Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Venerdì 17 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 16/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

17/11/17, ore 18:10

Temperatura: 11.8°C
Umidità relativa: 60%
Pressione: 1017.6mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

17/11/17, ore 18.11

Temperatura: 8.8°C
Umidità relativa: 69%
Pressione: 1018.5mB
Dicembre 2012: mappe climatiche   Inserito il› 26/01/2013 20.30.55
2012
 
 
 
DICEMBRE 2012: freddo solo in parte e non troppo piovoso
 
 
Dicembre 2012 è risultato un mese senza eccessi: non troppo piovoso e con temperature complessivamente nella norma.
Un mese "bifasico" dal punto di vista termico, accompagnato da tre significativi episodi perturbati.
Nel corso della prima parte del mese abbiamo assistito ad un Blocking delle correnti oceaniche e di conseguenza ad una fase settentrionale caratterizzata da un susseguirsi di impulsi freddi sul nostro Paese.
Numerosi gli episodi di Föhn nel corso della prima decade, con temperature particolarmente basse in montagna.
Due in particolare, le irruzioni di aria artica marittima che hanno mantenuto le temperature per alcuni giorni sotto la media: una prima in prossimità del Ponte dell'Immacolata, ed una seconda verso la metà del mese. Questi due episodi di freddo corrispondono, tra l'altro, alle due uniche occasioni di neve in pianura.
Con la nevicata di Santa Lucia si è aperta una fase climatica decisamente più mite, e destinata a protrarsi fino alla fine del mese. Tempo nel complesso variabile ed umido, caratterizzato da un flusso veloce ed ondulato da Ovest con alternanza di depressioni mobili e promontori di alta pressione.
Temperature generalmente sopra la media specialmente nel corso della terza decade, a causa di un afflusso di aria subtropicale marittima in un contesto perturbato degno di nota, proprio in prossimità delle festività natalizie. Al termine di questo scambio meridiano la circolazione è tornata ad assumere una componente zonale, con l'ingresso in scena dell'anticiclone delle Azzorre foriero di tempo sempre mite e stabile fino agli ultimi giorni dell'anno.
 
 
 
Dicembre 2012 - Temperatura ad 850 hPa e confronto vs media 1973-2011 - FONTE: www.weather.uwyo.edu - Elaborazione di Bruno Grillini
N.B. Il grafico mette in evidenza gli scambi di calore in bassa troposfera, con ripercussioni poi sulla temperatura media al suolo nel corso del mese.
 
 
 
 
TEMPERATURE
 
Dicembre 2012 è risultato un mese complessivamente nella norma nell'aspetto delle temperture minime, rispettando le tipiche diversità dei valori a livello regionale.
 
Nel considerare l'altimetria di pianura ritroviamo le zone più miti sulla riva dei nostri laghi (valori medi di 2/3°C ed oltre), e lungo la fascia collinare pedemontana dove le brezze notturne ostacolano il calo termico per irraggiamento.
Le temperature risultano invece inferiori nella media e bassa pianura fino a valori decisamente negativi, grazie alla più costante presenza dell'inversione termica. E' proprio nelle conche meglio riparate dalle brezze, dove registriamo i valori notturni più bassi: nelle brughiere del Comasco e del Varesotto, lungo il corso del Ticino ed in media Valtellina. In alcuni casi si tratta di vere e proprie ghiacciaie, dove il termometro scende fino ad estremi minimi medi di -5/-6°C: valori particolarmente bassi poi, con il ristabilirsi di condizioni stabili in seguito ad un'irruzione fredda.
Un discorso particolare è quello relativo al microclima delle grandi città, dove più che mai di notte si risente dell'effetto dell'isola di calore che ostacola particolarmente la discesa delle temperature: l'esempio più clamoroso è per l'appunto quello di Milano.
 
 
 
 

Dicembre 2012 - Media delle temperature minime in Lombardia su base delle stazioni della rete CML - Elaborazione di Bruno Grillini

 
 
 
Anche le temperature massime sono risultate mediamente consone al periodo, e ben stratificate - come giustamente accade in inverno - da nord a sud. Gli estremi più miti (in media 7/8°C) li ritroviamo infatti a ridosso delle Prealpi, ed in particolare lungo la riviera dei nostri laghi: questo per l'assenza di uno strato di inversione nelle ore centrali della giornata.
Le isoterme decrescono gradualmente scendendo verso la media e la bassa pianura, raggiungendo un minimo (circa 4/5 °C) nella valle del Po: in questi settori persistono le inversioni termiche e spesso le nebbie, anche nel primo pomeriggio.
L'area più fredda (fino a 2/3 °C) corrisponde alla quote di pianura della media Valtellina, in particolare del settore orobico che nel mese di Dicembre soffre di uno scarso soleggiamento.
 
 
 
 

Dicembre 2012 - Media delle temperature massime in Lombardia su base delle stazioni della rete CML - Elaborazione di Bruno Grillini

 
 
 
 
PRECIPITAZIONI
 
Dicembre 2012 è stato un mese mediamente piovoso, ma senza eccessi soprattutto se rapportato all'ultimo quinquennio.
Le precipitazioni hanno interessato nel complesso tutta la Regione, limitatamente a tre principali episodi perturbati di un certo rilievo.
Il primo contributo corrisponde alla nevicata dell'Immacolata, che ha interessato in particolar modo il Cremonese ed il Bresciano: questo per l'approfondimento di un minimo chiuso di pressione sull'Alto Tirreno, che ha coinvolto soprattutto la bassa pianura centro-orientale.
Il secondo episodio - relativo alla nevicata di Santa Lucia - è risultato il più corposo ed omogeneo sulla Lombardia con accumuli medi di 20-40 mm, più concentrati sull'area prealpina e pedemontana, causa il classico afflusso umido sudoccidentale. Entrambi gli episodi spiegano nel complesso i massimi relativi pluviometrici (fino a 75-100 mm ed oltre) registrati sulla pianura bresciana, la Valcamonica e le Orobie.
Il terzo ed ultimo peggioramento, relativo ai giorni di Natale e Santo Stefano, ha distribuito invece piogge e pioviggini fino a quote insolitamente alte e ad carattere piuttosto omogeneo, con accumuli dell'ordine di 15-20 mm. 
 
 
 
Dicembre 2012 - Accumuli complessivi di precipitazioni registrate in Lombardia su base delle stazioni dalla rete CML - Elaborazione di Bruno Grillini.
N.B. - Nelle zone montuose soggette a frequenti nevicate il dato delle precipitazioni potrebbe essere soggetto a sottostima, laddove la strumentazione non è attivamente presidiata o comunque dotata di un riscaldatore pluviometrico. 
 
 
La nevosità ricalca per buona parte la piovosità regionale, per le ragioni già esposte sopra nel corso degli episodi del 7-8 e del 13-15 dicembre: fino a 20-30 cm in media sono stati infatti raggiunti nella pianura cremonese e bresciana, a ridosso della fascia prealpina ed in Brianza. D'altra parte la nevosità rispetta ovviamente la legge dell'altimetria, con un manto nevoso complessivo di 40-50 cm e più nelle zone montuose delle Alpi Retiche (Alta Valchiavenna ed Alta Valtellina) e delle Orobie.
 
 
 

Dicembre 2012 - Accumuli complessivi di neve registrate in Lombardia su base delle stazioni dalla rete CML - Elaborazione di Bruno Grillini.

 
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI