Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Sabato 27 maggio 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 26/05/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

27/5/17, ore 6:14

Temperatura: 20.1°C
Umidità relativa: 63%
Pressione: 1019.0mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

27/05/17, ore 6.14

Temperatura: 17.4°C
Umidità relativa: 74%
Pressione: 1019.8mB
27 Novembre - Intenso maltempo: piogge e temperature miti   Inserito il› 26/11/2016 19.09.06
Settimana di stampo pienamente autunnale, con piogge che hanno insistito su quasi tutta la regione da Domenica a Sabato. Una breve pausa ma con deboli precipitazioni o pioviggini solo Mercoledì, accompagnate da nubi basse con fugace episodio nebbioso nella notte , specialmente nel milanese. Temperature via-via più miti, con valori ben oltre le medie stagionali.
  
 
Domenica 27 novembre 2016 - ore 01:00
 
 
 

Curiosa tipologia di esondazione del fiume Ticino a Pavia. La fotografia è stata scattata verso sud-est ovvero nella normale direzione del flusso, ma qualcosa non torna; il moto ondoso sembra risalire il fiume verso nord, come mai? Il fenomeno è causato dal "reflusso" del fiume Po in piena, qualche chilometro più a valle. E' accaduto sabato 26 novembre al Borgo Ticino di Pavia. Foto di Anna Tita Gallo, FB : ( https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10210724285206287&set=pcb.10210724306886829&type=3&theater )


 

Buona serata a tutti dallo Staff CML e ben ritrovati per una nuova edizione della "Prima Pagina"!

Abbiamo una novità! Con questa nuova edizione della Prima Pagina entro ufficialmente nello "Staff Redattori" del CML; da oggi, insieme a Livio Perego e Marco Bianchini, mi occuperò di redigere gli articoli in Prima Pagina. E non solo, prossimamente mi occuperò anche di articoli che faranno "focus" su eventi importanti della nostra regione, ma tutto a tempo debito.
Ringrazio Livio per avermi istruito con assoluta e docente professionalità, e saluto Giuseppe "Beppe" Aceti, che dopo ben 8 anni abbandona questa rubrica; grazie Beppe per tutto il tempo che hai dedicato a questa sezione, e spero di poter "appagare" i nostri lettori proprio come sapevi fare tu. 

Ma ora parliamo del tempo meteorologico.

Settimana di stampo pienamente autunnale quella appena conclusa, con piogge che hanno insistito su quasi tutta la regione da Domenica 20 a Sabato 26; un numeroso treno di nuclei precipitativi si è susseguito per gran parte del tempo con temperature che han subito un lento ed inesorabile aumento, con valori ben oltre le medie di riferimento.

Ma vediamo ora più in dettaglio quanto accaduto nella settimana appena trascorsa sul nostro territorio a livello meteorologico.
 
Lunedì 21 novembre aria fresca nord-atlantica avanza verso sud in direzione della penisola iberica; sul bordo orientale di questa avvezione, nel comparto del Mediterraneo centrale, correnti miti e cariche di umidità vengono richiamate dai quadranti meridionali, avanzando verso il comparto padano-alpino occidentale.
Precipitazioni con accumuli compresi fra i 30 e i 60mm lungo le aree pedemontane e prealpine dal varesotto fino al bergamasco; accumuli pluviometrici gradualmente minori verso SSE con la pianura lombardo-occidentale compresa fra i 10 e i 40mm. Precipitazioni più modeste nel cremasco e deboli precipitazioni nel mantovano.

Martedì 22 novembre la distribuzione geografica delle precipitazioni è praticamente identica al giorno precendente, con il nord-ovest regione maggiormente colpito dalle ingenti precipitazioni; in linea generale accumuli maggiori del giorno prima, con picchi 70-80mm sul varesotto. Temperature che han "varcato" la soglia dei +10°C in serata un po' ovunque.

Mercoledi 23 Novembre inizia una breve "pausa", ma deboli precipitazioni o pioviggini non sono mancate, specie nel nord-ovest regione. In particolare la nottata inizia con nubi basse che han rasentato il suolo, specialmente nel milanese e su Milano città, dove la visibilità è calata intorno ai 500m, apportando un imprevisto episodio nebbioso.

Giovedi 24 Novembre riprende la fase di maltempo con precipitazioni che questa volta scemano gradualmente verso Est, con asse Ovest-Est; maggiori precipitazioni su ovest Milanese, Lomellina, Vogherese con picchi sui 35mm. Precipitazioni praticamente assenti sul mantovano e sulle rive del Garda.

Il "Black Friday" (nome commerciale che si è rilevato, purtroppo, adatto al tempo meteorologico vista l'importante alluvione che si è scatenata sul basso Piemonte e sul ponente Ligure) è risultato ancora segnato dal maltempo sulla nostra regione, con ingenti precipitazioni sul comparto prealpino del varesotto, del comasco e del lecchese con accumuli prossimi ai 60mm; precipitazioni più modeste sul pavese, lodigiano e sud-est milanese. L'estremo est mantovano, questa volta, riceve la prima fase importante del peggioramento, con piogge che han raggiunto i 50mm nel paese di Sermide (MN). Temperature particolarmente miti per il periodo, e con poca escursione termica, in genere comprese tra 11 e 15°C un po' ovunque ad eccezione del vogherese dove, a causa di una apertura del cielo pomeridiana, le massime sono "schizzate" intorno ai +18°C.

Sabato 25 Novembre, nella prima nottata, abbiamo assistito all'ultima fase del peggioramento, con fenomeni a carattere di rovescio sulla pianura, e più omogeneamente distribuite sul comparto alpino. Accumuli pluviometrici pià importanti sull'ovest milanese, più contenute e a "macchia di leopardo" sul resto della pianura.
Nella mattinata di Sabato, inoltre, abbiamo assistito al passaggio della piena del fiume Po in seno all'alluvione del basso piemonte, di cui il Po stesso è il raccoglitore dell'intero bacino idrografico coinvolto. Piena che ha invaso le aree golenali adiacenti e, in generale, tutto il tratto "vallivo" scavato dallo stesso, dal pavese al mantovano. La piena è stata considerevole ma, fortunatamente, con un livello più basso del famigerato Novembre 2000.

In particolare a Pavia si è verificato un fenomeno molto curioso durante la "piena" che ha invaso via Milazzo nel Borgo Ticino; il moto ondoso del fiume sembrava risalire verso nord, o comunque in un'appartente calma "lacustre". Il fenomeno è causato dal "reflusso", ovvero un innalzamento molto repentino del livello del fiume Po alla confluenza, qualche chilometro più a sud-est di Pavia. In pratica non è la portata del Ticino a provocare l'esondazione, bensì l'effetto di transitorio "rigurgito" e sbarramento causato dall'enorme massa d'acqua in transito sul Po.

Per la giornata di oggi, Domenica 27, ci attendiamo la formazione di banchi di nebbia, specie sulla bassa pianura, in dissolvimento nel corso della giornata, specie sulle medie pianure. Tempo generalmente buono sul comparto alpino e prealpino, se non per innocue velature. In serata possibile ricomparsa della nebbia, o intensificazione della stessa.

E come proseguirà il tempo nei prossimi giorni? Le ultime proiezioni modellistiche confermano la possibilità di un calo sensibile delle temperature rispetto alla notevole mitezza di questi giorni; in particolare da martedì l'ingresso freddo si farà strada in Lombardia con aria in arrivo dalla Russia Europea. L'ingresso risultera di tipo "orientale" e in un contesto di tempo abbastanza stabile e protetto dall'anticiclone ad W; tuttavia i cieli potranno essere spesso nuvolosi, talvolta coperti, per il "sollevamento" della notevole massa caldo-umida presente su tutta la pianura padana. Non temete, sarà un normalissimo episodio di freddo non eccessivo tipico delle prime fasi dell'inverno. 
Per sapere comunque come proseguirà il tempo la prossima settimana, vi consigliamo di seguire quotidianamente i vari aggiornamenti ed in particolare, il nostro Bollettino di Previsione, oltre alle brevi analisi, gli approfondimenti e le curiosità didattiche sulla nostra pagina ufficiale Facebook .

 
Auguro a tutti una buona domenica

   
                                                                                                 Maurizio C. Pocchia - Staff CML
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI