Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Giovedì 18 ottobre 2018 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 17/10/2018
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

18/10/18, ore 4:29

Temperatura: 16.4°C
Umidità relativa: 82%
Pressione: 1016.9mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

18/10/18, ore 4.32

Temperatura: 14.1°C
Umidità relativa: 87%
Pressione: 1017.3mB
1 Gennaio - Tardo-inverno o tardo-autunno? Gran dinamicità e generale mitezza   Inserito il› 01/01/2018 3.39.37
Lunedì 1 Gennaio 2018 - ore 06:00
 
 
 

Le immagini ritraggono l'estrema dinamicità, generalmente di stampo tardo invernale, che sta caratterizzando la nostra regione negli ultimi giorni del 2017; un tramonto mozzafiato in un contesto di foehn, a seguito di una nevicata, Valcava di Torre de' Busi (LC) - 28 Dicembre 2017 (immagine in alto - ph. Maurizio C. Pocchia - STAFF CML); un mare di nubi-basse, originarie del ligure, tracimano dalla pianura nelle aree lacustri, sino a raggiungere l'alta Valchiavenna,  Madesimo (SO) - 31 Dicembre 2017 (immagine in basso - ph. Alessandro Amboldi)

 

Buon 2018 a tutti dallo Staff CML e ben ritrovati per una nuova edizione della "Prima Pagina"!

Settimana di stampo tardo-invernale quella di questi ultimi giorni del 2017, con estrema dinamicità che oserei dire "d'inizio primavera"; ad onor del vero, questa affermazione è quanto mai scorretta poiché, sebbene l'alternanza di isoterme comprese fra i -4°C e +10°C a 850hPa congiuntamente a piogge - rasserenamenti -  nevicate - nubi - foehn (e chi più ne ha, più ne metta) possano ricondurre ad un clima più tipico della prima decade di Marzo, gli effetti al suolo possono essere ben diversi se a farla da padrone è il periodo con le giornate più corte dell'anno. 

E mi riferisco alla pianura padana, specie la bassa, che a fronte di riscaldamenti in quota importanti ha avuto moderati aumenti, mentre a fronte di un rapido raffreddamento in quota, non ha visto oscillazioni verso il freddo degni di nota; per dirla tutta, possiamo dire che la pianura lombarda non ha subito variazioni di rilievo, e le centraline CML confermano la tesi, dato che le temperature medie giornaliere sono rimaste comprese fra i +3 e +5°C per tutta la settimana, mentre in libera atmosfera il tempo è stato ben più "pazzerello". Già, "pazzerello" proprio come solitamente si definisce il mese di Marzo nella cultura popolare; sui nostri monti è stato proprio così, dove si è visto un po' di tutto, specie per un andamento termico incredibilmente variabile.

A livello sinottico abbiamo avuto la presenza di un tipico comportamento semi-zonale, con alternanza di ingressi miti oceanici, ad aria artico-marittima pescata direttamente dall'Islanda che, scendendo verso sud (e approfittando di un parziale indietreggiamento dell'alta pressione) ha scavato una ciclogenesi mediterranea di stampo pienamente tardo autunnale (ma non sembrava Marzo?!); al termine del richiamo caldo-umido, carico di precipitazioni particolarmente "democratiche", è entrato il fronte freddo sotto-forma di Foehn, decretando la fine della perturbazione. Foehn, che ovviamente, era supportato con un tempestivo ri-avanzamento dell'alta-pressione che preme come non mai per guadarsi spazio in Europa centrale, ma puntualmente si vede respinta da incursioni artico-marittime che continuano ad "agitare" le pedine di questo "scacchiere" meteorologico. Alta-pressione che, per questa volta, non aveva geopotenziali tali da rendere stabile il tempo, ma anzi ha mantenuto i cieli nuvolosi per la formazioni del classico tappeto di nubi-basse che dal ligure tracimano in pianura-padana, portando con se persino pioviggini e deboli piogge.

Ma vediamo ora più in dettaglio quanto accaduto nella settimana appena trascorsa sul nostro territorio a livello meteorologico.
 
Il giorno di Natale notte serena o poco nuvolosa con intensi banchi di nebbia in pianura padana, minime piuttosto lineari comprese fra i -2/-3°C della Lombardia occidentale, e i -3/-4°C del mantovano. Gradiente termico delle massime molto accentuato, passando dai +12/+13 del nord-est milanese e bergamasco ai +3°C dell'alessandrino. Dal pomeriggio rapido aumento della nuvolosità, coperto dalla sera con pioviggini sparse.

A Santo Stefano tempo tardo-autunnale, con minime intorno ai +3/+4°C ovunque e massime comprese fra i +5°C dell'ovest Lombardia e +7°C del mantovano. Cielo coperto ovunque, piogge ovunque ma con maggiori accumuli sulle pedemontane occidentali, a scendere gradualmente verso l'Alessandrino e il mantovano, accumuli mai oltre i 13/14mm, milanese entro i 10mm.

Mercoledì 27 Dicembre giornata dal tempo "severo" con ingenti precipitazioni, specie su pedemontane occidentali, con accumuli fino a 70-80mm! Meno pioggia sul mantovano, trovandosi nel pieno del richiamo umido orientale, totalizzando meno di 5mm; milanese compreso fra 60 e 20mm.Minime comprese fra +2 e +4 e massime fra +4 e i +8°C del mantovano. In giornata nevicata nel varesotto oltre i 300m, con accumuli oltre i 380m, con qualche bel centimetro a sorpresa. Gran neve sul resto delle Alpi, generalmente dai 1100m (altezze estremamente variabili a seconda dell'orografia), quota neve in sensibile calo in serata con fiocchi che dall'Oltrepo' si sono spinti persino nel pavese fino alle porte di Milano, sotto-forma di fiocchi misti.

Giovedì 28 Dicembre coperto nella notte con residue precipitazioni, specie su mantovano; graduale ingresso del fronte-freddo, e quindi del foehn, dalle pedemontane con rapido miglioramento del cielo, specie su ovest regione. Minime comprese fra +1 e +3°C in pianura (qualche isolato sotto-zero nella bassa bergamasca, ma per il calo post favonico in serata), massime fino a +11/+12°C sul milanese sotto raffiche di foehn, a scendere verso i 6-7°C del mantovano. Serata splendida, in montagna colori unici, tra neve e tramonto (foto in alto).

Venerdì 29 Dicembre notte e primo mattino sereno, radioso, complice il foehn, in ritirata nel corso della mattina. Dal pomeriggio rapido aumento della nuvolosità cirriforme. Minime comprese fra -3°C e 0°C, ad eccezione di qualche conca briantea e dell'alessandrino, che sono rapidamente piombate verso i -5°C/-6°C. Massime comprese fra +8 e +10°C ovunque, ad eccezione dell'alessandrino e del pavese, che entrati rapidamente nel flusso sud-occidentale, han mantenuto le massime di qualche grado più basse. Da segnalare i -21°C di Livigno.

Sabato 30 Dicembre rapido aumento della nuvolosità notturna per una perturbazione che ha tentato lo sfondamento della barriera alpina (ottime nevicate in Valle d'Aosta), deboli nevicate su alta pianura e colli briantei, accumuli a malapena quantificabili, deboli pioviggini sul milanese. Di giorno parziali schiarite in un contesto di nuvolosità alta e poco organizzata. Minime comprese fra -2°C e 0°C, massime fra i +6°C del pavese e i +9°C del monzese.

Domenica 31 Dicembre, sereno o velato in prima nottata, rapido aumento della nuvolosità medio-bassa dal ligure da metà nottata con estensione a tutta la pianura. Giornata di sole invece sui monti oltre i 1000m in un generale tepore, rialzo dello strato-nuvoloso dal tardo pomeriggio con pioviggini sparse, e deboli nevicate oltre i 1400m, accumuli solo oltre i 1600m. Minime comprese fra -3°C e 0°C, fortemente variabili anche in zone limitrofe in base ai cali locali prima dell'arrivo delle nubi, massime comprese fra i +5/+6 delle pedemontane e i +3°C dell'alessandrino.

E come proseguirà il tempo nei prossimi giorni? 
Per sapere come proseguirà il tempo la prossima settimana, vi consigliamo di seguire quotidianamente i vari aggiornamenti ed in particolare, il nostro Bollettino di Previsione, oltre alle brevi analisi, gli approfondimenti e le curiosità didattiche sulla nostra pagina ufficiale Facebook .

Appuntamento tra sette giorni per la prossima edizione della Prima Pagina.

   
                                                                                                 Maurizio C. Pocchia - Staff CML
Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2018 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI