Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Mercoledì 17 aprile 2024 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 16/04/2024
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Webcam

www.meteogiuliacci.it

17/04/24, ore 1:34

Temperatura: 9.4°C
Umidità relativa: 80%
Pressione: 1006.4mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

17/04/24, ore 1:36

Temperatura: 10.0°C
Umidità relativa: 70%
Pressione: 1007.1mB
Tendenza per la settimana 26 novembre-2 dicembre 2007   Inserito il› 25/11/2007 10.16.24
Si è definitativamente concluso l'episodio perturbato che ha caratterizzato questa settimana, grazie alla rapida espansione di un promontorio dell'alta pressione delle Azzorre. La circolazione depressionaria che fino a ieri ha interessato le regioni tirreniche e del NordOvest è ormai ridotta ad una goccia fredda in moto retrogrado verso le coste dell'Algeria e del Marocco. L'onda altopressoria oceanica da una parte si spinge verso la Groenlandia in sinergia con il profondo vortice scandinavo, dall'altra parte protende un cuneo verso l'Italia. In queste ore è già evidente quel massiccio nucleo di aria artica marittima che, secondo quanto enunciato dai Run dei modelli dei giorni scorsi, avrebbe dovuto interessare l'Italia.
 
Analisi situazione odierna - modello GFS - www.wetterzentrale.de
 
 
L'attuale e rapido approfondimento del vortice polare in sede canadese potrebbe essere a mio avviso di cruciale importanza nell'evoluzione europea di questa settimana: infatti nella giornata di lunedì 26 novembre, l'incalzare in pieno atlantco del  vortice polare costringerà l'Onda di Rossby azzorriana a traslare di poche centinai di chilometri verso Est. Si spiega così il dirottare della colata artica verso i Balcani: un debole fronte freddo lambirà le Alpi nordorientali seguito forse da effetti favonici di breve durata.
 
Situazione prevista per lunedì 26 novembre 2007 - modello GFS - www.wetterzentrale.de
 
Nella giornata di martedì 27 novembre: l'irruzione artica avrà conquistato i Balcani fino alla Turchia. In media troposfera si nota il lago freddo sull'Europa orientale, mentre sull'Inghilterra giungerà velocemente da Ovest una massa d'aria temperata legata ad un intenso sistema perturbato atlantico: si può notare nell'immagine sotto il settore caldo (giallo) della depressione seguito da aria oceanica più fredda (verde).
 
Situazione termica ad 850 hPa per martedì 27 novembre 2007
modello GFS -
www.wetterzentrale.de
 
 
L'incalzare del flusso zonale dopo avere traslato l'Onda di Rossby inizierà ad eroderla, riducendone gradualmente l'ampiezza. Anche il modello GME vede l'appiattirsi sull'Europa centrale della cellula di alta pressione. Sul Mediterraneo occidentale sarà ancora presente dell'instabilità: infatti sembra resistere la goccia fredda sulle coste algerine, elemento anche questo da monitorare.
 
Situazione prevista per martedì 27 novembre 2007 - modello GME - www.wetterzentrale.de
 
La fascia di alta pressione si consolida e si estende dalle Azzorre fino ai Balcani: mercoledì 28 novembre si dovrebbe creare una vasta area livellata sul centro Europa con ventilazione scarsa o debole. La distribuzione uniforme di geopotenziali moderatamente elevati lascia pensare allo stabilirsi di inversioni termiche al suolo e quindi al ritorno delle nebbie sulle pianure. Persisterà ancora un vortice chiuso sul Mediterraneo centro-occidentale.
 
Situazione prevista per mercoledì 28 novembre 2007 - modello GFS - www.wetterzentrale.de
 
Uno sguardo in alta troposfera permette di apprezzare il ritorno in grande stle delle Westerlies, ovvero del flusso occidentale atlantico provocato dall'accelerazione rettilinea della corrente a getto polare. Si tratta di una tipica situazione zonale, opposta a quella degli scambi meridiani di tipo artico e tropicale che ha caratterizzato quasi tutto novembre. Il flusso zonale non trasporta importanti scambi di calore tra poli e tropici: è caratterizzato invece dal fronteggiarsi di diverse masse d'aria oceaniche in seno ai treni perturbati in corsa da Ovest. In queste situazioni si assiste ad un rafforzamento dell'anticiclone delle Azzorre e ad un inasprimento del dislivello barico al salire di latitudine, fatto che autoalimenta l'intensità del flusso occidentale.
 
Analisi del jetstream previsto per giovedì 29 novembre 2007 - modello GFS - www.wetterzentrale.de
 
Giovedì 29 novembre: è evidente il flusso zonale sulle medie latitudini europee. Il ciclone di Islanda si approfondisce ulteriormente con la sua ragnatela di isobare molto fitte. L'anticiclone delle Azzorre si ritira leggermente ad Ovest con il suo cuore caldo nella propria sede naturale. Sul vicino Atlantico rafforza ulteriormente il flusso zonale, dal quale potrebbe distaccarsi una lieve diramazione verso il Mediterraneo centrale. L'infiltrazione di aria oceanica più fresca fornirebbe un lieve contributo in grado di rimettere in moto la vecchia goccia fredda algerina. E' quindi probabile una nuova ciclogenesi tra Tunisia e Sardegna con un minimo destinato a raggiungere la Sicilia e le estreme regioni meridionali Italiane. Sul nord-Italia non avremo significative variazioni del tempo.
 
 
Situazione prevista per giovedì 29 novembre 2007 - modello GFS - www.wetterzentrale.de
 
 
Venerdì 30 novembre: si ipotizza un graduale abbassamento del flusso atlantico, che inizia ad assumere ondulazioni sempre più apprfondite. Permane una saccatura sul Tirreno con la depressione in spostamento verso lo Ionio. Passaggi nuvolosi sull'Arco Alpino, lambito da un primo fronte atlantico.
 
 
Media geopotenziali prevista per venerdì 30 novembre 2007- modello Multimodel - www.meteogiornale.it
 
 
Una linea di tendenza, suscettibile di aggiustamenti nel corso dei prossimi RUN vede un abbassamento di latitudine del flusso atlantico. La corrente zonale assumerebbe caratteri via via più ondulati quindi lo scontro tra diverse masse d'aria oceaniche. E' prevista nel fine settimana la discesa di un nucleo freddo nord-atlantico; resta da definire la sua traiettoria ed il suo ingresso nel Mediterraneo, notevolmente importante sulla nostra regione. Multimodel, estrapolando una media dai più importanti modelli di calcolo, ci descrive a grandi linee il prossimo fine settimana.
 
Sabato 1 dicembre: la disposizione delle correnti in quota, tra Ovest e NordOvest, non favorirebbe l'interessamento di importanti sistemi perturbati su Piemonte, Liguria e Lombardia. Un fronte freddo annesso ad una poderosa perturbazione atlantica abborderebbe le Alpi, arrecando nella giornata un aumento della nuvolosità e forse precipitazioni da sfondamento sui settori alpini centrali ed orientali.
 
Media geopotenziali prevista per sabato 1 dicembre 2007- modello Multimodel - www.meteogiornale.it
 
 
Domenica 2 dicembre: l'aria polare nordatlantica (mPk) foriera più di instabilità che di freddo dovrebbe scavalcare le Alpi con venti di caduta sui settori nordoccidentali italiani. Al centro-sud dovrebbe formarsi una nuova depressione.
 
 
Media geopotenziali prevista per domenica 2 dicembre 2007- modello Multimodel - www.meteogiornale.it
 
 
 
Alla luce di quanto descritto dai modelli dovremmo aspettarci una settimana generalmente tranquilla e mite. In Lombardia le temperature oscilleranno intorno ai valori medi, o lievemente sopra; le precipitazioni saranno assenti. L'inverno meteorologico inizierebbe senza temperature rigide e con occasionali precipitazioni seguendo un andamento altalenante dettato dal flusso semiondulato atlantico; una situazione forse più tipica dell'autunno.
 
Spaghi ENS GFS relativi a Verona  - www.wetterzentrale.de
 
 
CONCLUSIONI: si riaprono le porte dell'Atlantico (chiuse praticamente in tutto l'autunno 2007) a discapito degli scambi di calore meridiani. Con il rafforzamento del vortice polare spesso l'Italia è protetta più giorni da una fascia altopressoria che si estende dalle Azzorre fino ai Balcani. Se in una prima fase il flusso occidentale è rettilineo e non perturbato, con il passare dei giorni il flusso tende a deformarsi e ad ondularsi nel passaggio di cicloni extratropicali mobili. Quando i cavi di onda cominciano ad essere più profondi viene in parte erosa la cupola anticiclonica ed il flusso atlantico scende di latitudine. In tal modo anche l'Italia viene interessata dal passaggio rapido di sistemi frontali che, data la direttrice occidentale di moto, apportano variabilità, scarsi apporti precipitativi e temperature miti. L'ingresso di aria polare marittima (motore di questo tipo di tempo) può avvenire dal Rodano come attraverso le Alpi, con tipologie di tempo che vanno dalla pioggia al foehn. Nel caso di questa prossima settimana tempo generlamente buono fino a venerdì 30 novembre; sabato 1 dicembre ingresso di un fronte freddo atlantico seguito da venti di caduta su alcuni settori di Piemonte e Lombardia.
 
Questa è una mia linea di tendenza nel medio termine, suscettible di evoluzioni nel corso delle prossime ore. Si consiglia di consultare quotidianamente il nostro bollettino meteo per le previsioni dettaggliate ed aggiornate.
 
 
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2024 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI