Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Giovedì 23 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 22/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

23/11/17, ore 11:58

Temperatura: 10.5°C
Umidità relativa: 87%
Pressione: 1020.8mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

23/11/17, ore 12.05

Temperatura: 10.6°C
Umidità relativa: 83%
Pressione: 1020.8mB
24 ottobre - Breve episodio piovoso nel dominio anticiclonico   Inserito il› 25/10/2017 0.53.49
Martedì 24 ottobre 2017 - ore 24:00 
 
 

Sabato 14 ottobre 2017 - Immagine "storica"  che ritrae l'uragano Ophelia, il primo di categoria 3 ad approcciare le coste Europee; nel momento di massima intensità, quando ancora si trovava al largo delle coste delle isole Azzorre, i venti associati al vortice hanno toccato i 180/190 km/h. Le depressione ha poi proseguito il suo percorso agganciandosi al flusso zonale atlantico perdendo potenza man mano che scorreva sopra le acque più fredde nord Atlantiche. Nella giornata di lunedì 16 ottobre ha poi approcciato le coste meridionali Irlandesi con venti fino a 150 km/h creando inevitabilmente danni e disagi. Immagine by www.eumetsat.com.

  

Buona giornata a tutti i meteoappassionati e ben ritrovati con una nuova edizione della "Prima Pagina"

Il tempo in Lombardia e sul nord Italia in generale è preda da ormai molte settimane delle scorribande di aree di alta pressione estremamente ben strutturate, persistenti e che determinano condizioni atmosferiche di marcata stabilità; ciò comporta una sostanziale assenza di precipitazioni in particolare per Piemonte, Liguria e aree sud-occidentali lombarde dove mancano precipitazioni degne di questo nome da ormai molte settimane e addirittura mesi con gravi ripercussioni sui livelli dei bacini lacustri e fluviali molti dei quali hanno raggiunto i minimi storici.

Nell'ultimo fine settimana una perturbazione di origine nord-atlantica ha temporaneamente scalfito il dominio anticiclonico ma i suoi effetti sono stati piuttosto modesti in termini di precipitazioni per il nord ovest italiano; Piemonte e Liguria sono rimasti praticamente ancora all'asciutto mentre nella nostra regione è andata leggermente meglio con precipitazioni leggermente più consistenti a partire dalla fascia centrale verso est ed in particolare nelle province di Brescia e Mantova dove gli accumuli registrati dalla nostra rete di monitoraggio si sono spinti fino a 30/35mm.

Il modesto peggioramento ha però avuto il grande merito di rimuovere completamente la massa d'aria preesistente in pianura padana che a causa dell'orografia chiusa su tre lati della stessa e a causa della particolare stabilità del campo anticiclonico che tende ad inibire i moti verticali della massa d'aria medesima, si era fatta particolarmente inquinata raggiungendo valori di polveri sottili molto elevati e ben oltre le soglie di tolleranza e di allarme stabilite a tutela della salute umana.

Con l'inizio della nuova settimana tuttavia le condizioni generali del tempo sono tornate ad essere prevalentemente anticicloniche seppur in un contesto più fresco e ventilato.

La settimana passata è stata tuttavia caratterizzata da un evento che seppur avvenuto lontano dalla nostra regione non può essere ignorato.
Stiamo parlando dell'uragano Ophelia che nato come molti altri "colleghi" sopra le caldissime acque caraibiche, ha attraversato l'oceano Atlantico in direzione delle coste del Nord Africa mantenendo quasi inalterate le proprie caratteristiche e presentandosi in prossimità delle Isole Azzorre con venti classificati ancora di categoria 3 ovvero di poco inferiori a 200 km/h. 
Nelle vicende meteorologiche europee è il primo uragano - o depressione extra-tropicale come viene più propriamente definito - di categoria 3 a raggiungere il nostro continente.
L'immagine catturata dai satelliti geostazionari che alleghiamo al presente articolo oltre ad essere di una bellezza rara in quanto cattura la struttura quasi perfetta di Ophelia con il suo "occhio" ben definito è un pezzo di storia della meteorologia.

Per la cronaca Ophelia dopo essere passata al largo delle coste del Marocco prima e della penisola Iberica poi ha proseguito il proprio cammino verso le isole britanniche dove è giunta nella giornata di lunedì 16 ottobre perdendo comunque intensità a causa dello scorrimento sopra acque man mano più fredde. Ciò non ha impedito alla depressione ormai declassata a categoria 2 di colpire le coste sud-occidentali irlandesi con venti fino a 150/160 km/h provocando inevitabilmente danni ingenti.

Tornando alle vicende meteorologiche della nostra regione, la settimana proseguirà all'insegna del dominio di un nuovo solido campo di alta pressione garanzia di tempo stabile e soleggiato sui colli e in montagna mentre sulle pianure, dopo il ricambio d'aria avvenuto tra domenica e lunedì scorsi, torneranno gradualmente foschie e nebbie nella notte ed al primo mattino e con esse anche un nuovo aumento delle concentrazioni di polveri e agenti inquinanti.

Per tutte le notizie riguardo al tempo previsto nei prossimi giorni potrete consultare gli aggiornamenti quotidiani del nostro Bollettino di Previsione, oltre alle brevi analisi, gli approfondimenti e le curiosità didattiche sulla nostra pagina ufficiale Facebook.
 
L'appuntamento con la nuova edizione della Prima Pagina è invece per il prossimo fine settimana. 

                                                                                                              Livio Perego - Staff CML
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI