Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Centro Meteorologico Lombardo - Associazione Culturale per la ricerca sui microclimi della Lombardia
.: Lunedì 18 marzo 2019 
Centro Meteorologico Lombardo - Home Page
Puoi sostenere le nostre attività con una donazione anche minima:
Cerca:
Login Registrati
Home
Prima Pagina
Bollettino CML
Cartina Realtime
Radar precipitazioni
Immagini dal Satellite
CML_robot
Stazioni Online
Estremi 17/03/2019
Webcam
Associazione
Contatti
Privacy Policy
Note Legali

Situazione a Milano

Milano Duomo

www.milanocam.it

18/3/19, ore 18:39

Temperatura: 13.9°C
Umidità relativa: 22%
Pressione: 1015.62mB

Situazione a Como Lago

Como AeroClub

www.meteocomo.it

18/03/19, ore 18.44

Temperatura: 12.1°C
Umidità relativa: 26%
Pressione: 1017.0mB
10 marzo 2019 -Vivace flusso atlantico, tempo instabile sulle Alpi. Prosegue la primavera in Pianura   Inserito il› 10/03/2019 22.04.47
Aggiornato il› 10/03/2019 22.31.43

5 marzo: Bellissima giornata di sole con cieli limpidi e tersi e temperature molto miti grazie all'effetto favonico a Montorfano. Foto di Fabio Fioramonti. 

La prima settimana della primavera meteorologica ha visto il graduale cedimento dell’alta pressione europea che ha regalato un ultimo scorcio di inverno estremamente mite. Merito di un redivivo flusso zonale atlantico che ha confinato i massimi pressori a più basse latitudini. Il Nord-Italia si è praticamente trovato a metà strada tra l’alta pressione sub-tropicale, con i massimi centrati tra Penisola Iberica e Mediterraneo Occidentale, ed il suddetto flusso umido. Nel complesso la settimana è stata caratterizzata da condizioni per lo più stabili ed abbastanza soleggiate sulle aree di Pianura, mentre sulle Alpi, più direttamente influenzate dalle correnti occidentali, hanno vissuto parentesi di tempo a tratti anche perturbato. In particolare nelle giornate di lunedì e mercoledì delle ondulazioni più pronunciate del flusso oceanico hanno portato ad una maggiore curvatura ciclonica delle correnti orientandole dai quadranti sud-occidentali. La presenza dei massimi pressori sul medio-basso mediterraneo ha impedito a questi cavi d’onda di affondare con maggiore decisione verso sud e quindi generare depressioni secondarie che avrebbero garantito fenomeni più estesi sull’intero territorio regionale. Così, i passaggi perturbati alti di latitudini, uniti alle correnti sud-occidentali sempre piuttosto tese alle medio-alte quote, hanno sfavorito decisamente le aree di Pianure, con i fenomeni che sono rimasti per lo più confinati ai settori montani ed aree adiacenti.

Lunedì 4 marzo 2019. Dopo una domenica soleggiata più da piena primavera che da inizio stagione, la settimana esordisce con un peggioramento del tempo. Nubi diffuse su tutto il territorio regionale, più compatte sulle zone alpine e prealpine e sui settori occidentali della regione. Maggiori aperture sugli estremi settori orientali. Piogge e rovesci, per lo più nella prima parte della giornata in maniera diffusa sulle zone alpine e prealpine, e fin sull’alto milanese. Accumuli comunque in generale sotto i 10mm a parte punte locali di 11-12mm tra Brianza, Lecchese orientali e settori orobici. Campo termico decisamente influenzato dalla nuvolosità con valori massimi tra 9-11°C su buona parte del territorio regionale, fino a 15-16°C dove hanno prevalso le schiarite assolate, minime tra i 2°C delle zone rurali ai 7°C delle grandi città. In serata deciso miglioramento con ampi rasserenamenti che favoriscono la veloce formazione di banchi di nebbia anche molto densi su alcune zone di Pianura.

Martedì 5 marzo 2019. L’alta pressione torna a rigonfiarsi verso Nord, si ristabiliscono quindi le medesime condizioni di tempo che c’erano prima del peggioramento di ieri vale a dire cieli sereni e marcata inversione termica con temperature minime localmente, seppur di poco sotto lo 0°C, e massime da marzo inoltrato. Al mattino banchi di nebbia specie sulle zone di Pianura ma in rapido dissolvimento. Minime generalmente tra 1/3°C in Pianura, con valori leggermente sotto 0°C tra Basso Milanese e Pavese, più miti invece i valori sulle pedemontane e nei centri urbani tra 4/6°C. Massime ovunque tra i 16/18°C.

Mercoledì 6 marzo 2019. Giornata in prevalenza stabile su tutti i settori ma con nuvolosità in graduale aumento con il passare delle ore fino z cieli molto nuvolosi coperti nella seconda parte della giornata. In serata prima deboli piogge sui settori nord-occidentali della regione. Temperature influenzate dalla nuvolosità con minima in leggero aumento in generale tra 1/4°C, fino a 6/7°C nel Triangolo Lariano e Milanese. Massime invece in diminuzione comprese tra i 10/12°C dei settori nord-occidentali, fino a 15/16°c delle province orientali.

Giovedì 7 marzo 2019. Nuova ondulazione del flusso zonale, decisamente più pronunciata rispetto alla giornata di lunedì. Flussi tesi alle medio-alte quote da sud-ovest con fenomeni confinati alle aree montuose. Nella notte e nella prima parte della mattinata piogge e rovesci anche consistenti associate al settore caldo con accumuli intorno ai 40mm nel Varesotto, tra i 10-20mm sulle zone alpine centrali ed occidentali generalmente sotto i 10mm sulle aree montuose orientali. Neve a quote piuttosto elevate generalmente oltre i 1300mt, con accumuli solo oltre i 1700mt. Piogge e rovesci si spingono anche su Brianza e Milanese occidentale con accumuli fino a 10-15mm. Tra la tarda mattinata ed il primo pomeriggio, l’onda depressionaria evolve verso levante, accompagnando l’ingresso di un attivo fronte freddo che innesca i primi temporali della stagione. In particolare una linea temporalesca piuttosto organizzata attraversa da ovest verso est praticamente tutto l’arco alpino e prealpino. Accumuli pluviometrici che salgono ulteriormente, con valori tra i 30-50mm sulle zone occidentali tra 20-40mm sulle zone centrali tra i 20-30mm sui settori orientali. Segnalati anche episodi di grandine in particolare nella provincia di Sondrio. In totale ombra pluviometrica il resto della regione, stante i flussi sud-occidentali troppo tesi. Giornata caratterizzata da nuvolosità irregolare a tratti anche compatta, e soprattutto con una ventilazione orientale piuttosto sostenuto con raffiche diffusamente tra i 30-40km con punte anche superiori di 50km/h sul Milanese e sul Bresciano.

Venerdì 8 marzo 2019. Nella notte ed al mattino residue precipitazioni sui settori alpini centrali ed orientali, in particolare modo sulla Valcamonica dove la cumulate superano i 10mm. Altrove gli accumuli pluviometrici non superano tale soglia. Nel corso della giornata si concretizza un generale miglioramento del tempo su tutta la regione con il ritorno di condizioni prevalentemente soleggiate. Temperature in deciso aumento con i valori massimi tra 15/16°C sull’alta pianura, tra i 17/19°C sulla media e bassa pianura, più elevati sul Mantovano. Il campo termico minimo ha risentito fortemente della nuvolosità notturna, con valori tra i 3°C delle conche più fredde, fino agli 8/9°C delle zone pedemontane e dei centri urbani.

Sabato 9 marzo. Nella notte qualche debole precipitazioni interessa i settori orobici Orientali; si tratta comunque di piogge poco significative con cumulate in generale intorno ad 1mm. Per il resto della giornata tempo stabile, con cieli generalmente nuvolosi o poco nuvolosi per il passaggio di nubi alte. Temperature ancora miti con valori tra i 16/18°C su tutto il territorio, con qualche punta di 19°C nella bassa nelle zone confinali con l’Emilia. Minime tra i 3/5°C.

Domenica 10 marzo. Giornata tranquilla con tempo stabile e cieli nuvolosi per il transito di velature. Ancora una giornata mite con valori sostanzialmente invariati rispetto alla giornata di ieri.

Come proseguirà il tempo della settimana? Inizio turbolento, con venti anche forti attesi nella giornata di domani su tutta la nostra regione. Per ulteriore dettagli vi invitiamo a consultare il nostro quotidiano e dettagliato Bollettino di Previsione, nonché le analisi, approfondimento e curiosità della nostra pagina ufficiale Facebook.

Appuntamento al prossimo fine settimana per una nuova edizione della Prima Pagina. 


Ascanio Luigi Scambiati - CML

Tutto il materiale contenuto in questo sito, salvo dove sia espressamente indicata una diversa fonte, è Copyright 2000-2019 © Centro Meteorologico Lombardo (CML) e ne è vietata ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta del CML. Le testate giornalistiche regolarmente registrate potranno tuttavia liberamente pubblicare i dati meteorologici presenti nel sito, seppur con l'obbligo di citare la fonte con la dicitura: "Dati Rete CML - www.centrometeolombardo.com". Tali dati non sono validati dal CML, salvo quando espressamente indicato, e pertanto il loro scopo è da considerarsi esclusivamente informativo. Il CML ed i suoi collaboratori non sono in ogni caso responsabili dell'utilizzo fatto da terzi del materiale qui riprodotto e non si assumono alcuna responsabilità circa i contenuti presenti nelle pagine raggiungibili da questo sito, ma pubblicate su server esterni. Clicca QUI per consultare per esteso le Condizioni Generali d'utilizzo del sito.
Durante la navigazione in questo sito, potrebbero essere visualizzati messaggi pubblicitari che si avvalgono di cookie. Clicca QUI per sapere cosa sono e come disattivarli se desideri tutelare maggiormente la tua privacy.
Associazione Centro Meteorologico Lombardo - Via Cristoforo Colombo, 10 - 20018 Sedriano MI - P.IVA 05815400964 | CONTATTI | PRIVACY POLICY | NOTE LEGALI