Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Mercoledì 10 agosto 2022 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 09/08/2022
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

--/--/--, ore --:--

Temperatura: --.-°C
Umidità relativa: --%
Pressione: ----.-mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

10/08/22, ore 3:42

Temperatura: 24.1°C
Umidità relativa: 64%
Pressione: 1018.6mB
19 Gennaio - Molta pioggia in pianura, neve abbondante in montagna!   Inserito il› 19/01/2014 10.16.26
 
Continua il viaggio versi questo lungo autunno, con le sue perturbazioni che quasi ogni giorno fanno visita sul nostro paese. Mancano le condizioni favorevoli per una bella nevicata in pianura, proprio per il continuo latitare del freddo. Questo Editoriale - a frima di Matteo Dei Cas - rende però onore all'abbondanza di neve sulle Alpi.
 
 
 
Domenica 19 Gennaio 2014 - ore 11:00
 
 
 

Mercoledì 15 Gennaio 2014  - Abbondante innevamento su Alpi e Prealpi. Giornata "di intervallo" soleggiata e limpida in montagna. Qui siamo al
Pescegallo, lungo il versante orobico Valtellinese, con circa 170 cm di neve al suolo. FOTO di Virgilio Rava. Venerdì 17 Gennaio 2014 - Nuova abbondante nevicata sulle Alpi. Qui siamo ad Oga, in Alta Valtellina. Notevole lo spessore del manto nevoso sui tetti. FONTE: 
 
 
Buona Domenica a tutti e ben ritrovati ad un nuovo appuntamento con la Prima Pagina!
 
Se nella scorsa edizione il nostro Livio Perego ha parlato di inverno assente, in questa terza settimana di gennaio possiamo continuare a raccontarvi di questo lungo autunno: piogge diffuse ed insistenti hanno interessato le nostre pianure, con abbondanti nevicate in montagna dove centimetro dopo centimetro il manto nevoso inizia a presentare uno spessore davvero interessante! Le foto scelte per questa edizione rendono onore alle nostre montagne, in questo gennaio particolarmente nevoso.
 
Il freddo continua a latitare dal nostro paese, che invece continua ad essere interessato da correnti umide e miti provenienti dalle basse latitudini dell'Atlantico. A giorni alterni, corpi nuvolosi bene organizzati raggiungono la nostra regione apportando importanti contribuiti di precipitazioni, contemperature che rimangono costantemente al di sopra della media del periodo.
 
La terza perturbazione del mese, prettamente atlantica, ha attraversato con traiettoria ovest->est la nostra regione a cavallo tra lunedì 13 e martedì 14 gennaio. Le piogge sono cadute su tutte le pianure lombarde, con accumuli maggiori sui settori centro-occidentali (25-35 mm tra Varesotto, Comasco, Milanese e Pavese) per divenire via via meno consistenti spostandosi verso est, e comunque dell'ordine di 10-15 mm sulle province orientali. Piovosità che è andata sempre aumentando a ridosso delle Prealpi, a causa del consueto effetto di sbarramento orografico al richiamo umido meridionale che precedeva l'ingresso del fronte.
 
Unica gionata di intervallo di bel tempo quella di mercoledì 15 gennaio, con cieli pressoche sgombri di nubi in quota e nebbie estese nel Catino Padano che si sono sollevati nelle ore più calde dando luogo ad una giornata uggiosa e sempre piuttosto mite: termometri raramente sotto lo zero anche alle luci dell'alba con escursione termica diurna piuttosto contenuta, fino a raggiungere valori massimi dell'ordine dei 6/8°C.
 
Una seconda ed altrettanto intensa  perurbazione atlantica ha attraversato la Lombardia con la medesima traiettoria di quella precedente, nella seconda parte della settimana: il peggioramento si è fatto più consistente a partire da giovedì sera, con piogge in estensione da Ovest e quota neve in graduale calo nel corso della nottata. Venerdì 17 Gennaio la piogge si sono distribuite in modo omogeneo su tutta la Lombardia, con accumuli medi di 30-40 mm ad eccezione delle pianure orientali dove la pluviometria si è ridotta considerevolmente. La neve è caduta ancora una volta abbondante sulle Alpi (nuovi apporti di 30 cm oltre i 1500 metri di quota) e localmente a quote di 200-400 metri nelle zone meno esposte ai richiami meridionali. Imbiancata ad esempio la fascia rivierasca orientale del Lario da Mandello a Colico e la totalità della Valtellina.
 
A partire da ieri un nuovo più consistente peggioramento si è abbattuto su gran parte del centro-nord, senza risparmiare nemmeno le coste liguri e dell'Alto Tirreno, dove nelle ultime ore si sono verificate frane e smottamenti. Tipica la figura depressionaria foriera di forte maltempo: un canale depressionario sul Mediterraneo centro-occidentale, alimentato da apporti freddi nord-atlantici attraverso la Penisola Iberica e destinato ad evolvere lentamente a causa di un anticiclone di blocco sull'Europa dell'Est.
 
Ha ripreso a piovere quasi ininterrottamente da ieri mattina sul nostro Territorio con nuovi contributi sempre piuttosto omogeni e dell'ordine dei 25-35 mm, risultando più abbondanti come sempre a ridosso dei rilievi per azione di sbarramento orografico. Continua a piovere tuttora mentre vi scriviamo, con accumuli preferenzialmente distribuiti ad Ovest della linea dell'Adda, come accade tipicamente in situazioni di scirocco. Piogge molto meno organizzate in alcuni angoli della regione posti sottovento, come in Alta Valtellina che risulta in ombra per la presenza del gruppo Adamello-Serottini.
In queste zone, come in genere sulle Alpi e Prealpi Lombarde, la quota neve si è notevolmente innalzata a causa dell'arrivo di aria più mite, fin ad attestarsi attorno ai  1600-1800 metri.
 
Aria più fredda di natura nord-oceanica affluirà nei prossimi giorni portando un lieve calo delle temperature, più sensibile in montagna...ma in un contesto di tempo del tutto variabile, con alternanza di giornate almeno nella prima parte della prossima settimana. Ma per ulteriori dettagli non possiamo fare altro che consigliarvi di conusltare il nostro Bollettino di Previsione.
 
Buon proseguimento ed un arrivederci al prossimo weekend!

 
 
Matteo Dei Cas - Staff CML
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2022 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI