Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Domenica 25 febbraio 2024 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 24/02/2024
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

20/2/24, ore 9:26

Temperatura: 13.2°C
Umidità relativa: 77%
Pressione: 1025.20mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

25/02/24, ore 7:15

Temperatura: 5.9°C
Umidità relativa: 86%
Pressione: 1011.7mB
6 Maggio - Primavera in grande stile   Inserito il› 06/05/2012 22.35.03
 
Primavera che si dimostra ancora una volta dinamica e scoppiettante, con temporali diffusi su buona parte della nostra regione, e diverse grandinate. Tra un temporale e l'altro, poi, qualche occhiata di sole permette ai nostri termometri di raggiungere valori di temperature davvero gradevoli. Che dire? ...proprio un inizio di maggio in "grande stile", così come lo definisce il nostro Livio Perego!
  
 
Domenica 6 Maggio 2012 - ore  22:00 
 
 
 
 
 
Le tre foto riassumono la dinamicità e gli eventi della prima settimana di Maggio (A sinistra) 1 maggio 2012: instabilità atmosferica e grandi contrasti cromatici dalla vetta del S.Primo (Triangolo Lariano - CO) verso il Lario (foto del forumista Lioz) - (In centro) 05 maggio 2012: intensa grandinata su Milano zona Viale Argonne con strade e superfici completamente imbiancate (foto di Michele Boncristiano) (A destra) 05 maggio 2012: grandine anche nel comasco, ecco la situazione a Caslino al Piano (foto di Giovanni Pierini).
 
  
Buona Domenica a tutti e ben ritrovati per una nuova edizione della Prima Pagina.
 
Dopo una settimana ricca di avvenimenti meteorologici variegati come quella descritta nella precedente edizione della Prima Pagina, anche la settimana appena conclusa è stata ricca di fenomeni meteorologici, con i giorni centrali più stabili e un fine settimana di nuovo piuttosto movimentato.

A livello sinottico notiamo infatti l'assenza di una figura barica predominante sul bacino centrale del Mediterraneo che diviene sede di instabilità atmosferica grazie al susseguirsi di contributi umidi di stampo atlantico, liberi di passeggiare sulle nostre teste grazie all'assenza, su un livello a scala più ampia, dell'anticiclone delle Azzorre, il quale dopo aver influenzato il tempo sulle nostre regioni per quasi tutto l'inverno, ora al contrario risulta completamente "disperso".
 
Un primo passaggio perturbato lo si è visto ad inizio settimana tra la sera di domenica 29 aprile e la giornata di martedì 1 maggio, conseguenza del passaggio del cavo d'onda perturbato che si era approfondito nei giorni precedenti al largo delle coste portoghesi e che aveva provocato un netto rialzo delle temperature; tale saccatura nel suo moto da ovest verso est, o per meglio dire da sud-ovest verso nord-est, ha abbordato col suo fronte caldo le coste italiane nella giornata di domenica 29 aprile provocando rovesci e temporali nel pomeriggio sul Piemonte per poi estendersi gradualmente verso la nostra Lombardia dove in serata si sono registrate le prime deboli piogge.

Nella notte su lunedì rasserenamenti veloci quanto fugaci hanno provocato temperature minime al piano decisamente fresche e prossime ai 10°C, ma già dalla tarda mattina il cuore del fronte perturbato ha raggiunto la nostra regione con la sua direttrice sudovest/nordest e, come accade in questi casi, piogge intense hanno colpito in primis i settori orobici con accumuli fino a 45/50mm, poi la Valtellina con 20/25mm e a seguire via via con accumuli minori spostandosi verso le pianure e verso sud-est.
 
Martedì 1 maggio giornata ancora fortemente instabile: rovesci e temporali nella notte dall'ovest Piemonte fino alle Orobie a salire costantemente verso nord-est con accumuli di nuovo interessanti fino a 30/35mm, altrove più sparsi e sporadici e generalmente poco produttivi in termini di piogge (5-10mm), in giornata ampie aperture soleggiate hanno fornito nuovo carburante per rovesci e temporali serali grazie alla ritornante da sud-est del fronte occluso legato all'allontanamento della saccatura. A fine giornata si sono registrati accumuli di pioggia notevoli per il Mantovano, zona che a volte risulta ai margini degli eventi perturbati, ma anche per il Pavese ed il Cremonese con punte fino a 45/50mm, mentre grazie alla pioggia della prima parte della giornata il top degli accumuli spetta al nord-ovest regione con picchi di 65/70mm.
 
A partire da mercoledì 2 maggio, ad esclusione di deboli piogge residue sui settori di nord-ovest legate al definitivo allontanamento del fronte occluso con 8/10mm caduti, fino a venerdì si è aperta una fase più soleggiata soprattutto per le zone di pianura ma ancora con instabilità sulle zone alpine e prealpine legata ai fenomeni convettivi diurni; temperature quindi gradevoli al piano fin verso 22°/23°C e punte fino a 25° sul fondovalle Valtellinese con nubi innocue, mentre quà e là sui monti rovesci e brevi temporali con accumuli mai superiori a 10/12mm.
 
Con l'avvicinarsi del weekend ecco profilarsi all'orizzonte una nuova fase di marcata instabilità; un nuovo flusso umido legato ad un cavo d'onda depressionario in movimento da sud-ovest verso nord-est si è approssimato alla nostra regione venerdì sera con i primi annuvolamenti estesi che hanno provocato rovesci a partire dal Verbano in estensione verso il Ticino, il Lario e la Valchiavenna/bassa Valtellina nella notte su sabato; pausa dei fenomeni al mattino di sabato ma dall'ora di pranzo locali fenomeni di wind-shear e di convergenza tra venti caldo/umidi sud-orientali che precedevano il fronte e venti più freschi da nord-occidentali, hanno provocato violenti temporali ad asse obliquo soprattutto in pianura ed in particolare nell'area milanese colpita da una violenta quanto coreografica grandinata che ha imbiancato la parte nord-est del capoluogo provocando disagi alla circolazione per sottopassi impraticabili e allagamenti di box e scantinati. I temporali si sono poi estesi, seppur indeboliti, con la consueta direzione sud-ovest/nord-est verso Alpi e Prealpi e a fine giornata si sono registrati accumuli importanti di pioggia: 60/65mm in zona Verbano e alto Lario, 50mm in ValChiavenna, zone Orobiche, Milano e Valsassina, 30-35mm in media Valtellina, Varesotto, Bresciano e Comasco, tra 10 e 25mm altrove.
 
Quest'oggi domenica 6 maggio ancora giornata instabile e foriera di rovesci e temporali e locali grandinate, dato che il fronte perturbato è transitato in giornata sulla Lombardia con il suo corredo di instabilità atmosferica regalando piogge e rovesci alternati a brevi schiarite con bellissimi contrasti cromatici. L'instabilità dovrebbe esaurirsi nel corso della notte e lunedì mattina.
 
Per i prossimi giorni si profila una fase con maggiore stabilità e probabilmente vivremo un deciso rialzo delle temperature ma per tutti i dettagli vi rimandiamo come di consueto alle quotidiane emissioni del bollettino meteorologico
 
Da ultimo segnaliamo un fenomeno astronomico di notevole bellezza che purtroppo noi lombardi non abbiamo potuto osservare a causa della compatta copertura nuvolosa presente nei nostri cieli; stiamo parlando della cosiddetta "superLuna", si tratta della coincidenza tra il plenilunio ed il massimo avvicinamento della Luna stessa lungo la propria orbita intorno alla Terra che si ripete una volta all'anno, essa passa a "soli" 357.000 km di distanza dal nostro pianeta ovvero circa 25.000 km in meno rispetto alla media, in questo modo la Luna appare più grande del 14% rispetto al momento di massima lontananza e più luminosa del 30%; in questa photo-gallery potete osservare una serie di spettacolari immagini del fenomeno ripreso in varie località del mondo.
 
Appuntamento tra sette giorni per la prossima edizione della Prima Pagina.
 

 
Livio Perego - Staff CML
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2024 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI