Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Sabato 23 novembre 2019 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 22/11/2019
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

23/11/19, ore 0:09

Temperatura: 10.0°C
Umidità relativa: 94%
Pressione: 1010.17mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

23/11/19, ore 0.11

Temperatura: 10.2°C
Umidità relativa: 89%
Pressione: 1010.6mB
6 giugno - Pioggia e fresco!   Inserito il› 14/06/2011 20.50.26
 
Pioggia, temporali e clima fresco nei primi giorni di Giugno 2011, caratterizzati da spiccata variabilità. Editoriale a cura di L. Perego e S. Rossetto.
 
 
Martedì 6 Giugno 2011: dal satellite si nota la vasta circolazione depressionaria che interessa gran parte del continente. FONTE: www.sat24.com
 
Martedì 6 Giugno 2011 - ore  18:00
 
 
Buona giornata e ben ritrovati al consueto appuntamento con il nostro editoriale.
 
Il dato saliente degli ultimi giorni è senza dubbio stato il ritorno in grande stile delle piogge che mancavano sul nostro territorio in maniera regolare, escludendo il break temporalesco di Venerdì 27 maggio, da molte settimane.
 
Le piogge non sono ricomparse, come a volte capita nel periodo estivo, prevalentemente nelle zone montuose o limitrofe, ma un po' ovunque, anche in tutta la pianura Padana, con accumuli tutto sommato piuttosto "democratici" da zona a zona a seconda dei giorni.
 
Tale ritorno all'instabilità ha senza dubbio alleviato la natura che iniziava a manifestare graduali segnali di sofferenza dopo più di due mesi decisamente siccitosi, ma purtroppo si è manifestato anche in maniera negativa in alcune, limitate zone regionali, dove temporali e nubifragi particolarmente intensi hanno provocato danni (anche ingenti) e purtroppo addirittura anche una vittima, come vedremo più avanti. Ma riavvolgiamo ora, come di consueto, il nastro degli eventi meteo e analizziamo meglio ciò che è successo giorno per giorno.
 
Lunedì 30 Maggio la giornata è risultata assolata su tutta la regione; da segnalare temperature minime fresche al mattino con valori vicini ai 10 gradi nel fondovalle Valtellinese e nelle solite zone di aperta campagna e nelle brughiere.
 
Martedì 31 ha rappresentato il giorno del cambiamento del tempo: una zona di bassa pressione si è isolata nel mediterraneo centrale tra la Spagna e le coste Africane, facendo affluire sull'Italia correnti umide capaci di apportare le prime deboli piogge ed i primi rovesci a macchia di leopardo un pò su tutte le regioni: a fine giornata sono stati registrati accumuli generalmente modesti non superiori a 10 mm. Alcune zone tuttavia, segnatamente la Valtellina e le province più sud-orientali della regione restano escluse da queste prime precipitazioni.
 
Mercoledì 1 Giugno la goccia fredda iberica si è spostata verso est, coinvolgendo maggiormente anche la nostra regione: di prima mattina la nostra rete di rilevazione rilevava già accumuli mediamente sui 10-15 mm su gran parte della regione. Si sono registrate altresì temperature piuttosto fresche e addirittura sulle montagne di Piemonte e Valle d'Aosta, più vicine al cuore della goccia fredda, la neve è ricomparsa abbondante ed in modo inatteso fino a quote intorno ai 1500-1700 metri ed occasionalmente anche a quote molto inferiori, come per esempio nei dintorni di Aosta città (mista!). A fine giornata gli accumuli hanno raggiunto valori medi intorno ai 20-40mm (con punte anche sino a 50) salvo, sulle estreme zone sud-orientali, dando sollievo -come detto il precedenza- alle assetate campagne che stavano andando incontro a notevoli problemi di siccità.
 
La giornata di Giovedì 2 giugno (festa della Repubblica e primo giorno del lungo ponte festivo) si è aperta con un fenomeno piuttosto anomalo per il periodo, ovvero la nebbia fitta che ha fatto la sua comparsa su alcune zone di pianura tra Milanese, Lodigiano e Cremonese all'alba e al primo mattino. Per il resto la giornata ha visto finalmente l'arrivo della pioggia e di qualche temporale anche sulle zone sud-orientali della regione che in precedenza erano state in gran parte saltate: a fine giornata il Pavese, il Piacentino, il Cremonese ed il Mantovano hanno registrato accumuli (seppur irregolari come da prassi quando si tratta di temporali e rovesci estivi) fino a 20 mm, mentre sul resto della regione il tempo è risultato variabile, con temperature nella media del periodo.
 
Nella notte di Venerdì 3 nuovi temporali e nuove piogge sparse hanno conquistato molti settori: in giornata poi il parziale soleggiamento diurno ha favorito nuovi focolai temporaleschi nel pomeriggio, che hanno localmente anche qualche disagio per allagamenti  come sul Novarese e nel Milanese occidentale in serata. Gli accumuli sono risultati piuttosto disomogenei come ovvio in questi casi, si va da punte vicine ai 45 mm ai confini con il Piemonte ad accumuli più modesti (2-5mm) su Est regione e fascia Alpina.
 
Copione simile anche nella notte e nella mattinata di Sabato 4 Giugno, con nuovi temporali e rovesci che stavolta hanno interessato principalmente la parte Pedemontana/Prealpina centro-occidentale della regione apportando velocemente apporti pluviometrici di 20-30 mm diffusi. I fenomeni temporaleschi sono tornati in regione nel proseguio della giornata, con tuoni fragorosi e anche qualche locale grandinata: alcune aree vicine ai rilievi a sera si sono ritrovate con pluviometri che segnavano anche 50 mm.
 
Domenica 5 Giugno ci si aspettava maltempo piuttosto diffuso specialmente sui settori centro-settentrionali: in realtà le due zone ad aver avuto accumuli notevoli, ed anche come dicevamo prima una buona dose di problemi e disagi, anche gravi, sono state l'Oltrepò Pavese e la provincia di Brescia.
 
Su tali aree infatti, tra la tarda mattina ed il pomeriggio, violenti temporali con piogge abbondanti e forti grandinate hanno ingrossato rapidamente torrenti e piccoli fiumi. Alcuni di questi in Oltrepò Pavese (zona non particolarmente predisposta ad accumuli abbondanti in poco tempo, a causa della particolare tipologia del terreno) e in particolare a S.Maria della Versa (PV) hanno provocato allagamenti e purtroppo anche il decesso di un'anziana signora sorpresa in casa dalla furia di acqua e fango (dettagli dal sito de "La Provincia Pavese"). Devastante anche la grandinata che ha colpito sempre la zona dell'Oltrepò, e che ha provocato seri danni all'agricoltura locale.

Situazione simile anche nel Bresciano, ed in particolare in Franciacorta, dove però per fortuna non sono stati registrati particolari danni o problemi alle persone. Sempre parlando di Domenica, i pluviometri della rete CML hanno rilevato proprio sul Bresciano con punte fino a 80 mm. Altre zone come l'Oltrepò Pavese ed il Mantovano hanno registrato sino a 55-60 mm; 25-30 mm sono caduti invece su Lomellina e Orobie Bergamasche, con accumuli decrescenti man mano che ci si spostava verso nord-ovest.
 
Anche la settimana si è aperta all'insegna dell'instabilità, che ha interessato ancora una volta soprattutto le zone centro-orientali della regione nella giornata odierna, come testimoniano i 15/30 mm caduti sino ad ora su Lodigiano, Cremonese, Mantovano (ma le precipitazioni hanno interessato, pur in maniera minore spostandosi verso W-NW, un poì tutte le province). Tempo instabile e particolarmente fresco (da segnalare oggi temperature massime decisamente basse per il periodo, tra 15 e 20°C al piano!) che dovrebbe continuare ancora per qualche giorno.
 
 
Livio Perego, Simone Rossetto - Staff CML
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2019 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI