Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Giovedì 23 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 22/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

23/11/17, ore 11:53

Temperatura: 10.5°C
Umidità relativa: 87%
Pressione: 1020.8mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

23/11/17, ore 11.55

Temperatura: 10.5°C
Umidità relativa: 83%
Pressione: 1020.9mB
Ancora rovesci e temporali, stavolta diffusi ed abbondanti   Inserito il› 14/08/2010 9.13.54
 
Ancora temporali e rovesci su tutta la Regione, questa volta distribuiti anche in modo democratico, grazie ad una configurazione perturbata più prettamente settembrina. Estate 2010 già al termine? Potrebbe anche essere...ma per ora accontentiamoci di ripercorrere la  prima settimana di Agosto, rileggendo questa corposa ed esaustiva edizione redatta dal nostro Giuseppe Aceti.
 
 
 
 
Martedì 3 agosto 2010 - tardo pomeriggio.  La cella temporalesca che ha colpito il Lecchese in serata, fotografata da Lomazzo nel Comasco. AUTORE: forumista Meteolom
Venerdì 6 Agosto 2010 - ore  17:30
 
 
Buon pomeriggio a tutti dallo staff CML e ben ritrovati per una nuova edizione della "Prima Pagina"!
 
Sulla falsariga di quanto accaduto nell’ultima settimana del mese di Luglio (vedi prima pagina dell’1/08) la prima settimana del mese di Agosto è stata caratterizzate sulla nostra Regione da tempo molto “dinamico”, culminato con il passaggio di una intensa perturbazione che, tra ieri, giovedì, ed oggi, ha portato piogge e temporali diffusi su tutto il territorio; precipitazioni che stavolta, a differenza di quanto accaduto negli altri passaggi perturbati estivi, sono risultate oltre che diffuse piuttosto “democratiche”; infatti, vi sono stati si differenze negli accumuli tra le varie zone della Lombardia ma su tutto il territorio le precipitazioni cadute sono risultate significative ed abbondanti, utili quindi, oltre che ad un abbassamento delle temperature, alla vegetazione! 
 
Vediamo subito in dettaglio quanto accaduto nell’ultima settimana a livello meteorologico.
 
A livello sinottico, l’ultimo mese estivo è iniziato all’insegna del tempo stabile grazie al temporaneo allungamento dell'Anticiclone delle Azzorre verso l’Italia, compresa la nostra Regione. Domenica scorsa quindi, 1 Agosto, temperature gradevoli ed in norma per il periodo e bella giornata di sole. Ma già lunedì 2 agosto, una saccatura Nord-atlantica si avvicinava alla nostra Regione e, dal pomeriggio-sera, cominciava a portare condizioni d'instabilità. La fase prefrontale e frontale del passaggio perturbato ha portato temporali sparsi un po’ su tutta la Regione, mostrandosi però meno incisiva di quanto prospettato. I temporali sono risultati piuttosto diffusi solo sulla fascia montuosa e sulle zone pedemontane e di alta pianura, in particolare dell’area occidentale del nostro territorio, anche se hanno portato per lo più scarsi quantitativi di pioggia (quantitativi di pioggia significativi si sono registrati diffusamente solo su Valchiavenna e Valtellina, fino ai 37 mm di Madesimo). Sempre in giornata, da segnalare nel Vercellese, la formazione di una supercella temporalesca che ha provocato numerosi danni: alberi caduti, tetti scoperchiati, linee telefoniche ed elettriche saltate, allagamenti (Fonte: vercellioggi.it).

Nella successiva nottata, dopo il passaggio frontale, i venti si sono orientati dai quadranti settentrionali, con effetto favonico sull’Alta Lombardia, segnatamente sull’area occidentale. Dal pomeriggio poi di martedì 3 agosto, e fino al mattino di mercoledì 4, il rientro da est a seguito del passaggio della perturbazione ha favorito l’innesco di diverse celle temporalesche, sia sulle Prealpi che sulla pianura centro-orientale. Si è trattato di temporali che, grazie ai venti orientali, si sono formati sulle Prealpi per innesco orografico (nati dal sollevamento forzato dell'aria umida spinta dai venti dominanti a ridosso dei rilievi montuosi) mentre in pianura sono nati per innesco dinamico (cioè per lo scontro tra aria l’aria secca presente sull’ovest Regione e l’aria umida proveniente da est). Visto il cielo terso ad ovest, è stato molto scenografico osservare la nascita di queste imponenti strutture temporalesche; la foto di questa settimana ritrae una di queste celle, ed in particolare quella che ha colpito il Lecchese nella serata di martedì, osservata dal Comasco.
 
Mercoledì 4 Agosto poi, in giornata, fase di bel tempo con temperature gradevoli; la nostra Regione rimane però esposta alle correnti instabili nord-atlantiche (che scivolano lungo il bordo orientale dell’Anticiclone delle Azzorre); il bel tempo ha avuto così vita breve. Già in serata, un intenso nucleo di aria fresca in discesa dal mare del Nord si approssimava alle Alpi; fin dalle prime ore di giovedì 5 agosto, e fino alle prime ore di stamane, venerdì 6 agosto, tale nucleo di aria fresca ha portato tempo perturbato con piogge, rovesci e temporali su tutto il nostro territorio, sia in montagna che al piano. Si è trattato questa volta di un affondo molto incisivo, per alcuni aspetti più simile ad un affondo autunnale che non ad un affondo estivo; infatti, l’entrata significativa dell’aria fredda in quota, la configurazione barica che ha permesso una buona avvezione di vorticità ciclonica ed una ciclogenesi sul Mar Ligure (Genova Low) ha permesso un coinvolgimento generale del nostro territorio nella fase di maltempo. Come normale con la  depressione sul Mar Ligure, le precipitazioni sono risultate più abbondanti ad inizio evento (in mattinata di ieri), con la fase pre-frontale (il fronte caldo) sulla fascia centro-occidentale della Regione (più diffuse sulla Medio-Alta pianura e sulle Prealpi) mentre successivamente, con il passaggio del fronte freddo e con il retour da Est del fronte occluso (dal pomeriggio di ieri alle pirme ore di stamane) le piogge sono risultate più abbondanti sulla fascia centrale ed orientale del nostro territorio.
 
Riportiamo di seguito gli accumuli medi rilevati sulle province Lombarde e sulle zone limitrofe durante il passaggio della perturbazione tra ieri, giovedì 5 agosto, e stamattina, venerdì 6 agosto, dalle stazioni della rete CML. Gli accumuli più importanti si sono registrati nella parte occidentale del territorio, oltre ad una piccola area localizzabile a cavallo tra Milanese sud-orientale, il Pavese orientale ed il Lodigiano occidentale, dove il perdurare di fenomeni rigeneranti ha permesso accumuli particolarmente abbondanti (troviamo in questa area infatti l’accumulo più elevato del  peggioramento, i 114 mm di Carpiano nel Milanese). Va comunque detto che i valori riportati di seguito rappresentano la forbice dei valori medi per Provincia o area geografica; visto però che le precipitazioni sono state prevalentemente di natura convettiva, gli accumuli non sono risultati del tutto omogenei sui territori in questione e vi sono così state alcune località che sono risultate leggermente al di fuori della media stessa sotto riportata. 
 
Lecchese: 50-90 mm (fino ai 30 mm di alto lago e fascia a SE), con punta di 92 mm a Barzago
Comasco: 50-80 mm, con punta di 97 mm a Como Monte Olimpino
Ticinese (Svizzera): 50-80 mm, con punta di 101 mm a Cresciano
Monza e Brianza: 50-80 mm, con punta di 87 mm a Meda
Lodigiano: 50-80 mm sull’ ovest (fino a 20-30 sull’est), con punta di 81 mm a Lodi Vecchio
Milanese 40-80 mm, con punte fino oltre 100 mm sulla fascia sud-orientale della provincia
Pavese: 50-70 mm sull’est (fino a 20-40 mm sull’ovest), con punta di 75 mm a Magherno
Varesotto: 40-70 mm, con punta di 83 mm a Luvinate
Veronese 40-60 mm, con punta di 61 mm a Pescantina loc. Settimo
Mantovano: 30-60 mm, con punta di 68 mm a Borgofranco sul Po
Bergamasco: 30-50 mm, con punta di 60 mm a Valbondione - Rifugio Curò
Cremonese: 20-40 mm, con punta di 42 mm a Trigolo
Sondrio: 20-40 mm, con punta di 47 mm a Medesimo
Bresciano: 20-40 mm, con punta di 52 mm a Frontignano di Barbariga
Piemonte Orientale: 15-50 mm (15 mm ’Alessandrino, 25 mm Vercellese, 20-50 Novarese).
 
Come evidente quindi, le precipitazioni legate al passaggio di questa perturbazione hanno interessato tutte le zone della nostra Regione e sono risultate piuttosto “democratiche” non tanto per gli accumuli (come normale vi sono state differenze negli accumuli sulle varie fasce della nostra Regione), ma per il fatto che su tutto il territorio le precipitazioni cadute sono risultate significative ed abbondanti. A conferma poi che il passaggio perturbato è stato più simile ad un passaggio autunnale che non estivo, da segnalare il significativo calo termico avvertito sia in pianura (nelle ore centrali di ieri, giovedì, le temperature in pianura su tutto il territorio oscillavano tra 14 e 17 °C; le temperature massime di ieri si sono osservate la notte su giovedì ma va comunque segnalato come alcune stazioni anche in pianura hanno fatto registrare valori minimi e massimi inferiori ai 20 °C) che in quota (segnalati rovesci di neve sull’Alta Valtellina ed in Engadina fin poco sopra i 2000 mt. di quota, con addirittura misurati oltre 40 cm di neve fresca ai 2758 mt del passo dello Stelvio). Insomma, giornata autunnale in tutti i sensi … anzi verosimilmente poche volte anche in autunno si registrano accumuli così elevati e così diffusi sull’intero territorio in 24 ore!
 
Dopo l’estrema dinamicità occorsa anche in questa prima settimana del mese di Agosto, cosa ci riserva il futuro? Dalle ultime emissioni modellistiche sembra innanzitutto confermato per il week-end un ritorno di una fascia di Alta pressione, e quindi del bel tempo, sulla nostra Regione. Con l’inizio di settimana prossima poi sembra profilarsi il ritorno progressivo di una certa variabilità del tempo e non è escluso, intorno alla metà settimana, il ritorno di qualche rovescio o temporale; vista però la distanza temporale, consigliamo di seguire l’evoluzione del tempo dei prossimi giorni attraverso i vari commenti ed aggiornamenti sul Forum, oltre che di consultare gli aggiornamenti del nostro Bollettino di Previsione
 
Concludiamo l’editoriale rivolgendo a tutti i lettori sinceri auguri di buone ferie e … di buon ferragosto. Ricordiamo che la festività di ferragosto (tutta Italiana), istituita dall'imperatore Ottaviano Augusto nel 18 a.C., aveva lo scopo di fornire un adeguato periodo di riposo ai lavoratori dopo le grandi fatiche del periodo precedente. La festività è tradizionalmente dedicata alle gite fuori porta, a lauti pranzi e, data la calura stagionale, a rinfrescanti bagni o alla ricerca del refrigerio in località montane. Non vogliamo sbilanciarci sul possibile tempo di ferragosto; se però anche quest’anno tale festività sarà contraddistinta dalla calura che tradizione vuole … lo scopriremo presto!
 
Vi auguriamo nuovamente, da parte di tutto lo Staff del Centro Meteo Lombardo, una buona settimana di ferragosto ...
 
 
 
Giuseppe Aceti - Staff CML
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI