Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Mercoledì 22 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 21/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

22/11/17, ore 21:32

Temperatura: 9.8°C
Umidità relativa: 82%
Pressione: 1020.5mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

22/11/17, ore 23.10

Temperatura: 10.1°C
Umidità relativa: 81%
Pressione: 1020.9mB
NOVEMBRE 2012: la mappa delle precipitazioni   Inserito il› 10/12/2012 12.10.24
2012

 

Breve analisi sinottica

 
A livello sinottico, nel mese di Novembre 2012 si sono osservate 4 fasi perturbate, che hanno interessato il nostro territorio anche per periodi piuttosto lunghi, alternate a fasi di tempo più stabile. Ma vediamo più in dettaglio.
 
La prima fase perturbata, legata ad una perturbazione atlantica, ci ha interessato dal giorno 31 ottobre al giorno 1 novembre. Il giorno 2 il quadro barico ha fatto registrare una blanda componente anticiclonica e tempo stabile. La seconda fase perturbata ci ha interessato dal giorno 3 al giorno 5 per via di una perturbazione nord atlantica. Dal giorno 6 al giorno 8, una figura anticiclonica ha occupato buona parte del Mediterraneo e del nostro territorio. La terza fase perturbata ci ha interessato dal giorno 9 al giorno 12 per l’arrivo di una perturbazione dalla Spagna, che è stata successivamente agganciata e rinvigorita da una perturbazione in arrivo dalle isole Britanniche accompagnata da una discesa di aria fredda verso il Mediterraneo occidentale (vedi l'approfondimento con la mappa delle precipitazioni del 10-11 novembre). Dal giorno 13 al giorno 24 tempo stabile sulla nostra regione, interessata da un campo di alta pressione esteso sull’Europa centrale ed orientale che si è spinto fin sul Portogallo abbracciando anche buona parte del Mediterraneo. La quarta fase perturbata, la più prolungata e che ha portato i maggiori quantitativi di pioggia, ci ha interessati dal giorno 25 al giorno 30 per via di una vasta area di bassa pressione sul Mare del Nord, estesa tra la penisola Scandinava ed il Mediterraneo centrale, che ha portato maltempo sulla nostra regione; il giorno 28 in particolare un profondo minimo depressionario, con valori di pressione al suolo attorno ai 990 hPa, si è posizionato tra Liguria e Corsica portando maltempo diffuso con precipitazioni particolarmente abbondanti sul nostro territorio.
 
La quota neve per tutto il mese, per via del clima piuttosto mite e dei frequenti afflussi di aria umida e mite dai quadranti meridionali, è stata relegata a quote di alta montagna.
 
 

 
 
Breve commento:
 
La carta delle isoiete regionali presenta una distribuzione delle precipitazioni sostanzialmente in linea con quanto atteso per il mese in questione, con un lieve surplus idrico segnatamente sulla fascia nord-occidentale della regione e su parte delle zone montuose. La distribuzione delle precipitazioni è determinata da un flusso perturbato con blanda componente predominante da SSE. La level guide, in questo caso, rilascia il suo elevato apporto di umidità lungo la fascia pedemontana ed i primi rilievi della Lombardia centro-occidentale e lungo gli altri contrafforti sopravvento a questo tipo di correnti (Bresciano e Pavese), pur portando precipitazioni significative un po’ ovunque
 
E’ individuabile una vasta area di massimo precipitativo, dove si superano i 300 mm mensili (con punte oltre i 350 mm/mensili), in una fascia che si estende dalla medio-alta provincia Varesina, passa per il Sottoceneri in Ticino (Svizzera, CH) e si spinge fino alla Val d’Intelvi sul Comasco; a macchia di leopardo raggiungono gli stessi quantitativi alcune aree della Valsassina, della Val Brembana, della Val Seriana e della Val di Scalve, oltre ad una piccola area della Valchiavenna
 
L’area di minimo precipitativo interessa parte della provincia Mantovana centro-occidentale (che prosegue poi sul Modenese, in territorio Emiliano), oltre che in piccole aree sul Bresciano meridionale e sul Pavese settentrionale, con quantitativi di precipitazioni compresi tra 75 e 100 mm mensili. Va comunque sottolineato come su buona parte della bassa pianura gli accumuli mensili superino i 100 mm, con precipitazioni quindi piuttosto significative su quasi tutto il territorio lombardo. 
 
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI