Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Venerdì 17 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 16/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

17/11/17, ore 23:35

Temperatura: 9.6°C
Umidità relativa: 76%
Pressione: 1019.1mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

17/11/17, ore 23.36

Temperatura: 6.5°C
Umidità relativa: 83%
Pressione: 1020.2mB
5 marzo - Prove tecniche di primavera   Inserito il› 05/03/2017 18.06.09
Domenica 5 marzo 2017 - ore 21:00 
 
 

Domenica 5 marzo 2017 -  Intensa nevicata nella zona del Livignasco nella giornata di sabato 4 marzo con chiusura della statale 301 che da Bormio conduce al "piccolo Tibet" a causa dei molti automobilisti e camperisti bloccati lungo la direttrice che hanno impedito ai mezzi spazzaneve di operare in modo tempestivo. Solo dopo la rimozione dei veicoli fermi e durante la notte i mezzi hanno potuto operare in modo efficace e liberare la strada dalla neve caduta. Domenica mattina la strada era libera e un bellissimo quanto fugace sole ha illuminato tutta la vallata di Livigno. Nell'immagine la situazione al Passo Eira, appena a monte di Livigno, a metà della mattina di domencia. Fotowebcam da www.comune.livigno.so.it

 
 
Buona domenica a tutti i meteoappassionati e ben ritrovati con una nuova edizione della "Prima Pagina".

La primavera meteorologica è iniziata mercoledì 1 marzo e le sue caratteristiche principali si sono in parte già svelate durante questa settimana che volge al termine. Negli ultimi sette giorni infatti si è avuta un'alternanza di pressoché quasi tutti i tipi di tempo, dalla pioggia intensa con annessi alcuni colpi di tuono alla pioviggine, dai cieli coperti ai cieli sereni, dai pomeriggi tiepidi e assolati alle mattine fresche, insomma quasi tutto l'armamentario meteorologico ha avuto modo di dispiegarsi negli ultimi sette giorni.
La primavera essendo infatti una stagione intermedia risente talvolta dal periodo da cui si proviene - l'inverno - e talvolta dal periodo in cui si approderà - ovvero l'estate - anche se molto dipende se ci si trova nella sua fase iniziale o nella sua fase finale.

Lo scorrere dei giorni ha visto una prima parte di settimana caratterizzata da un intenso peggioramento che ha colpito in particolare Alpi e Prealpi nella giornata di martedì 28 febbraio con perfino alcuni temporali e deboli grandinate, poi un paio di giorni ben soleggiati e particolarmente miti durante il pomeriggio e poi un fine settimana di nuovo instabile e molto dinamico con passaggi rapidi tra nuvolosità, precipitazioni e schiarite.

Lunedì 27 febbraio giornata di attesa con mattinata soleggiata e annuvolamenti che lentamente si sono fatti strada da ovest a partire dal pomeriggio. In serata le prime precipitazioni hanno raggiunto le zone centro occidentali della regione e alla mezzanotte gli accumuli hanno raggiunto gli 8/9 mm nel milanese. Temperature minime comprese tra 0°C nelle campagne e nelle brughiere più fredde e 7°C nella città di Milano, temperature massime più livellate e comprese tra 10°C del pavese, raggiunto per primo dalla nuvolosità in arrivo da ovest, e i 14°C.

Martedì 28 giornata particolarmente perturbata in particolare su Alpi, Prealpi e fascia pedemontana con precipitazioni intense e nevicate copiose al di sopra dei 1700-1800 metri di quota sebbene fasi di neve bagnata e con  scarsi accumuli si sono viste anche fino intorno ai 1000-1200 metri. In pianura e sulla fascia centro-meridionale della regione invece le precipitazioni sono risultate ben più sporadiche ed intermittenti. A fine giornata il bollettino degli accumuli precipitativi ha visto le Prealpi Lecchesi e le Orobie in vetta alla classifica delle località più piovose; in Valsassina accumuli anche oltre i 100 mm con Maggio di Cremeno (Lc) che ha registrato 120 mm, ma molte altre stazioni hanno raggiunto e superato gli 80/90 mm così come i monti a ridossi del Lago di Garda. Accumuli importanti intorno a 40-50 mm in Valtellina e nel Ticino mentre da segnalare le piogge intense sullo spartiacque appenninico tra Lombardia, Emilia Romagna e Liguria con la stazione piacentina di Zerba (in Oltrepo) che ha registrato ben 112 mm. In pianura come detto precipitazioni assai scarse con il Mantovano ed il Cremonese con poco più che dei bagnastrada. 
Da segnalare in serata, in concomitanza con l'ingresso del fronte freddo vero e proprio, alcuni rovesci intensi e i primi colpi di tuono della stagione e persino alcune deboli grandinate come in bassa Valtellina e nell'Alessandrino.

Mercoledì 1 marzo, primo giorno di primavera, nottata con ultime precipitazioni nelle province orientali della regione mentre all'ovest il cielo era già sgombro dalle nubi. Le schiarite sono avanzate rapidamente verso est tanto che in giornata il cielo è risultato poco nuvoloso ovunque. Temperature notturne vicino a 0°C nelle campagne e fino a 6-7°C nelle province centro-meridionali a causa della copertura nuvolosa notturna pressoché totale, mentre in giornate temperature massime che si sono spinte fino a 18-19°C nelle zone di pianura!

Giovedì 2 altra giornata prevalentemente soleggiata seppur con passaggi di velature ad alta quota e un incremento della nuvolosità in tarda serata. Temperature minime stazionarie rispetto al giorno precedente e massime in calo di un paio di gradi con picchi di 16-17°C in pianura.

Venerdì 3 giornata grigia con deboli precipitazioni intermittenti in particolare sulla fascia centro-occidentale della regione, solo in serata qualche pioggia più consistente ha colpito la zona del Verbano al confine col Piemonte con accumuli finali sui 10-15 mm. Altrove accumuli limitati e non superiori a 5-6 mm e decrescenti man mano che ci si spostava da ovest ad est. Temperature minime comprese tra 2°C e 8°C e temperature massime comprese tra 7°C e 12°C. Solo nel Mantovano le temperature massime hanno raggiunto i 15-16°C a causa di una ventilazione sostenuta da sud-ovest in discesa dai rilievi appenninici.

Sabato 4 nuova giornata perturbata con cielo coperto fin dal mattino e piogge prima deboli e poi moderate localmente anche a carattere di rovescio - alcune stazioni della nostra rete hanno rilevato picchi di precipitazione superiori ai 100 mm/h, quasi da temporale estivo - con accumuli finali fino a 45 mm sulle Orobie e tra 10 e 20 mm in pianura salvo, come spesso accade, nel Mantovano dove gli accumuli sono risultati inferiori ai 5 mm. Nevicate hanno interessato i rilievi alpini in genere al di sopra dei 1500 metri sebbene localmente sono state registrate anche a quote inferiori. Da segnalare le forti raffiche di vento orientale nel pomeriggio dovuto all'approfondimento di un minimo di pressione sull'alto tirreno con punte di 60-70 km/h nella bassa pianura.

Oggi domenica 5 giornata estremamente variabile, con alternanza di schiarite e annuvolamenti con precipitazioni irregolari ma concentrate prevalentemente su Alpi e Prealpi e accumuli di circa 20-30 mm nell'alto Verbano e di circa 15-20 mm sulle Orobie. Segnalati nuovamente alcuni colpi di tuono e qualche locale grandinata nei rovesci più intensi. Temperature minime comprese tra 2°c e 8°C e temperature massime tra 13°C e 17°C.

Per i prossimi giorni dopo un inizio settimana piuttosto variabile nelle giornate di lunedì e martedì con occasione per nuove precipitazioni il tempo dovrebbe volgere al bello tra mercoledì e venerdì con temperature diurne in netto rialzo e quasi certamente superiori ai 15°C quasi ovunque mentre per il prossimo fine settimana ad ora non è possibile prevedere il quadro generale che potrebbe restare votato al bello oppure volgere un peggioramento con nuove precipitazioni, ma questo lo sapremo solo nei prossimi giorni con le future emissioni delle carte del tempo; per tutte le notizie al riguardo potrete consultare gli aggiornamenti quotidiani del nostro Bollettino di Previsione, oltre alle brevi analisi, gli approfondimenti e le curiosità didattiche sulla nostra pagina ufficiale Facebook.
 
L'appuntamento con la nuova edizione della Prima Pagina è per il prossimo fine settimana. 

                                                                                                                                  Livio Perego
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI