Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Domenica 25 febbraio 2024 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 24/02/2024
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

20/2/24, ore 9:26

Temperatura: 13.2°C
Umidità relativa: 77%
Pressione: 1025.20mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

25/02/24, ore 12:01

Temperatura: 6.6°C
Umidità relativa: 86%
Pressione: 1011.4mB
19 Maggio - Tempo variabile in attesa del maltempo   Inserito il› 24/05/2012 23.49.08
 
Settimana di metà maggio caratterizzata da estrema variabilità del tempo: fasi instabili e relativamente fresche sono intervallate da fugaci intervalli anticiclonici, che danno spazio a qualche giornata più calda. Non ci siamo fatti mancare nulla in territorio lombardo, nemmeno una bella burrasca di Föhn! Puntuale e preciso editoriale a cura di Giuseppe Aceti.
 
 
Sabato 19 Maggio 2012 - ore  22:00
 
Venerdì 11 Maggio 2012 -  Settimana dinamica, con frequenti cambiamenti delle condizioni metereologiche. Ecco ad esempio la giornata di mercoledì 16 maggio quando tutta la nostra regione è stata spazzata da forte vento settentrionale, che si è presentato prevalentemente sottoforma di föhn, come sul Lario a Valmadrera (LC). (fonte: www.wcv.it )
 
Buona serata a tutti dallo staff CML e ben ritrovati per una nuova edizione della "Prima Pagina"!
 
Anche la settimana appena trascorsa ha mostrato bene una delle principali caratteristiche della stagione primaverile, ovvero il frequente modificarsi delle condizioni del tempo in uno scenario estremamente dinamico. Si sono così alternate durante la settimana bel tempo, nubi, rovesci e temporali, vento forte; il tutto accompagnato da temperature piuttosto fresche per il periodo, a tratti fredde. E la dinamicità continuerà visto che un nuovo importante peggioramento del tempo è atteso per i prossimi giorni. Almeno quest’anno possiamo affermare come la stagiona primaverile, al di la di luoghi comuni, si sia presentata come una vera e propria “mezza stagione”.
  
Ma partiamo proprio dal peggioramento del tempo che ci interesserà da domani e che, ancora una volta, ci guasterà il fine settimana, come del resto abbiamo visto negli ultimi 6 weekend tra aprile e maggio. Ma si può quindi parlare di maledizione da maltempo nel weekend? Certo che no, è solo una coincidenza. I giorni di maltempo infatti si distribuiscono in modo regolare su tutti i giorni della  settimana; è quindi una nostra “percezione” che piova di più nel weekend, in quanto tutti aspettiamo quel momento per le attività piacevoli all'aria aperta e, per un meccanismo psicologico, la nostra mente tende a ricordare solo gli episodi negativi, escludendo quelli positivi. In senso più meteorologico, il fatto che gli ultimi weekend il tempo sia spesso stato brutto ed instabile è legato al fatto che le perturbazioni che interessano le medie latitudini sono causate da oscillazioni del “Fronte Polare”, cioè della zona di contrasto tra masse d’aria fredda e calda, che periodicamente subisce dei disturbi ed è responsabile delle intrusioni di aria fredda verso il Mediterraneo. Le oscillazioni del Fronte Polare hanno una ciclicità che varia tra 5 e 7 giorni, e se casualmente una di queste oscillazioni inizia a presentarsi in un fine settimana, vi sono con buona probabilità che anche i weekend successivi altre perturbazioni possano interessare le stesse zone (fonte: classmeteo.weather.com)
 
Ma vediamo ora più in dettaglio quanto accaduto nell’ultima settimana sul nostro territorio a livello meteorologico.
 
La settimana si è aperta lunedì 14 maggio con una bella giornata; l'area depressionaria responsabile del maltempo di domenica su parte della regione si spostava verso sud, in un contesto continentale ancora piuttosto instabile. A livello termico abbiamo così osservato fresco al mattino, con valori al piano per lo più compresi tra 5 e 9 °C; i valori massimi si sono spinti invece attorno ai 18-20 °C su buona parte delle zone pianeggianti.
 
Martedì 15 invece, una saccatura si  spingeva sull'Europa centrale e, complice un minimo relativo al suolo sulla Danimarca, un fronte perturbato ha raggiunto prima l'arco Alpino e successivamente il Mediterraneo. Il suo passaggio ha portato qualche fenomeno instabile anche sul nostro territorio. Tra la sera di martedì e la prima parte di mercoledì quindi precipitazioni sparse sul nostro territorio, prevalentemente a carattere di rovescio o temporale. Accumuli irregolari ed a macchia di leopardo, un po’ più abbondanti su alta pianura e fascia pedemontana compresa tra lecchese e bergamasco dove si sono accumulati localmente oltre 20 mm (sino ai 28 mm di Galgiana di Casatenovo LC).
 
Traslata la perturbazione verse E-SE, la nostra regione è stata poi interessata da forti venti freschi settentrionali, segnatamente nella giornata di mercoledì 16 maggio, che si sono presentati sotto forma di föhn. Sul nostro territorio il vento è spirato per tutta la giornata in modo sostenuto, facendo registrare diffusamente raffiche fino a 60-70 km/h al piano mentre in quota le raffiche di vento sono arrivate a toccare i 90-100 km/h. Anche la fotografia scelta per il presente editoriale ci mostra visivamente una località lacustre durante la giornata di vento. Tra l’altro, questa massa d’aria fredda ha riportato qualche fiocco di neve “da sfondamento” sull’alta Valtellina mentre la neve è tornata più copiosa sulle Alpi orientali e sull’appennino, dove il paesaggio è tornato bianco dai 1200-1300 m (localmente anche a quote inferiori).
 
Il freddo “percepito” per via dell’wind chill (l’indice di raffreddamento che calcola la temperatura percepita tenendo conto anche della velocità del vento) di mercoledì lo si è poi visto giovedì nelle temperature; di primo mattino quindi le temperature minime sono risultate nuovamente piuttosto fredde, per lo più comprese tra 4 e 8 °C ed in talune conche o vallate particolarmente riparate si è tornati addirittura sotto zero (come a Sabbio Chiese che posto a 311 m slm ha fatto registrare nella mattinata di giovedì 17 maggio la temperatura di -0,1 °C).
 
La giornata di giovedì 17 è proseguita all’insegna del bel tempo grazie ad un temporaneo  promontorio di alta pressione che ha interessato il mediterraneo centrale e la nostra regione determinando un calo del vento e tempo generalmente buono dai monti al piano. Anche venerdì 18, a parte qualche innocua nuvola e qualche isolata e debole precipitazione sui rilevi, il tempo è stato asciutto ed a tratti assolato.
 
Ma dopo che oggi, sabato 18, son tornate diffusamente le nubi e si è assistito a qualche debole pioggia, pare delinearsi per i prossimi una nuova significativa fase di maltempo. Questo in quanto la profonda e vasta depressione sull’area centro-occidentale Europea si sposterà verso il nord Italia,  con una configurazione barica che, potenzialmente, potrebbe portare marcato maltempo. Peggioramento del tempo tra l’altro più di stampo autunnale che non tardo-primaverile. Per tenervi comunque aggiornati sull’andamento del tempo (e del maltempo) dei prossimi giorni vi consigliamo di seguire gli aggiornamenti del nostro Bollettino di Previsione ed i vari commenti degli esperti e degli appassionati sul nostro Forum. E, come sempre, vi consigliamo tutti gli approfondimenti climatici e microclimatici del nostro territorio sul nostro Atlante dei climi e microclimi della Lombardia!
 
Per finire, dato che in settimana si è assistito a qualche temporale e che ancora si è tornati ad udire, per cercare di contrastare gli effetti dei temporali, il rimbombo dei cannoni antigrandine, vogliamo sottolineare il nostro pensiero in merito. E per farlo prendiamo a prestito alcune considerazioni “colorite e simpatiche”, in merito del meteorologo e climatologo Luca Mercalli: “I cannoni antigrandine servono solo a fare gran rumore, a rompere le scatole ai vicini, a spaventare le galline, a buttar via un sacco di soldi e a mantenere una cultura tribale e antiscientifica, fatta di credenze in amuleti magici”. Si sa infatti da tempo come la scienza, dopo un secolo di sperimentazione, abbia decretato l’assoluta inutilità dei cannoni antigrandine. Quando vedremo arrivare un temporale quindi, non ricorriamo ad inutili e costosi “rimedi”, ma cerchiamo di ripararci e di mettere a riparo quanto possibile e, se incuriositi, soffermiamoci ad osservare uno degli spettacoli più affascinanti che madre natura ci offre …
 
Ringraziandovi come sempre per l'attenzione, vi auguriamo una buona domenica e una buona settimana!
 
  
 
Giuseppe Aceti - Staff CML
 
 
   
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2024 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI