Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Giovedì 23 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 22/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

23/11/17, ore 11:48

Temperatura: 10.7°C
Umidità relativa: 86%
Pressione: 1020.8mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

23/11/17, ore 11.50

Temperatura: 10.6°C
Umidità relativa: 83%
Pressione: 1021.1mB
Tendenze e ipotesi per la prima decade di Marzo   Inserito il› 24/02/2009 15.03.45
Aggiornato il› 25/02/2009 9.35.17
Con questo breve articolo cercherò di individuare la tendenza per la prima decade della Primavera meteorologica.
 
Dopo l'irruzione artica di metà mese che ha avuto come principale obiettivo il centro-sud d'Italia ed i Balcani, la situazione sinottica europea non è in questo momento favorevole a significativi scambi meridiani.

La situazione teleconnettiva di questa ultima parte di febbraio è caratterizzata da PNA-, NINA-, AO+, e NAO positiva/neutra. Tali indici depongono per una situazione improntata ad un regime di zonalità piuttosto "alta" ed ad un anticiclone oceanico proteso con i suoi massimi verso l'Europa occidentale.
Questa situazione viene anche amplificata dalle attuali anomalie SST in Atlantico 
 

Come si può osservare è rientrata quell’anomalia attorno all’Islanda che aveva creato un “dipolo” (caldo a ovest, freddo a est) che aveva garantito nella prima parte d’inverno una spiccata dinamicità, consentendo frequenti ondulazioni del getto. La situazione attuale risulta invece essere tipica di un regime in AMO+, con flusso generalmente zonale e modeste ondulazioni in Atlantico
 
Tale configurazione si protrarrà fino ai  primissimi giorni della prima decade di marzo, mentre per il seguito si può già provare ad individuare possibili modifiche a questo pattern:
 
1) L'indice AO dovrebbe subire un significativo calo e tendere verso la negatività, in conseguenza dei valori negativi record del Nam. Ecco il grafico con le anomalie di questo indice
 

 
In verità tale fattore avrebbe dovuto influenzare in maniera maggiore l'AO, ma, come si evince dal grafico, guardando le pulsazioni successive alla prima, si nota una evidente difficoltà, alla propagazione di calore e vorticità dalla stratosfera verso la troposfera al di sotto dei 200 hpa.
 
2) Il PNA è previsto risalire leggermente verso valori più vicini alla neutralità. Un PNA negativo determina quasi sempre una traiettoria del getto sfavorevole a marcate ondulazioni in Atlantico.
 
 
 
Questi due fattori accoppiati consentiranno una maggiore meridianizzazione del getto in atlantico anche se, stante la situazione di ENSO negativa e MJO sfavorevole, le pulsazioni dinamiche tropicali non dovrebbero essere particolarmente intense e durature.
 
A partire dal 3-4 marzo dovremmo quindi assistere, grazie ad onde sufficientemente lunghe in Atlantico, all'ingresso sull'Europa occidentale di saccature di origine artico-marittima che dovrebbero provocare il ritorno delle precipitazioni sui versanti occidentali della penisola, penalizzati dall’ultimo evento perturbato.

La traiettoria dell'affondo e l'asse di saccatura sarà con buona probabilità favorevole a precipitazioni nel NW italiano, grazie anche alle anomalie negative delle sst persistenti al largo dell’Iberia.
 
Esiste secondo me anche una possibilità, alla quale al momento non è possibile dare percentuali alte di realizzazione, di un contributo stratosferico, che si manifesterebbe con una quarta pulsazione calda (vedi grafico del NAM sopra) e che avrebbe come conseguenza la formazione di un Hp polare in area groenlandese. In tal caso assisteremmo ad una fase molto più fredda, dai connotati ancora invernali, negli ultimi giorni della decade.
 
Questa ipotesi sembra trovare conferme anche nelle proiezioni del blocking index
 
 
 
Eventualmente ci aggiorneremo tra qualche giorno.
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI