Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Domenica 10 dicembre 2023 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 09/12/2023
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

10/12/23, ore 22:00

Temperatura: 7.4°C
Umidità relativa: 89%
Pressione: 1017.08mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

10/12/23, ore 21:59

Temperatura: 9.1°C
Umidità relativa: 71%
Pressione: 1017.2mB
25 Marzo - Tepori primaverili   Inserito il› 29/03/2012 17.09.19
La terza settimana di marzo 2012 è stata contraddistinta inizialmente dal ritorno delle  precipitazioni, che si sono concentrate soprattutto nella fascia nord-occidentale della regione; già da metà settimana però il tempo è ritornato sereno e mite per via del "solito" Anticiclone delle Azzorre che è tornato a reimpossessarsi dell'Europa centrale e della nostra Regione. Riviviamo il periodo grazie al "dinamico" editoriale del nostro Livio Perego.
 
Domenica 25 Marzo 2012 - ore  21:30 
 
  
 
 

Didascalia immagini. Il maltempo di inizio settimana ha riportato la neve sulle Alpi, anche a quote medio-basse. Ecco infatti nella prima immagine (a sinistra) il fronte perturbato dopo aver imbiancato la pista "Carisoli" di Carona (BG-1720mt) imbiancata dal fronte perturbato (Fonte www.bremboski.it). Nell'immagine centrale invece vediamo la "quota neve" fin verso i 1200 mt alla pista "Due Baite" di Lizzola (BG-1685mt) (Fonte www.lizzolasci.it). Nella terza immagine (a destra) vediamo un tramonto innevato ai Piani del Monte Avaro (BG-1790mt) (Fonte www.valbrembanaweb.org) 

  
 
Ben ritrovati a tutti gli appassionati del tempo meteorologico con questa nuova edizione della Prima Pagina.
 
La settimana che si va a concludere oggi è stata contraddistinta dal ritorno delle tanto sospirate pioggie tra la fine dello scorso weekend e la giornata di lunedì 19, precipitazioni che si sono concentrate soprattutto nella fascia nord-occidentale della regione; tuttavia la fase piovosa ha avuto vita breve e ben presto il tempo è ritornato al "soleggiato stabile", ormai una caratteristica dominante di questi ultimi mesi.
 
Come si accennava nella precedente edizione della Prima Pagina, il tempo è cambiato a partire da sabato 17 marzo allorquando le correnti hanno cominciato a disporsi da sud-ovest, pilotando masse d'aria via via più umide ed instabili dal Mediterraneo verso la nostra regione; il tutto causato da una blanda depressione in quota (in gergo una "goccia fredda") staccatasi dal vortice semipermanente polare, che si è poi posizionata fra le coste mediterranee francesi e spagnole. Il flusso di aria umida sudoccidentale ha avuto il suo apice tra la sera di domenica 18 e la mattina di lunedì 19 con rovesci di pioggia intensa, qualche temporale accompagnato anche da alcune deboli grandinate e neve a quote medio-basse che hanno colpito principalmente le province occidentali e quelle alpine e pedemontane. La posizione molto occidentale della "goccia fredda" infatti ha sfavorito le province orientali ed in particolar modo le zone di pianura del bresciano, del cremonese e del mantovano che sono rimaste pressochè all'asciutto. Quantitativi di pioggia interessanti viceversa sulle zone alpine e prealpine con punte di 45/50mm totali durante l'intero evento che si è esaurito completamente a partire dalla serata di lunedì 19.
 
Si è trattato quindi di un peggioramento che ha alleviato solo in parte il notevole deficit idrico accumulato negli ultimi mesi dalle varie zone della nostra regione e che ha riportato la neve sulle montagne fino a quote medio-basse: la neve è caduta fino a quota 600/700 mt nell'Intelvese e nelle valli laterali del Canton Ticino mentre nelle altre zone alpine e prealpine la quota neve è stata più elevata ed in genere compresa tra 900 e 1200 metri, come le foto a corredo dell'editoriale mostrano. Nel contempo da rilevare anche i primi temporali dell'anno con alcuni tuoni e qualche grandinata, caratterizzata perlopiù da chicchi di piccole dimensioni (non superiori a 1cm di diametro) sebbene in taluni casi piuttosto fitte e durature, tali da imbiancare i terreni come quella avvenuta nell'oggionese e puntualmente riportata dalle cronache locali. L'aria fredda che accompagnava il fronte perturbato si è riversata al suolo con le precipitazioni ed i susseguenti rasserenamenti nella notte su martedì 20, riportando le temperature verso valori tardo invernali poco prima dell'alba fino a raggiungere valori minimi inferiori a 5 gradi nelle brughiere e nelle zone riparate dalle brezze notturne.
 
Da martedì 20, giorno dell'equinozio di primavera e primo giorno ufficiale della primavera astronomica (ricordiamo invece che la primavera meteorologica è cominciata l'1 marzo), la nuova espansione dell'Anticiclone delle Azzorre verso l'Europa centrale ha riportato cieli sereni e temperature di nuovo miti su tutta la nostra regione; temperature che si sono vieppiù alzate col passare dei giorni fino a superare abbondantemente i 20 gradi a partire dalla giornata di mercoledì 21 marzo. La nostra rete di rilevamento infatti ci ha indicato punte di 22/23 gradi nelle giornate di giovedì e venerdì principalmente nelle province orientali di pianura (basso bresciano e mantovano) mentre nel resto della regione si sono raggiunti diffusamente i 20/21 gradi.
 
Ieri sabato 24 abbiamo assistito ad un lieve peggioramento del tempo questa volta sulle zone orientali della regione, principalmente sulle zone alpine e pedemontane; il tutto frutto del passaggio di masse d'aria instabili e leggermente più fresche che si sono fatte strada lungo il bordo orientale dell'anticiclone delle Azzorre, dando origine a qualche temporale e ad alcuni rovesci, formatisi sui crinali orobici per poi scendere verso le zone pedemontane prima di dissolversi una volta giunti in pianura: abbiamo rilevato accumuli di pioggia modesti generalmente non superiori a 7/8mm: sul resto della regione prevalenza di sole e temperature nuovamente superiori ai 20 gradi.
 
Oggi domenica 25 giornata molto simile a quella di ieri con ampi spazi soleggiati mentre dal primo pomeriggio dalle zone montuose si è assistito allo sviluppo di brevi rovesci e qualche temporale in spostamento verso le zone di pianura; accumuli comunque entro il millimetro pressoché ovunque (più spesso qualche goccia "bagnastrada).
 
Per i giorni a venire non sembra possiamo attenderci cambiamenti di rilievo nel quadro meteorologico generale; giornate ampiamente soleggiate e molto miti continueranno a caratterizzare il tempo della nostra regione, anzi sarà probabile un ulteriore lieve aumento delle temperature nella parte centrale della settimana; per conoscere se andrà effettivamente così e per scoprire fin dove si spingerà la colonnina di mercurio aprite la nostra cartina real time e consultate il nostro quotidiano bollettino meteorologico.
 
Vi attendiamo puntuali fra sette giorni per la prossima edizione della Prima Pagina.
 
 
 
Livio Perego - Staff CML
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2023 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI