Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Lunedì 21 ottobre 2019 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 20/10/2019
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

21/10/19, ore 19:45

Temperatura: 19.3°C
Umidità relativa: 87%
Pressione: 1019.75mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

21/10/19, ore 19.44

Temperatura: 17.7°C
Umidità relativa: 83%
Pressione: 1020.5mB
17 luglio - Scacco fresco all'estate   Inserito il› 18/07/2016 0.41.44
Break temporalesco e soprattutto fresco a metà settimana con minime in pianura diffusamente intorno a 10°C grazie ad un ingresso dia ria fredda dal nord Atlantico. Una pausa rigenerante dopo alcuni giorni molto caldi.
 
 
Domenica 17 Luglio 2016 - ore 24:00

 

Brusco abbassamento delle temperature a metà settimana grazie ad un robusto ingresso di aria fredda nord Atlantica. Se per le aree di pianura gli effetti sono stati una piacevole quanto rigenerante rinfrescata in montagna il cambiamento radicale di massa d'aria ha riportato la neve fino a quote medio-basse ed in genere sotto i 2000 metri di quota. Come spesso accade in queste situazioni la valle di Livigno da il meglio di sé ed infatti nella serata di mercoledì 13 luglio la neve è tornata a cadere dapprima sui passi alpini che la circondano e poi fino al fondovalle che si trova poco sopra i 1800 metri accumulando alcuni centimetri di coltre bianca, scioltasi poi rapidamente l'indomani mattina con i primi raggi di sole. Fotowebcam a sinistra, Forcola di Livigno 2315 metri chiusa al transito veicolare dalle 22.00 del 13 luglio fino alle 8.00 del 14 luglio (Credit www.valtline.it), fotowebcam a destra, Passo Eira 2208 metri sotto la fitta nevicata (Credit www.comune.livigno.so.it).
 
 
Buona serata a tutti dallo staff CML e ben ritrovati per una nuova edizione della "Prima Pagina".
 
Dopo alcuni giorni decisamente caldi e con afa fastidiosa la settimana che volge al termine ha visto un netto ricambio di massa d'aria nel catino padano grazie ad un ingresso perentorio di aria fresca nord-atlantica facendoci riscoprire il volto piacevole e sopportabile dell'estate.
Una saccatura assai incisiva come raramente se ne sono viste negli ultimi anni si è letteralmente gettata verso il Mediterraneo centrale col suo carico di aria fresca ed instabile che ha generato nelle giornate di lunedì 11, martedì 12 e mercoledì 13 temporali a tratti violenticon grandinate e colpi di vento notevoli che localmente hanno creato anche danni a vegetazione e abitazioni e nella serata di mercoledì 13 ha riportato la neve sulle Alpi fin sotto i 2000 metri di quota, fatto abbastanza inusuale nel cuore dell'estate a metà luglio. Da giovedì 14 la situazione si è ristabilizzata con cieli sereni ovunque ma sempre in un contesto ditemperature assai fresche e piacevoli senza il fastidio del caldo e dell'afa. Ma ripercorriamo brevemente gli eventi salienti della settimana.

Lunedì 11 la settimana inizia sotto una cappa di afa pesante soprattutto in pianura e nelle grandi città con temperature minime nei grandi centri urbani spesso superiori a 25°C; tuttavia alcuni temporali nottetempo riescono a formarsi nell'angolo nord-occidentale della regione e nel confinante Piemonte mitigando in parte il fastidio dell'afa. In giornata prevalenza di cielo poco nuvoloso seppur solcato a tratti da cumuli soprattutto verso i monti con temperature massime fino a 34°C/36°C e in serata temporali che si sono fatti avanti colpendo soprattutto le province di Varese, Como, il Canton Ticino, il Lario e la provincia di Sondrio con accumuli localmente superiori a 50mm  tra Ticino e alto Lago di Como.

Martedì 12 giornata variabile ma con temporali ad evoluzione molto rapida ed incisiva sospinti da intense correnti sud-occidentali in quota; in taluni casi i temporali sono risultati grandinigeni e con violenti colpi di vento che hanno creato qualche danno alla vegetazione e ad alle cose. Solo il basso bresciano ed il mantovano, come spesso accade con correnti in quota sud-occidentali molto tese, sono risultati immuni da piogge e temporali ed infatti in queste zone le temperature massime sono risultate ancora molto alte con picchi di 33°C/35°C mentre all'estremo ovest della regione, grazie ai temporali, si sono fermate a 25°C/27°C. Accumuli di pioggia abbastanza ben distribuiti con punte fino a 50/55mm su parte del Milanese occidentale e nel comparto Orobico.

Mercoledì 13 altra giornata fortemente instabile con ancora escluse dai fenomeni le provincie di Mantova e la parte bassa della provincia di Brescia. Sul resto della regione temporali a più riprese, alcuni nuovamente molto forti con grandinate e violenti colpi di vento. In serata il passaggio del fronte freddo si è tramutato in una rotazione dei venti dai quadranti nord-occidentali con intensità sostenuta; diverse le stazione della nostra rete che hanno registratoraffiche di 75/85 km/h e in alcuni casi complice l'orografia e nelle stazioni in quota le raffiche di vento hanno agevolmente superato i 100 km/h. Il brusco riversamento verso il suolo dell'aria fredda grazie ai temporali ha così fatto ricomparire la neve sulle Alpi in genere oltre i 2100/2200 metri e nelle zone di confine più a nord anche sotto i 2000 metri come nella valle di Livigno dove la neve è scesa fino in fondovalle con la temperatura crollata in poche ore fino a pochi decimi sopra lo 0°C. Nottetempo sono stati perfino chiusi alcuni passi alpini per intransitabilità e sui restanti passi aperti la circolazione stradale è risultata particolarmente difficoltosa per il manto stradale innevato e ghiacciato come ben testimoniano le foto a corredo.

Giovedì 14 si è tornati a cielo decisamente più soleggiato ma in un contesto termico radicalmente cambiato con temperature minime notturne in molte zone di pianura scese fin sulla soglia dei 10°C e con forti raffiche di vento fin sui 50/60 km/h. In giornata le temperature massime si sono attestate tra i 25°C della parte ovest della regione fino ai 28°C/29°C delle pianure orientali. In serata ultimi episodi temporaleschi tra Milanese, Brianza Lecchese e Bergamasco con scenografici temporali e arcobaleni culminati con un tramonto da cartolina.

Venerdì 15 ancora una giornata piacevolmente soleggiata e fresca salvo l'angolo sud-orientale della regione che esclusa fino a quel momento dai fenomeni temporaleschi ha finalmente ha potuto godere di qualche rovescio con accumuli fino a 20/25mm. Temperature minime ancora decisamente fresche e diffusamente inferiori a 15°C e temperature massime ovunque inferiori a 30°C con valori compresi tra i 24°C dell'ovest regione e i 28°C/29°C delle pianure.

Infine il weekend si è presentato completamente sereno pressoché ovunque con temperature in leggero rialzo ma che solo nella giornata di oggi, domenica 17, sono risalite oltre i 30°C sebbene accompagnate da brezze vivaci e tassi di umidità ancora bassi rendendo il caldo molto ben sopportabile e mai fastidioso.

Per quanto riguarda la nuova settimana la situazione resta improntata al bello stabile con temperature che però andranno gradualmente innalzandosi ben al di sopra dei 30°C e nella seconda metà della settimana probabilmente toccheranno picchi nuovamente di 33°C/35°C. Da valutare la situazione del prossimo fine settimana, potrebbe esserci infatti un certo peggioramento del tempo ma potrebbe risultare confinato alla parte montuosa della regione oppure colpire in parte le pianure ma per verificare meglio la situazione vi consigliamo, come sempre, di tenervi aggiornati seguendo il nostro Bollettino di Previsione, le brevi analisi, gli approfondimenti, le curiosità ed i dettagli sulle situazioni più particolari e didattiche sulla nostra pagina ufficiale Facebook.

L'appuntamento con la prossima edizione della Prima Pagina è come sempre fissato puntale tra sette giorni.

 
 
 
Livio Perego - Staff CML
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2019 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI