Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Sabato 18 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 17/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

17/11/17, ore 23:55

Temperatura: 9.3°C
Umidità relativa: 76%
Pressione: 1019.1mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

17/11/17, ore 23.56

Temperatura: 6.7°C
Umidità relativa: 82%
Pressione: 1020.4mB
24 agosto - Rottura estiva: piogge e calo termico   Inserito il› 24/08/2015 22.19.31
Dopo l’atroce calura di luglio, riproposta, la canicola africana ha lasciato finalmente il passo a fresche e più instabili correnti atlantiche, con temperature che si sono quindi mantenute su valori addirittura inferiori alla norma e piovaschi e rovesci temporaleschi quotidiani. Riviviamo tale periodo grazie all'inusuale ma completo ed esaustivo articolo del nostro Matteo Negri
 
Lunedì 24 Agosto 2015 - ore 18:00

 

Numerosi gli episodi di instabilità atmosferica in questa penultima settimana di agosto, con rovesci e temporali localmente anche intensi. Spettacolare "shelf cloud" (nube a mensola) osservata nel pomeriggio di martedì 18 in Brianza monzese. Foto di Fabio Addolorato, www.meteocogliate.it


Buona serata a tutti e ben ritrovati a questa penultima edizione estiva della Prima Pagina.

Con la seconda metà di agosto il clima dell’estate 2015 ha osservato un importante cambiamento di rotta.
Dopo l’atroce calura di luglio, riproposta – seppur in tono minore – nelle prime due settimane del mese in corso, la canicola africana ha lasciato finalmente il passo a fresche e più instabili correnti atlantiche, abbassate di latitudine grazie al provvidenziale posizionamento di un anticiclone in area scandinava.
Nella settimana appena trascorsa le temperature si sono quindi mantenute su valori addirittura inferiori alla norma (localmente fino a 2°C sotto la media stagionale), situazione che non accadeva da parecchio tempo. Piovaschi e rovesci temporaleschi hanno interessato quasi quotidianamente un po’ tutte le nostre province, con precipitazioni apprezzabili anche su parte delle Pianure (Milanese in primis, ma anche Pavese, Lodigiano, ovest Cremonese e Mantovano).
Ripercorriamo nel dettaglio l’evoluzione delle condizioni meteorologiche dal 17 al 23 agosto.

Il primo giorno della settimana, dopo minime della notte quasi ovunque inferiori a i 20°C (15-19°C), ha visto cieli sostanzialmente sereni, seppur con residua nuvolosità nei comparti nord-orientali. In tardo pomeriggio-sera si sono tuttavia sviluppate alcune celle temporalesche foriere di rovesci sparsi (10-20mm) su milanese occidentale e varesotto meridionale. Qualche millimetro di pioggia è caduto anche sul comparto orobico e in Oltrepò mantovano, mentre sul resto delle pianure solo qualche goccia qua e là. Le temperature massime, complice il discreto soleggiamento, si sono nuovamente spinte oltre i 28/30°C, con punte di 31°C nelle pianure della Bassa.

Nella notte su martedì 18 altri rovesci hanno interessato il milanese occidentale, la Bassa Bergamasca e la fascia pedemontana attorno al Lago d'Iseo. Nel corso della giornata il cielo s’è mantenuto nuvoloso o molto nuvoloso, con frequenti addensamenti specie sui rilevi e qualche occhiata di sole al piano. In serata nuove celle temporalesche hanno portato la pioggia nell'ovest milanese e pavese, in provincia di Lecco e nelle Orobie bergamasco-bresciane. In lieve calo le temperature massime, praticamente ovunque inferiori ai 30°C e più contenute (24-26°C) nelle aree pedemontane e vallive laddove la nuvolosità è risultata più persistente.

Mercoledì 19 è proseguito il quadro di generale instabilità sulla nostra regione. Dopo gli ennesimi rovesci nella notte su gran parte del nord-ovest lombardo, in Brianza e in bassa Valtellina e soprattutto nelle valli bergamasche (53mm in Alpe Arera), nel corso della mattinata i fenomeni si sono estesi verso oriente, con accumuli importanti sulle Prealpi bresciane e una decina di millimetri sparsi in modo abbastanza uniforme in provincia di Mantova. Dal pomeriggio parziali schiarite hanno favorito la ripresa del soleggiamento da ovest, pur non riuscendo a liberare le province orientali dalla nuvolosità persistente. In questo clima perturbato le temperature si sono ulteriormente abbassate, registrando estremi minimi compresi tra 14 e 17°C e massime tra 22 e 27°C.

Giovedì 20 è stata forse la giornata più gradevole della settimana: asciutta e generalmente soleggiata, con cieli tersi come capita di rado nel mese di agosto. Le fresche temperature minime del mattino, specie nei fondovalle e nelle brughiere (12°C a Sondrio e Varese), col passare delle ore hanno lasciato spazio a un quadro termico pienamente estivo – seppur non caldo – con estremi massimi sui 27-30°C. Il sole è stato parzialmente oscurato soltanto all’alba in alta Valtellina e nelle ore pomeridiane localmente sui rilievi per via di una modesta (quasi ovunque improduttiva) attività cumuliforme.

Nella notte su venerdì 21 alcuni sporadici rovesci hanno interessato le Prealpi bresciane e localmente il mantovano, mentre una coltre abbastanza spessa di nubi basse ha nascosto il sole del mattino su parte delle pianure. Nel pomeriggio la giornata s’è fatta più soleggiata, nonostante una rinnovata instabilità su rilievi alpini e prealpini sia stata in grado di generare qualche debole e sporadica precipitazione verso sera (in particolare sul comasco). Le temperature minime sono state sensibilmente livellate attorno ai 17°C su tutto il territorio causa copertura notturna, ad eccezione delle aree settentrionali e dei fondovalle orobici, dove una nuvolosità meno compatta ha permesso alla colonnina di mercurio di scendere maggiormente (11-12°C). Notevole, a tal proposito, la minima di 0.8°C registrata dalla stazione meteo di Livigno Forcola, segno di probabili brinate nella vallata (episodio tuttavia non raro a fine estate per il comune valtellinese, posto ad oltre 1800 m di quota s.l.m.). In lieve calo le massime, seppur ancora attestate su valori pienamente estivi (25-28°C).

Sabato 22 si è presentato con cieli sereni o poco nuvolosi al mattino, ad eccezione dell'angolo nord-occidentale lombardo e in generale a ridosso delle Pedemontane, dove – in modo analogo alla giornata di venerdì – sono insistite coperture per nubi basse, via via in dissoluzione nel corso della giornata. Nel pomeriggio, quindi, tempo generalmente soleggiato con moderata attività convettiva in prevalenza sui rilievi di confine, con rovesci – sporadici – in alta Valle Camonica, in Valchiavenna e nel Bormiese. Sostanzialmente stazionario il quadro termico, con punte pomeridiane di 29°C soltanto sulle pianure della Bassa.

La giornata di domenica 23 è stata la più perturbata della settimana, per rammarico di chi – magari al ritorno dalle ferie – desiderava godersi gli ultimi scampoli di sole. Il cielo è stato molto nuvoloso o coperto per tutta la giornata, con esclusione di parte delle pianure centro-orientali dove i raggi di sole hanno parzialmente filtrato una coltre di nubi meno compatta. In uno scenario pienamente autunnale, deboli precipitazioni o al più moderate, spesso a carattere di pioviggine, hanno prodotto accumuli complessivamente modesti (non più di qualche millimetro) su tutto il territorio lombardo occidentale e settentrionale, con qualche isolato picco >10mm nel Pavese e sulle Prealpi. Molto disomogeneo il quadro termico della giornata: nelle province di nord-ovest, specie laddove sono insistite continue precipitazioni, le temperature massime non si sono spinte oltre i 20-22°C, mentre già nella bassa bergamasca e cremonese si sono avvicinati i 25°C, con punte di 28°C nelle pianure mantovane e in pedemontana bresciana.

Cosa dobbiamo attenderci per la settimana in corso?
Proprio in questo momento, nel pomeriggio di lunedì 24 agosto, una forte perturbazione atlantica sta interessando le regioni centro settentrionali, segnatamente la Liguria e il Piemonte meridionale. Nelle prossime ore ci attendiamo precipitazioni anche intense, localmente molto abbondanti sulle Prealpi lombarde centro-occidentali, aree dove gli accumuli in tarda serata e nella notte potrebbero risultare particolarmente consistenti (segnatamente le province di Como, Lecco e Bergamo). Per questa ragione sarà opportuno monitorare con attenzione l’evoluzione dei fenomeni nelle aree tipicamente a maggior rischio idrogeologico.
Già con la giornata di domani, martedì 25 agosto, la struttura depressionaria andrà allontanandosi rapidamente verso est, sotto la rimonta dell’Alta Pressione che riporterà il bel tempo e un clima sostanzialmente soleggiato e termicamente gradevole. A seguire, da metà settimana, è atteso un progressivo e consistente aumento delle temperature, con i valori massimi che da giovedì 27 torneranno a superare abbondantemente i 30°C, con picchi di 34-35°C nel weekend. Ben poco da segnalare per quanto riguarda eventuali precipitazioni: asciutto in pianura, mentre qualche (raro) temporale di calore sarà possibile sulle Alpi nelle più calde ore pomeridiane, seppur in un contesto di generale stabilità atmosferica. Di nuovo prepotentemente estate, quindi, per la gioia di chi si trova tuttora in vacanza.

Per seguire quindi l’evolvere del tempo vi consigliamo, come sempre, di tenervi aggiornati seguendo il nostro Bollettino di Previsione e le brevi analisi, gli approfondimenti, le curiosità ed i dettagli sulle situazioni più curiose e didattiche sulla nostra pagina ufficiale Facebook.
 
Buona settimana a tutti!
 
Matteo Negri - Staff CML

Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI