Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Venerdì 17 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 16/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

17/11/17, ore 23:50

Temperatura: 9.3°C
Umidità relativa: 76%
Pressione: 1019.1mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

17/11/17, ore 23.51

Temperatura: 6.6°C
Umidità relativa: 82%
Pressione: 1020.4mB
NOVEMBRE 2015: le mappe climatiche   Inserito il› 17/12/2015 6.34.21
2015
 
 
 
MOLTO MITE, E MEMORABILE PER LA QUASI TOTALE ASSENZA DI PRECIPITAZIONI! 
 
Novembre 2015 verrà ricordato tra i mesi più asciutti degli ultimi decenni,  ed in assoluto il più siccitoso tra le serie storiche raccolte dalla nostra Rete di stazioni! Sono del tutto mancate le grandi perturbazioni autunnali che di solito in questo periodo si sviluppano sul Mediterraneo, grazie alla discesa meridiana di impulsi freddi dal nord-atlantico.
 
Molto mite tra l'altro, con temperature sensibilmente elevate soprattutto in montagna, a causa di una tenace inversione termica che ha mollato la presa soltanto in un breve episodio verso la fine del mese. Il grafico sottostante parla chiaro: temperature che si discostano oltre quattro gradi rispetto il trentennio 1981/2010 con almeno due "ondate di calore" con valori ragguardevoli e degni più di un maggio o un settembre!
 
La causa di questa profonda anomalia risiede nell'approfondimento e contrazione del Vortice Polare, concomitante ad un innalzamento di latitudine della fascia delle alte pressioni subtropicali ed un susseguirsi di onde alto pressorie indotte da un approfondimento della saccatura in pieno atlantico, al largo del Portogallo. Tale situazione presenta caratteri di forte stazionarietà, e come vedremo nella prossima puntata, si protrarrà in modo quasi invariato anche per tutto il mese di dicembre: oltre sessanta giorni di stabilità ininterrotta e quasi totale assenza di piogge e tanto meno neve sulle Alpi!
 
Almeno due pulsazioni di alta pressione subtropicale hanno interessato l'Italia, la prima più intensa nel corso della prima decade con il picco termico proprio nel corso della tradizionale Estate di S. Martino quando in libera atmosfera a circa 1500 metri di quota sono stati sfiorati ben 18°C !
 
Nel corso della seconda decade la situazione è rimasta pressocchè invariata: da un lato la cupola di alta pressione è andata incontro al fisiologico processo di invecchiamento e livellamento, con scarsa ventilazione e diffusione delle nebbie su tutto il Catino Padano. Una seconda pulsazione dell'onda di alta pressione subtropicale ha poi rinnovato le condizioni di stabilità con nuovo sensibile aumento delle temperature in montagna e spiccata inversione termica.
 
La terza decade di Novembre ha visto finalmente una breve interruzione della stabilità, grazie ad una discesa di aria artica marittima che ha coinvolto in modo marginale la Lombardia e più direttamente il Basso Adriatico, dove la neve è caduta sull'Appennino fino a quote molto basse. Singolo episodio instabile degno di nota, ma con scarsi risvolti pluviometrici sulla nostra Regione ed "unico risveglio" della ventilazione settentrionale fino in pianura. Le temperature hanno subito un calo generale ovunque, ma piuttosto contenuto per la rapida rimonta dell'alta pressione che ha prontamente ricucito questo strappo riportando alle originarie condizioni di stabilità.
 
 
 

Novembre 2015 - Temperatura ad 850 hPa e confronto vs media trentennale 1981-2010. FONTE: www.weather.uwyo.edu - Elaborazione di Bruno Grillini. N.B. Il grafico mette in evidenza gli scambi di calore in bassa troposfera, con ripercussioni poi sulla temperatura media al suolo nel corso del mese.

 
 
TEMPERATURE
 
Le temperature di Novembre 2015 sono risultate ovunque al di sopra della media trentennale 1961-90 archiviata dai nostri principali aeroporti: lo scarto degli estremi minimi risulta più contenuto e comunque maggiore sui settori settentrionali del nostro territorio, proprio perché quasi tutto il mese è stato caratterizzato da nottate serene e calme che ha favorito un cospicuo raffreddamento per irraggiamento in Pianura Padana. Al contrario le temperature massime proprio per il lungo susseguirsi di giornate serene, si sono innalzate in virtù dell'ampio soleggiamento con scarti positivi di tre/quattro gradi!
 
 
Novembre 2015 - Anomalia delle temperature minime e massime rispetto al trentennio 1961-'90. FONTE: dati del Servizio Meteorologico AM e di Meteosvizzera. Elaborazione di Bruno Grillini.
 
 
 
La distribuzione delle temperature minime risente delle numerose notti serene: freddo sulla Pianura Padana Occidentale ed in particolare nelle conche più riparate dalle brezze, come nella brughiera comasca, in Brianza, in Lomellina, lungo la Valle del Ticino dove mediamente le temperature si sono avvicinate allo zero. Molto fredda come sempre la media Valtellina, lungo il versante orobico dove iniziano a scarseggiare ampiamente le ore di sole e l'aria fredda rimane imprigionata anche nelle ore diurne. Decisamente più tiepido in collina, osservate ad esempio il caso della Brianza: lo scarto tra la Valle del Lambro e la dorsale Monte Barro - S. Genesio è di oltre cinque gradi proprio a causa dell'inversione termica!
Importante il ruolo delle brezze catabatiche che mitiga la fascia pedemontana e soprattutto la riviera dei nostri laghi con minime con che si aggirano attorno ai 6-8°C.
Il primato del tepore notturno è pero da ricercare nell'isola di calore del nostro Capoluogo, ed in modo più ridotto a Brescia che tra le città lombarde più popolose si colloca al secondo posto.
 
 
Novembre 2015 - Media delle temperature minime in Lombardia su base delle stazioni della rete CML - Elaborazione di Bruno Grillini.
 
 
La distribuzione delle temperature massime risulta un po' meno variegata, ed in primis osserviamo una forcella cromatica più contenuta rispetto ai valori minimi. Leggermente più fresca la bassa pianura, dove l'inversione termica normalmente resiste più a lungo con qualche caso di nebbia anche nelle ore centrali della giornata. Le località più miti si collocano nelle fasce collinari esposte a Sud, lungo la Pedemontana del Varesotto e del Comasco e seppure in modo più ridotto sui versanti retici della Valtellina che per molte ore sono baciati dal sole: qui in media le temperature massime si sono aggirate attorno ai quindici gradi!
 
 
Novembre 2015 - Media delle temperature massime in Lombardia su base delle stazioni della rete CML - Elaborazione di Bruno Grillini.
 
 
PRECIPITAZIONI
 
La distribuzione delle piogge in questo mese è risultata straordinaria se non unica, data la totale mancanza di piogge su gran parte della Lombardia! Nessuna perturbazione di stampo autunnale ha infatti interessato la nostra Regione, e l'unica impronta piovosa risale all'ingresso freddo da est di sabato 22 Novembre quando una linea di convergenza con aria più secca (Dry line) si è rigenerata sui settori orientali per retrocedere fino alla linea idrografica dell'Adda. In tale ed unico episodio le piogge sono cadute sottoforma di rovescio o temporale con distribuzione a "macchia di leopardo" più consistente nel corridoio compreso tra Lodi , Brescia e Cremona: il picco maggiore, compreso tra 50 e 100 mm, è stato registrato in Franciacorta!
Del tutto assente la neve sulle Alpi, situazione sempre più pesante che purtroppo si protrarrà anche per tutto il mese di Dicembre con risvolti negativi soprattutto nelle stazioni sciistiche!
 

Novembre 2015  - Accumuli complessivi di precipitazioni registrate in Lombardia su base delle stazioni dalla rete CML - Elaborazione di Bruno Grillini.

 
 
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI