Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Sabato 25 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 24/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

25/11/17, ore 2:48

Temperatura: 9.3°C
Umidità relativa: 94%
Pressione: 1018.8mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

25/11/17, ore 2.50

Temperatura: 8.8°C
Umidità relativa: 92%
Pressione: 1019.3mB
Notizie dal Vortice Polare - Stagione 2008/2009 - Aggiornamento del 16/01/09   Inserito il› 16/01/2009 19.35.38
Il breve aggiornamento di oggi lo voglio aprire mostrando una classificazione riguardo ai MMW (Major Midwinter Warming).

Dunque, per definizione, un MMW deve avere i seguenti connotati:

1) imponente aumento termico in sede polare nell'ordine di almeno 30/40°C in pochi giorni
2) dislocazione del VPS dalla sua sede originale; al suo posto va a piazzarsi un'area di alta pressione
3) inversione dei venti zonali fino ad almeno il 60° parallelo alla quota di 10hPa.

Detto questo, i MMW rispondono ad una seconda sottoclassificazione.

1) MMW di tipo Wave 1
2) MMW di tipo Wave 2

La prima tipologia indica un MMW che deriva dall'azione forzante dell'anticiclone aleutinico che va a spodestare il VPS dalla sua sede originaria, lasciandolo però "intatto". Cosa intendo dire? Intendo dire che si vanno si a verificare tutti i presupposti per un MMW (riscaldamento, inversione zonalità, ecc) ma la struttura del VPS resta in ogni caso compatta e "singola".
Un tipico esempio è rappresentato dal MMW del Gennaio 2006:



Diciamo che si tratta del MMW di più "facile" attuazione, in quanto gli ingranaggi che si devono completare (ci tengo a ricordare che immaginare le dinamiche atmosferiche come ingranaggi è secondo me fondamentale!!) sono relativamente semplici pur nella loro rarità.

Il secondo tipo di MMW, quello di tipo Wave 2, vede invece l'azione congiunta di due cellule anticicloniche che, partendo da due aree opposte sull'emisfero Nord, vanno ad invadere la sede polare agendo come una tenaglia che va a "segare" in due il VPS, dislocando i suoi resti lontano dalla sua sede originaria.

Un tipico esempio è rappresentato dal MMW del Dicembre 1984:



Ecco, è di facile comprensione il fatto che un MMW di questo tipo è molto più complicato da verificarsi, in quanto chiunque può immaginare come sia difficile incastrare tutti gli ingranaggi come nell'immagine mostrata qui sopra rispetto al MMW di tipo wave 1.
Non a caso i MMW di tipo Wave 2 sono decisamente più rari di quelli Wave 1.

.... la grande massa gelatinosa (il VPS) alla fine è più facile che rimanga unita piuttosto che vada a dividersi in due, pur allontanado il suo core dalla sede polare in entrambi i casi...

Entrambe le tipologie di MMW vanno poi ad avere ripercussioni in sede Troposferica, di solito con un generale scombussolamento della circolazione generale accompagnato da alte pressioni alle alti latitudini e discese fredde verso le medie latitudini. Ma l'emisfero Nord è grande...ed è impossibile, almeno a medio termine, prevedere dove si avranno i maggiori "casotti" a livello troposferico.

Ma ora passiamo al punto cruciale...ecco cosa si prevede possa succedere in Stratosfera fra 7/10 giorni.





A voi le conclusioni...al prossimo aggiornamento.
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI