessare l'Italia in qualsiasi stagione dell'anno e quindi risulta molto importante riuscire a prevedere la posizione di questa zona per le sue ripercussioni sul clima europeo ed italiano.


Le ondate di caldo sull'Italia nel 2007

Le principali ondate di calore che hanno interessato l'Italia centro-meridionale nell'estate appena trascorsa con durata superiore alla settimana e che hanno interessato tutto il Centro-Sud Italia sono state le seguenti:
**10-30 giugno 2007
**10-30 luglio 2007
**20-30 agosto 2007

Dalla figura 1 che mostra l'andamento reale della posizione dell'ITCZ osservato e la media del periodo 1976-2006 si può osservare una buona correlazione tra migrazione verso nord della fascia di convergenza intertropicale e ondate di calore sull'Italia. Infatti si può notare che quando la posizione è più a nord (valore positivo) si hanno periodi asciutti e molto caldi, caratterizzati da assenza delle grandi perturbazioni, mentre quando la posizione si trova più a sud (valori negativi) si hanno precipitazioni e perturbazioni sull'Italia con scambi meridiani di masse d'aria.
Ovviamente tale correlazione non è sempre attendibile (si noti per esempio la seconda decade di giugno e luglio), ma nella maggior parte dei casi si rivela come un utile metodo prognostico a lungo termine che però necessita di ulteriori approfondimenti ed affinamenti. Infatti tale metodo è valido solo nel 60% dei casi e come tutti i metodi di previsione a lungo termine va preso con cautela.


Figura 1- Andamento dell'ITCZ rispetto alla media 1976-2006 dal 1/3/2007 ad oggi.
Elaborazione S.Nava su dati NOAA







Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2018 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI