Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Domenica 19 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 18/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

19/11/17, ore 18:55

Temperatura: 11.2°C
Umidità relativa: 73%
Pressione: 1013.6mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

19/11/17, ore 18.56

Temperatura: 14.2°C
Umidità relativa: 28%
Pressione: 1014.2mB
La seconda decade di Aprile 2007   Inserito il› 22/04/2007 13.02.59
Seconda decade di Aprile 2007

L'anomalia, incominciata sul finire della prima decade, offre il meglio di sé nella decade successiva. Le giornate sono soleggiate, per cui i valori più anomali vengono registrati nelle massime, di molto sopra la media. L'anomalia delle massime, infatti, risulterà mostruosa nel risultato finale decadale: ben +7.4°C dalla media 1961-90 a Ghedi(Bs). Un' anomalia con nessun precedente, anche in senso assoluto, non solo riferito al mese di Aprile. Nemmeno nel temibile Agosto 2003, con caldo soffocante, si aveva avuto uno scarto così elevato dalla media nelle massime. Per di più, questa anomalia record è giunta in un mese solitamente con scarsa deviazione standard dai propri valori medi, è quindi questa fa ancor più scalpore. Basta pensare che il precedente record massime era del 1996 con 20.9°C, nel 2007 invece risulterà di 24.5°C! Ovvero il precedente record è stato battuto con più di 3.5°C di differenza.

Ecco un grafico che aiuterà meglio a capire la portata di questa ondata di caldo. In verde abbiamo la media massime 1975-2004 della seconda decade di Aprile, in arancione il precedente record dell'aprile 1996, in rosso il nuovo pesantissimo record del 2007:


**elaborazione di S.Masneri su base dati stazione A.M. di Ghedi (BS)


Come si può notare anche nell'Aprile 1996 tutti i giorni si ebbero massime sopra la media. Ma nel 2007 è cambiata notevolmente l'intensità di questa anomalia. Con punte di oltre 10°C sopra la media. La massima di 26.8°C registrata il 15 Aprile 2007 è inoltre la massima più calda per la seconda decade di Aprile, il precedente record, stracciato, era di 25.2°C, proprio del 20 Aprile 1996.

Ma cosa ha provocato questa anomalia così permanente e intensa? Proviamo a fare un'analisi quasi giornaliera per capire meglio le cause di ciò che è successo.

L'anomalia dei geopotenziali di questa seconda decade, ci da già una prima impronta sulla causa principale di questo caldo anomalo:


**Anomalie del GPT a 500hPa nella 2ªdecade di Aprile - elaborazione su fonte dati NOAA

E' chiara ed evidente una rimonta anticiclonica sull'Europa, con i massimi dell'anomalia sul Centro Europa. Rimonta anticiclonica subtropicale, stimolata anche dalla depressione marocchina.

Questa goccia fredda marocchina, ha avuto un ruolo fondamentale per le sorti della seconda decade di Aprile 2007. Inizialmente isolata sull'Atlantico, a largo del Portogallo, ha avuto un lento spostamento verso est, verso il mediterraneo, che ha provocato risalita di aria caldissima dall'Africa sull'Europa centro-orientale, tra cui l'Italia, specialmente il Nord Italia. E' soprattutto questo lento spostamento quindi che ha provocato la persistenza dell'ondata calda. Spostamento che si può notare dall'archivio satellitare e barico:

12 Aprile

Goccia fredda tra penisola iberica e Marocco, prima risalita di calde correnti africane verso l'Italia. 


**analisi GPT a 500hPa ad ore 12UTC del 12 Aprile - elaborazione su fonte NOAA


14 Aprile

Goccia fredda dopo 2 giorni in lentissimo spostamento verso est, ora tra Algeria e Sardegna. Continua l'afflusso di correnti calde meridionali sull'Europa.

**analisi GPT a 500hPa ad ore 12UTC del 14 Aprile - elaborazione su fonte NOAA


16 Aprile

Goccia fredda che incomincia a indebolirsi, stazionaria tra Sardegna e Nord Africa, ma nuova goccia fredda in formazione a largo del Marocco.


**analisi GPT a 500hPa ad ore 12UTC del 16 Aprile - elaborazione su fonte NOAA


18 Aprile

Nuova goccia fredda marocchina che incomincia ad agire, continuando la spinta puramente africana verso l'Europa occidentale.


**analisi GPT a 500hPa ad ore 12UTC del 18 Aprile - elaborazione su fonte NOAA


Dal punto di vista satellitare, si può giudicare meglio l'influenza di questa goccia fredda nel bacino del mediterraneo:

12 Aprile

La goccia fredda è centrata sul Marocco, mentre un'altra pressione ha i massimi sul Centro Europa. Questo fatto incomincia a convogliare aria molto calda dall'Africa, le massime di quel giorno raggiungono già i 24-25°C sul Nord Italia.


**elaborazione di S.Masneri su foto MSG2 del 12 Aprile - fonte ESA

14 Aprile

Uno zoom della giornata del 14 Aprile 2007, una delle più caldi di sempre ad Aprile sul Nord Italia. La goccia fredda è ormai in pieno Mediterraneo occidentale, con minimo ad ovest della Sardegna. Questa vicinanza al minimo, intensifica l'effetto del richiamo caldo africano, con venti anche moderati e secchi. Massime di 26-28°C sul Nord Italia, tranne l'estremo NW per lo stau causato dai venti sud-orientali, che impattano contro la barriera alpina causando nuvolosità e qualche debole precipitazione. Tutto ciò si vede benissimo dal satellite:


**elaborazione di S.Masneri su foto MSG2 del 14 Aprile - fonte ESA

16 Aprile

La goccia fredda è ormai stazionaria, ma si sta indebolendo. Il richiamo caldo orientale, di chiara origine subtropicale, imperversa ancora sul Nord Italia, con massime ancora una volta superiori ai 25°C in molti casi.


**elaborazione di S.Masneri su foto MSG2 del 14 Aprile ore 12UTC - fonte ESA


La goccia fredda nei giorni successivi, come detto, lentamente si esaurirà in loco. Questo provoca una leggera diminuzione dell'anomalia termica, anche se si resta sempre di molto sopra la media. Per chiarire il concetto si ripropone il grafico iniziale:


**elaborazione di S.Masneri su base dati stazione A.M. di Ghedi (BS)

Link› http://www.stemeteo.net/Aprile2007.htm
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI