Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Lunedì 20 novembre 2017 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 19/11/2017
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

20/11/17, ore 12:35

Temperatura: 10.2°C
Umidità relativa: 66%
Pressione: 1019.8mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

20/11/17, ore 12.36

Temperatura: 9.6°C
Umidità relativa: 50%
Pressione: 1019.7mB
Notizie dal Vortice Polare - Stagione 2008/2009 - Aggiornamento del 23/12   Inserito il› 23/12/2008 19.08.51
Dunque, nella giornata di oggi abbiamo un VPS (Vortice Polare Stratosferico) con una struttura compatta, avente il centro motore tra Canada e Groenlandia, il tutto con un asse che va, appunto, dal Canada alla Siberia.




Ciò che si nota dalla mappa è che l'azione del VP è relegata solamente alle latitudini polari e sub-polari, infatti già a partire dal 55° parallelo i geopotenziali risultano relativamente alti.

Questa struttura va a caratterizzare il VP grossomodo fino alle quote troposferiche; vediamo questa mappa a 500hPa:



Una serie di fattori - elencati in questa stessa rubrica ma nell'aggiornamento precedente del 18/12 - determinano una pulsazione quasi meridiana in sede europea che va a porre le basi per una retrogressione fredda su gran parte del territorio europeo, il tutto però si evidenzia solo alle basse quote troposferiche.

Ma ora concentriamo l'attenzione su come si dovrebbe comportare il VPS col passare dei giorni; a tal proposito ho preparato questa animazione che mostra il VPS a 50hPa (piena Stratosfera) a partire da oggi fino ad arrivare a 180 ore.



Si nota come la struttura del Vortice Polare tenda a modificarsi molto e in breve tempo! Cosa succede in pratica? Succede che il lobo "guida" del VP, attualmente posizionato come abbiamo visto prima tra Canada e Groenlandia, tende a lasciare la sua posizione per lanciarsi verso Est finendo la sua corsa in terra Siberiana.

Tale evoluzione è presto inquadrata anche alle quote più inferiori, ossia quelle troposferiche (500hPa in primis). Ho indicato con una freccia nera il nucleo "madre" del VP che si sposta dal Canada alla Siberia in accordo con ciò che succede più in alto.




Cosa succede alle basse quote troposferiche in presenza di questa situazione ed evoluzione del Vortice Polare? Considerando che l'azione della "grande trottola" perde d'intensità tra Islanda e Groenlandia è auspicabile l'instaurazione di una sorta di blocco anticiclonico. Ma cosa possiamo dedurre qualcosa in più? Che so, per esempio l'intensità di questo blocco? Si, lo possiamo fare.

Prendiamo la quota di 50hPa e vediamo che differenze possiamo notare tra due mappe, una attuale e una in previsione a 8/9 giorni.







Con la freccia gialla ho voluto evidenziare la differenza di gradiente di geopotenziali in area nord-atlantica; più il gradiente è rapido,  maggiore robustezza hanno le due figure che si contrappongono (basse pressioni e alte pressioni) nei medio-bassi livelli troposferici; un gradiente minore significa una situazione più "blanda", caratterizzata quindi da una minore incisività del blocco.

Il tutto è evidenziabile nelle quote troposferiche, dove le proiezioni danno appunto un'alta pressione in sede Nord-atlantica e islandese con valori decisamente non trascendentali; un blocco con tali caratteristiche permette quindi un parziale mantenimento dell'azione del VP in sede atlantica, che si esprime poi in varie depressioni che si evincono però solo nei bassi livelli troposferici, in quanto non supportati da bassi geopotenziali "tipici da Vortice Polare".



Il risultato è, quindi, un VP molto attivo e poco disturbato in sede polare..ma la sua vasta estensione (fenomeno assolutamente non presente negli ultimi 2 anni) permette l'insinuarsi di cellule di HP alle alte latidudini che vanno a modificare il regime di correnti - da occidentali a orientali - soltanto nei bassi livelli troposferici.

Al prossimo aggiornamento.

Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2017 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI