Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Mercoledì 22 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 21/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

22/11/17, ore 21:32

Temperatura: 9.8°C
Umidità relativa: 82%
Pressione: 1020.5mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

22/11/17, ore 23.10

Temperatura: 10.1°C
Umidità relativa: 81%
Pressione: 1020.9mB
Flusso da est   Inserito il› 15/10/2010 15.56.42
La seconda settimana di Ottobre ha visto codizioni meteorologiche varie. Ad inizio settimana, un forte peggioramento ha colpito la nostra Regione in modo piuttosto "democratico" mentre nella seconda metà della settimana è prevalso un afflusso fresco ed umido da est, con molte "nubi basse" sul medio-alta pianura e a ridosso dei monti ed un primo calo termico. Ripercorriamo quanto accaduto in settimana grazie all’editoriale scritto “ a 4 mani” dai nostri Simone Rossetto e Matteo dei Cas.
 
 
Sabato 9 Ottobre 2010: Tappeto di nubi basse e stratificate esteso dall'Alta Pianura fino alle vallate alpine più interne, dove la nuvolosità è riuscita ad infilitrarsi, grazie alla costante spinta dell' aria umida in ingresso da Est che si è accumulata nel Catino Padano. FONTE: http://rapidfire.sci.gsfc.nasa.gov
Lunedì 11 Ottobre 2010 - ore  17:00
 
 
Buon Lunedì a tutti e ben ritrovati per il primo aggiornamento settimanale della nostra "Prima Pagina"!
 
Settimana che si è aperta all'insegna di tempo discreto ma con clima relativamente fresco, con temperature minime scese stamane ben sotto i 10 gradi specie nelle brughiere, nei fondovalle e nelle zone di campagna, e massime che hanno superato di poco i 15 gradi alle basse quote.
 
Ma vediamo ora, come di consueto, cosa è successo durante la settimana passata, grazie al materiale raccolto dal nostro Matteo Dei Cas.
 
Tra Lunedì 4 e Martedì 5 Ottobre la regione è stata interessata da un forte peggioramento, causato da un’intensa saccatura atlantica, sostenuta da intense correnti meridionali (fase prefrontale), che ha coinvolto non solo il nostro territorio, ma gran parte del centro-nord Italia.
 
Esse hanno attinto dalle acque del mare ancora tiepide grandi quantitativi di energia, sviluppando dei veri e propri canali convettivi quasi stazionari in alcune aree Italiane, insistendo purtroppo nelle medesime zone per  molte ore. Doveroso ricordare infatti, fuori dalla Lombardia, i danni idrogeologici dovuti ai temporali rigeneranti sul Ponente Ligure tra Varazze e Genova (oltre 400 mm in 24 ore a Genova Pegli - fonte www.meteoliguria.it), con ingenti danni che hanno ricordato le alluvioni dei primi anni '90, e la nota sciagura del sottopassaggio a Prato, in Toscana.
 
In Lombardia la distribuzione degli accumuli è risultata nel complesso democratica, con picchi irregolari dovuti ai rovesci localizzati più intensi; il "merito" del citato peggioramento è stato quello di distribuire quantitativi molto simili e relativamente abbondanti (ma non certo alluvionali, per fortuna), dall'Oltrepò, alla Valtellina nel corso dei due giorni, come raramente capita date le abituali, forti differenze tra nord e sud della regione. Nonostante il maltempo generalizzato, le temperature non sono risultate particolarmente fredde, anzi lo scirocco si è fatto sentire soprattutto su pianura, Alpi e Prealpi orientali, con forti differenze termiche rispetto alle zone di ponente.
 
In particolare, durante la giornata del 4, gli accumuli più abbondanti sono stati registrati sui settori occidentali e centrali, dove sono caduti 30-60 mm diffusi sulle province di Pavia, Como, Varese, Milano (specie occidentale) e Monza/Brianza; 20-30 mm su quella di Bergamo, 10-20 mm in Valtellina, nel Bresciano e nel Cremonese, sino agli 0-10 mm del Mantovano. Martedì 5 invece le piogge si sono spostate verso il centro-est, con 15-60 mm caduti sul Lario, 20-30 mm caduti tra Lecchese e Bresciano, 10-20 nella provincia di Sondrio e nel Milanese orientale ed infine 0-10 mm nuovamente sul Mantovano, nel Cremonese e nelle rimanenti zone occidentali (la notte, prima del rapido miglioramento da ovest).
 
Mercoledì 5 il vortice depressionario si è spostato verso SE, interessando le regioni meridionali italiane. Sul nostro territorio si è assistito invece ad un miglioramento, con temperature in deciso aumento. In diverse zone le massime pomeridiane hanno raggiunto i 22/24°C, con una giornata dai tepori davvero settembrini, la più bella indubbiamente della settimana.
 
Tra Giovedì 6 e Sabato 9 Ottobre il tempo è cambiato nuovamente, a causa di un importante afflusso fresco ed umido da est: si è trattato tra l'altro della prima retrogressione della stagione.
 
Ovviamente gli effetti sono stati produttivi in senso di "nubi basse" sulla medio-alta pianura e soprattutto a ridosso dei monti. La anomala costanza del flusso orientale ha spinto la massa d'aria umida sin nelle vallate alpine, raggiungendo le testate più settentrionali che non sempre vengono coinvolte in questo tipo di situazioni. La tenace inversione termica in quota ha dato luogo ad un'estesa nuvolosità bassa stratiforme: le escursioni termiche sono risultate dunque molto contenute, con ventilazione scarsa e cieli pressoché coperti, da tipico autunno Lombardo. Si sono osservate differenze di temperature tra le zone settentrionali (Tmax 14/16°C), spesso sotto coltre nuvolosa, e la bassa centro-orientale (18/19°C), interessata da schiarite maggiori.
 
Ieri infine abbiamo assistito ad una graduale dissoluzione delle nubi basse, con valori minimi in calo spesso ad una cifra al mattino, preludio al fresco ancor più sostenuto di stamane. Per quanto riguarda la tendenza per i prossimi giorni, è atteso un tipo di tempo sostanzialmente variabile, probabilmente senza precipitazioni significative (come accadrà invece in diverse altre zone del Paese) e temperature ancora piuttosto fresche.
 
Non ci resta che ringraziarvi come sempre per l'attenzione, augurandovi un sereno inizio di settimana.
 

   

Simone Rossetto, Matteo Dei Cas - Staff CML
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI