Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Venerdì 17 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 16/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

17/11/17, ore 23:45

Temperatura: 9.4°C
Umidità relativa: 76%
Pressione: 1019.0mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

17/11/17, ore 23.46

Temperatura: 6.6°C
Umidità relativa: 82%
Pressione: 1020.3mB
11 Dicembre - I due volti dell'anticiclone: "primavera" in quota, inverno in pianura   Inserito il› 10/12/2016 23.25.49
Settimana dalle sfaccettature completamente contrapposte; primavera sui rilievi e sulle alte pianure, inverno freddo e nebbioso sulla media e bassa pianura. Giornate in gran parte dettate dalla subsidenza con massimi di pressione che han sfiorato i 1040hPa, "schiacciamento" dell'umidità al suolo e "galleggiamento" di aria particolarmente mite e secca. Temperature gradualmente più miti in quota, e gradualmente più fredde al suolo!


Domenica 11 dicembre 2016 - ore 06:00
 
 
 

Le immagini in alto ci ricordano che un "anticiclone in inverno" non porta necessariamente "mitezza" in pianura, ma solitamente l'esatto inverso, ossia nebbie fitte e galaverne notturne, con accumuli che spesso diventano considerevoli nel sud milanese (Opera MI - 8 Dicembre 2016 - Maurizio C. Pocchia - STAFF CML). La foto in basso a sinistra ritrae la desolante scarsità del manto nevoso nella località di Livigno, ad oltre 1800m di quota nelle Alpi Retiche, con aria palesemente asciutta (6 Dicembre 2016 Fonte: Livigno.eu). In basso a destra il Lago d'Iseo a Predore (BG) con la foschia e mitezza dell'alta pianura (10 Dicembre 2016 - Foto di Davide Sironi - STAFF CML).


 

Buongiorno a tutti dallo Staff CML e ben ritrovati per una nuova edizione della "Prima Pagina"!

Settimana dominata da un'anticiclone particolarmente strutturato su tutta l'europa centrale, i cui massimi di pressione hanno raggiunto valori importanti prossimi ai 1040hPa in Lombardia con una subsidenza considerevole, ed una temperatura via-via più mite e secca in quota.
In collina, in montagna e in genere sui pendii, i valori rilevati sono stati da primavera piena (se non di più), con temperature fino a +13°C alla quota di 850hPa!

Discorso diverso in pianura, specialmente nella media e bassa pianura lombarda, dove il connubio tra radiazione solare sempre minore e subsidenza (schiacciamento al suolo dell'umidità) ha permesso una graduale dispersione del calore accompagnato da nebbie sempre più fitte. 

Nella bassa le nebbie hanno resistito anche nelle ore diurne, con temperature sottozero di notte e lievemente soprazero di giorno, apportando di fatto un episodio freddo considerevole con temperature medie giornaliere intorno allo zero, talvolta anche sotto (milanese occidentale e meridionale le zone segnatamente più colpite dall'episodio freddo). Galaverne e ghiaccio diffuso, specie laddove lo strato nebbioso non era particolarmente spesso (ovest regione).

In sostanza l'anticiclone ha permesso alla Pianura Padana di generare un episodio di freddo "auto-prodotto" considerevole in un contesto di anomala mitezza generale; pensate che, contrariamente a quanto si pensi, la maggior parte delle incursioni fredde non riescono facilmente a portare le temperature medie giornaliere sotto lo zero!

Ma vediamo ora più in dettaglio quanto accaduto nella settimana appena trascorsa sul nostro territorio a livello meteorologico.
 
Lunedì 5 Dicembre  cielo generalmente soleggiato o poco nuvoloso sull'alta pianura e sul comparto alpino e pre-alpino, nebbie non particolarmente fitte sulla medio-bassa pianura in rialzo al pomeriggio ma senza diradamento nel basso milanese, nord pavese e cremasco. Mite sul mantovano. Minime tra 0 e 2°C sull'alta pianura e tra 2 e 4°C, gelate in valtellina. Massime fino a +12°C sull'alta pianura, 6-7°C sulla bassa con Pieve Emanuele MI che si ferma a +6,4°C (valore più basso).

Martedì 6 dicembre nebbia in intensificazione nella notte con minime fino a -1°C tra ovest milanese, sud milanese, Lomellina e cremasco. Sereno con brinate sull'alta pianura con minime prossime ai -3°C nelle conche brianzole e generalmente poco sotto lo zero sul resto del territorio. Nebbia che scompare su granparte della regione nelle ore centrali, ma sulla bassa inizia a consolidarsi uno strato inversionale pellicolare, nonostante la giornata fosse particolarmente serena e radiosa; cosicchè Pieve Emanuele si ferma ancora a +6,4°C e generalmente la zona è rimasta entro i +7°C. Alta pianura nuovamente fino a +12°C. Sereno e terso sul comparto alpino e pre-alpino, se non per qualche velatura.

Mercoledì 7 Dicembre nebbie molto fitte nella notte nel milanese, pavese, lodigiano e cremasco (meno fitte sull'est regione). Minime che han raggiunto i -3°C nel magentino ed abbiatense, con galaverna durante le ore notturne tra pavese e milanese. Brinate sull'alta pianura, con le conche brianzole che han toccato i -4°C. Durante le ore centrali graduale ritiro dello strato nebbioso verso est, con nebbie diurne solo su est regione. Massime intorno ai 10/11°C sull'alta pianura e 3-5°C sulla bassa. In serata rientro prepotente della nebbia sotto i 130metri di quota. Sereno e terso sul comparto alpino e pre-alpino, se non per qualche velatura.

Giovedì 8 Dicembre notte dell'immacolata concezione particolarmente fredda un po' su tutta la pianura padana con minime fino a -4°C sull'alta pianura e nelle conche brianzole con forti brinate. Minime fino a -5°C sulla media pianura, con Cisliano che stacca -4,6°C; minime gradualmente più alte verso sud-est, fino al mantovano, unica area rimasta poco sopra lo zero. Nebbie congelantesi con galaverna importante (talvolta anche neviggine o neve da nebbia) tra ovest milanese e sud milanese. Anche oggi graduale ritiro dello strato nebbioso verso est, ma massime contenute sulla medio-bassa pianura dell'ovest-regione con massime intorno ai +5°C, mentre sul mantovano si ferma a +3°C. Sull'alta pianura continua l'escursione termica con massime prossime ai +11/+12°C, ed in quota il riscaldamento inizia ad essere importante con il Monte Penice a +12°C! In serata ritorno della nebbia sull'ovest regione. Sereno e terso sul comparto alpino e pre-alpino, se non per qualche velatura.

Venerdì 9 Dicembre nebbie persistenti su tutta la medio-bassa pianura lombarda con ghiaccio vitreo e galaverne diffuse, sebbene non particolarmente abbondanti, minime comprese tra i -3°C del magentino e gradualmente più miti fino al mantovano, laddove lo strato nebbioso più spesso impedisce la dispersione di calore. Alta pianura e conche brianzole ancora con forti brinate e minime comprese tra -1 e -4°C. Sereno e terso sul comparto alpino e pre-alpino con Valcava che tocca i +11,6°C,  sereno anche sull'alta pianura e pedemontana con massime comprese tra +10 e +12°C.
Nebbie fitte diurne invece sulla bassa, questa volta anche fino al basso milanese e nord pavese, con massime comprese tra +2 e +4°C.

Sabato 10 Dicembre,  nella notte nebbie molto fitte su tutta la medio-bassa pianura lombarda con ghiaccio vitreo e galaverne diffuse ma di consistenza più moderata rispetto ai giorni precedenti. Brinate e minime tra -4°C e -1°C tra alta pianura, pedemontane e conche brianzole. Giornata particolarmente mite sull'alta pianura e pedemontana con temperature tra +12 e +14°C, e quindi notevoli escursioni termiche con la notte, e non solo! Sabato abbiamo raggiunto il massimo delta-T tra le temperature dell'alta pianura e quelle della bassa, che sono rimaste avvolte da una fitta nebbia diurna fino alle porte di milano; cosicchè, mentre Gaggiano e Pieve Emanuele MI si fermano ad una massima rispettivamente di +1,7 e +1,8°C, tra Calco Superiore e Perego (LC) i valori sono arrivati a +13,5°C, con un delta-termico di quasi 12°C in uno spazio relativamente ristretto! Infondo stiamo parlando di qualche decina di chilometri in linea d'aria, ma la Lombardia è anche questo, grandi differenze microclimatiche. Anche sulle Prealpi e Alpi registriamo massime particolarmente alte, tra cui cito Valcava LC +12.9°C, Piani di Bobbio LC +13,2°C (1850m!), Oga SO +14,2°C (1500m circa). L'Appennino non è da meno con il Monte Penice a ben 14,4°C. Valori praticamente da tarda primavera! In serata nebbia che risale la pianura con visibilità molto bassa e temperature già intorno al -1/-2°C alle 24 sul milanese occidentale e meridionale.

Segnalo inoltre il graduale raffreddamento dei settori meridionali della Valtellina, all'ombra del versante Orobico, che giorno dopo giorno ha accumulato un considerevole strato di brina e giornate via-via più fredde; Caiolo SO ha misurato ben 3 giorni di ghiaccio (giornate con massima sotto lo zero) e minime agevolmente sotto i -6°C. Considerevole se pensate che i settori settentrionali della valtellina, solo 2km più a nord, han registrato temperature ben più miti! Il fenomeno è frequente durante situazioni di alta pressione, ma è sempre di notevole interesse.

Per la giornata di oggi, Domenica 11, nella notte e al primo mattino ancora nebbie fitte su media e bassa pianura con ghiaccio e minime diffusamente sotto lo zero, sebbene in lieve aumento rispetto ai giorni precedenti. In giornata graduale sollevamento dello strato nebbioso e possibile estensione dello stesso a quote più alte; in ogni caso dovrebbe dissolversi gradualmente, almeno in parte, specie nell'ovest regione. Questo cambiamento rispetto ai giorni scorsi è motivato da un debole ingresso umido-nuvoloso dal ligure e al contempo un "deterioramento" dell'alta pressione, con valori pressori in graduale diminuzione e graduale cessazione della subsidenza. Sul comparto alpino e prealpino ancora tempo buono e molto mite per il periodo. Massime in rialzo sulla medio-bassa pianura, in ribasso sull'alta pianura.

E come proseguirà il tempo nei prossimi giorni? I modelli che vedevano un cambio di configurazione sostanziale nel week-end prossimo hanno in gran parte ritrattato le loro ipotesi; in linea generale gli stessi stanno dimostrando non poche difficoltà nell'inquadrare il medio-lungo termine pertanto considerazioni oltre i 6 giorni sono quantomai azzardate.
I cambiamenti nella settimana entrante saran ancora "lenti" e "poco decisi"; il lieve deteriorarsi dell'alta pressione non sarà così marcato, e per ancora una settimana sembra voglia abbracciarci con il suo mite respiro, ma in un contesto sinotticamente più movimentato (avremo maggiore ventilazione, quindi più mite in pianura e più "fresco" in quota). La domanda è: HP, dove ti vuoi posizionare? Il "dopo" dipenderà tutto da dove andrà a rinforzarsi e ri-posizionarsi. Un buon calo delle temperature in quota dovrà prima o poi realizzarsi, ma di nevicate importanti per le nostre montagne neanche l'ombra (pluviometrica in questo caso..). Inverno purtroppo che inizia sulla falsariga del precedente.
Per sapere comunque come proseguirà il tempo la prossima settimana, vi consigliamo di seguire quotidianamente i vari aggiornamenti ed in particolare, il nostro Bollettino di Previsione, oltre alle brevi analisi, gli approfondimenti e le curiosità didattiche sulla nostra pagina ufficiale Facebook .

 
Auguro a tutti una buona domenica

   
                                                                                                 Maurizio C. Pocchia - Staff CML
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI